Garanzia italiana sugli investimenti russi

Foto: Itar-Tass

Foto: Itar-Tass

L'azienda Sace, specializzata in assicurazioni sui crediti, si è aggiudicata il contratto di advisory per la nuova agenzia governativa Exiar

La tutela economica e giuridica degli investimenti effettuati è una delle discriminanti più rilevanti per le aziende che decidono di investire all’estero. A maggior ragione quando il mercato di destinazione non rientra sotto l’ombrello normativo dell’Unione Europea e presenta differenze culturali difficili da colmare. Per questo motivo assume un particolare rilievo il contratto siglato da Sace in Russia.

L’azienda specializzata in garanzie sui crediti, partecipata al 100% dal Ministero italiano del Tesoro, si è aggiudicata il contratto di advisory per Exiar, la nuova agenzia russa per l’assicurazione del credito all’esportazione e agli investimenti, creata sul finire dello scorso anno e controllata dalla Banca di sviluppo russa Vnesheconombank (Veb). Sace ha superato le altre pretendenti occidentali, compreso il consorzio capitanato da due colossi del settore come Euler Hermes e PricewaterhouseCoopers.

Alla realtà italiana è stata riconosciuta l’eccellenza nel know-how per quanto concerne le competenze tecniche e specialistiche. Pertanto, Sace curerà l’intero programma di formazione per i professionisti della nuova agenzia, dai prodotti ai processi, dalle tecniche di gestione alla valutazione dei rischi.

La collaborazione tra Sace e Exiar sarà ulteriormente rafforzata dalla firma di un memorandum d’intesa che punta a rafforzare le opportunità commerciali e di investimento all’estero, in particolare nei rispettivi mercati di riferimento e in quelli dell'area Csi, “mediante lo scambio di informazioni tecniche e attività di cooperazione sui progetti attuali e potenziali”, come recita una nota diffusa dalla stessa Sace, nel cui portafoglio la Russia già oggi rappresenta il primo mercato estero con un’esposizione di circa 5,4 miliardi di euro. In sostanza, dell’accordo beneficeranno tanto le aziende italiane impegnate negli investimenti in terra russa, quanto quelle russe in Italia.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta