Indimenticabile Transiberiana

Un viaggio sulla Transiberiana richiede agli stranieri una lunga preparazione prima della partenza (Fonte: Lori/LegionMedia)

Un viaggio sulla Transiberiana richiede agli stranieri una lunga preparazione prima della partenza (Fonte: Lori/LegionMedia)

Sulla ferrovia più lunga del mondo che attraversa tutta la Russia, l`esperienza di viaggio di due giovani, tra paesaggi mozzafiato e incontri eccezionali

Viaggiare in treno in Russia è un po' come andare su un'isola deserta o sulla cima di una montagna; si è completamente tagliati fuori dal mondo, quindi è meglio rilassarsi e godersi il viaggio. Sono riuscita a prendere il treno per Perm. La mia amica Giulietta e io avevamo deciso di percorrere una tratta della ferrovia Transiberiana durante le mie ferie di due settimane. Lei, ahimè, era arrivata a Mosca dal Regno Unito con il piede avvolto da una scarpa speciale a causa di una ferita da ustioni chimiche. Dire che zoppicava sarebbe un eufemismo.

Siamo arrivate ​​alla stazione con del tempo ancora disponibile e ci siamo concentrate per trovare il binario uno e il treno che doveva condurci alla prima fermata del viaggio, Perm. Dopo aver accompagnato Giulietta al binario, lei ha insistito per farmi andare a comprare delle scorte per le nostre 28 ore di viaggio mentre lei zoppicava con i nostri bagagli verso il vagone numero 12.

Il viaggio da Mosca a Irkutsk è durato nove giorni, con tappa a Perm, Ekaterinburg, Krasnoyarsk, Ulan-Ude e Irkutsk. Abbiamo trascorso una settimana in più a Olkhon nel lago Bajkal. I nostri biglietti per Irkutsk ci sono costati circa 7.000 rubli per un viaggio in terza classe nel mese di agosto. La prenotazione tramite il sito ufficiale delle Ferrovie Russe  è generalmente più economica rispetto all'utilizzo delle agenzie di viaggio.





In treno si è completamente tagliati fuori dal mondo: manca la connessione a Internet e le chiamate, anche da telefoni cellulari russi, sono costose, meglio godersi il viaggio. La parte più lunga sulla Transiberiana è durato 36 ore tra Ekaterinburg e Krasnoyarsk. Il pensiero di un viaggio di 36 ore ha provocato tremiti di orrore da parte di amici e parenti a casa, ma in Russia, questo è niente. Durante il nostro tour su rotaia abbiamo incontrato diverse persone che andavano fino a Vladivostok o Blagoveshchensk al confine con la Cina, a cinque giorni di viaggio da Mosca. Mi ricordo di essermi resa conto di quanto grande fosse questo Paese quando, chiedendo pochi anni fa ad alcune persone a San Pietroburgo da dove venissero, mi è stato risposto: "Due giorni da Vladivostok in treno".



Ma per attraversare la Russia è sufficiente disporre di tempo e di un po' di soldi: Giulietta e io abbiamo viaggiato in terza classe per tutto il tragitto, il nostro biglietto più costoso è stato di circa 3.000 rubli (poco più di 70 euro) da Ekaterinburg a Krasnoyarsk, per una tratta di circa 2.389 chilometri.



Viaggiare in treno è un'occupazione rilassante: se siete in terza classe o al di sopra, si ha la propria cuccetta e le uniche preoccupazioni sono mangiare e dormire. Giulietta e io abbiamo abbondato in entrambe. Per sentirsi sul treno come a casa propria, bastano solo un paio di tocchi di luce e un po' di preparazione e non vorrete mai più andarvene.



Per godersi il viaggio, è importante rendersi conto che, sorprendentemente, i russi sono piuttosto sensibili al freddo. In quasi tutti i periodi dell'anno, quindi, i vagoni sembrano essere sul punto di arrostire. Ma fortunatamente per noi, la finestra della nostra carrozza è caduta dal treno nello scompartimento nel tragitto da Perm a Ekaterinburg. Questo evento ha causato le proteste di numerose persone preoccupate di prendere un raffreddore, anche se fuori c'era una temperatura di 20 gradi centigradi.





Per essere preparati a questa situazione, è quindi sensato scegliere un treno con un numero inferiore di carrozze, perchè sono di una qualità migliore ed è una buona idea portare abiti leggeri e freschi come anche salviette umide, che servono al duplice scopo di rinfrescare e fornire sollievo dalla sporcizia.



Per riuscire a dormire bene, portare tappi per le orecchie, una maschera per gli occhi, un maglione caldo e delle ciabattine: il maglione può essere utilizzato come cuscino e le ciabattine sono un'alternativa più pratica alle scarpe da passeggio.



Durante i preparativi per il treno, Giulietta e io abbiamo pensato di aver risolto tutte le potenziali insidie ​​dei treni e che avevamo preparato a meraviglia i bagagli. Anche se abbiamo portato con noi libri, lettori di musica e un mazzo di carte per rompere il ghiaccio con gli altri passeggeri, dopo qualche giorno sul treno, abbiamo incontrato qualche difficoltà nel vagone ristorante.


A un esame più approfondito, abbiamo scoperto che i russi nella nostra carrozza erano attrezzati con servizi da tavola (completi di tazze e piattini) mentre noi, invece, avevamo solo un coltello smussato e una forchetta da dividerci, una scatola di plastica e due tazze. Anche se chiedere in prestito degli utensili da cucina è una buona scusa per conoscere i propri compagni di viaggio, è comunque una buona idea arrivare meglio equipaggiati di modo che, quando si acquista del pesce affumicato, lo si può mangiare senza sembrare Dracula.

Il pesce è un elemento chiave di qualsiasi viaggio in treno, il suo odore aleggia in tutte le carrozze mescolandosi con il profumo di aneto, patate lesse, spaghetti e sudore. Non è sgradevole, ma è certamente evidente se si sale di nuovo sul treno, dopo 20 minuti di sosta all'aria aperta in mezzo al nulla siberiano.



Il bello di viaggiare in treno è che si possono vedere molti posti senza dover andare davvero da nessuna parte: il treno sfreccia accanto a piccoli villaggi e alle dacie per poi fermarsi in un baccano sgradevole quando la gente corre giù dal treno comprando giocattoli, birra, pesce secco, pezzi di carne e gelati. Poi al suono del fischio, tutti rimettono a posto i pacchetti e saltano sul treno fino alla fermata successiva, dove il rito si ripete.



Una volta ritornati sul treno, i nuovi acquisti vengono mostrati e condivisi fra i piccoli scompartimenti del vagone, patate all'aneto vengono scambiate con piccole torte o salsicce. I russi sono incredibilmente ospitali, per cui è meglio avere abbastanza cibo da condividere e da offrire in cambio. Condividere il cibo con i propri compagni di viaggio è anche un buon modo per incoraggiarli a stare attenti alle proprie cose, specialmente se si viaggia da soli.



La cena sul treno è spesso accompagnata da birra o da tè nero caldo comprati dall'assistente di carrozza. Questi assistenti sono di solito donne e trascorrono la loro vita lavorativa viaggiando per tutta la Russia. Durante il nostro viaggio verso Perm, la bruna Nadezhda e la bionda Tatiana ci hanno spiegato che lavorano per nove giorni sul treno e poi hanno nove giorni di riposo. Il loro lavoro è faticoso, difficile e le porta a migliaia di chilometri di distanza dalle loro famiglie. Un grande sorriso può aiutare molto con l'assistente, che può anche vendere snack a buon mercato e dare consigli sui luoghi da visitare lungo il percorso.



Anche i compagni di viaggio sono felici di rispondere alle richieste di informazioni; la tratta per il lago Bajkal e la Mongolia è popolata da stranieri di diverse nazionalità, quindi se non si parla il russo, non ci si dovrebbe sentire troppo spaesati: dopo i giorni passati sul treno si diventa una grande famiglia felice.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta