Valeria Solarino madrina del Nice

L'attrice italiana sarà la star principale del festival cinematografico dedicato alle proiezioni del Belpaese, che si terrà a San Pietroburgo e a Mosca

Il photo-call di Valeria Solarino per FoxTv a cura di Fabio Lovino (2009). (Video caricato da teatroeliseo di Roma in data 10 gennaio 2012)

Nel 2011 sono state serate da tutto esaurito. E per quest’anno si attende l’en plein. Per la 15esima volta la Russia si prepara a ospitare il festival Nice, la rassegna cinematografica dedicata ai migliori film italiani degli ultimi anni.

Un appuntamento che parte da San Pietroburgo (dal 18 al 26 marzo 2012) e raggiunge Mosca (dall’11 al 17 aprile 2012), in un carosello di star e attori che richiamano centinaia e centinaia di fan. Oltre duemila i biglietti staccati nella precedente edizione della manifestazione, per un totale di 15 proiezioni che hanno lanciato in Russia film come “La prima cosa bella” di Paolo Virzì e “18 anni dopo” di Edoardo Leo.

Valeria Solarino  (Foto: Getty Images/Fotobank)

Nell'edizione 2012 la sfida riparte, e riparte alla grande dopo la notizia che sarà l’attrice Valeria Solarino la madrina di questa nuova edizione del festival, diretto da Viviana del Bianco.

Ancora una volta il programma si presenta particolarmente ricco: nove i titoli italiani in concorso, seguiti da quattro eventi speciali per un totale di cinque premi da assegnare.

In sala verranno proiettati "Una vita tranquilla" di Claudio Cupellini, "20 sigarette" di Aureliano Amadei, "Il primo incarico" di Giorgia Cecere, "C’è chi dice no" di Giambattista Avellino, "Il padre e lo straniero" di Ricky Tognazzi, "Questo mondo è per te" di Francesco Falaschi, "Il gioiellino" di Andrea Molaioli, "Due vite per caso" di Alessandro Aronadio e "L’estate di Martino" di Massimo Natale.

Tra gli eventi speciali, la proiezione de “Il Gattopardo” di Luchino Visconti (1963), sottotitolato in russo, nella splendida cornice dell'Ermitage di San Pietroburgo.

Tutte le informazioni sul Nice sul sito ufficiale del Festival 


Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta