Pushkin a Brera, il museo resta chiuso

Uno dei quadri esposti (Foto: Ufficio Stampa)

Uno dei quadri esposti (Foto: Ufficio Stampa)

Manca il personale e la mostra organizzata a Milano in occasione dell’Anno di interscambio tra Russia e Italia sbarra l’ingresso nei giorni festivi

Brera incontra il Pushkin. Ma il Pushkin non incontra i visitatori. Sta creando scalpore la notizia che la mostra organizzata in occasione dell’Anno di interscambio culturale tra Russia e Italia, denominata per l’appunto “Brera incontra il Pushkin. Collezionismo russo tra Renoir e Matisse” ha tenuto chiusi i battenti. Lasciando il pubblico fuori dalla porta della storica pinacoteca milanese.

E così, nonostante le opere di Caravaggio nella capitale russa stiano ottenendo un enorme successo, quelle provenienti dal Museo Pushkin di Mosca, esposte a Brera fino al 5 febbraio 2012, rischiano il flop.
Il problema sarebbe legato all’assenza di personale durante gli orari di visita. Mancano i custodi, e parte del museo resta chiuso. È già successo nei giorni festivi e nel ponte dell’8 dicembre 2011. E rischia di succedere ancora, a causa di un disguido tra organizzatori.

Stupore e malcontento da parte dei visitatori, che si sono ritrovati fuori dalla porta, senza la possibilità di visitare le opere di Cezanne, Gauguin, Monet e Matisse raccolte a inizio Novecento dai critici russi Sergei Scukin e Ivan Morozov durante i loro numerosi viaggi per l’Europa.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta