Kargopol, la stella della Russia del Nord

Foto: William Brumfield

Foto: William Brumfield

Città di artigiani e mercanti, fu fondata nell’XI secolo nella regione di Arkhangelsk, punto strategico sulla via commerciale per il mar Bianco. Un gioiello, le cattedrali in legno e pietra bianca

Foto: William Brumfield

Fra i tanti tesori del Nord russo di interesse storico, uno dei più ricchi è sicuramente la città di Kargopol, situata nella parte Sud-occidentale della regione di Arkhangelsk. Questo piccolo capoluogo, di circa 12.000 anime, venne fondato presumibilmente nell'XI secolo. Le splendide chiese della città ricordano i fasti del passato, quando, tra il XVI e XIX secolo, faceva parte di un itinerario commerciale strategico lungo il fiume Onega fino al mar Bianco.

Il nucleo storico di Kargopol si avvicina a quelli che erano i suoi confini ancora nel XVI secolo e uno degli aspetti più affascinanti della città è proprio la concentrazione di musei e dei maggiori punti di riferimento architettonici in un'area facilmente accessibile. La città è distribuita secondo una planimetria a griglia molto regolare che risale ai tempi di Caterina la Grande, con blocchi di di case di tronchi a uno o due piani, per la maggior parte fornite di una copertura di assi. Le finestre hanno cornici dagli intagli elaborati e anche le grondaie hanno spesso delle cornici decorative. In questa città di mercanti, artigiani, religiosi e impiegati gli intagli decorativi delle case di legno riflettevano un modesto benessere e uno stile di vita profondamente radicato nella tradizione.

Mentre si passeggia per le stradine fiancheggiate dalle case di legno, il principale punto di riferimento della città salta subito agli occhi: una grande torre campanaria costruita verso la fine del XVIII secolo vicino alla Cattedrale della Natività di Cristo, edificata in roccia calcarea locale nel decennio 1552-62.

Dopo la rinascita della città in seguito a un incendio devastante nel 1765, la zona circostante la Cattedrale della Natività venne ripulita per fare il Mercato Nuovo, confinante a Nord-Est con la Chiesa della Natività di Giovanni il Battista (1740-51). La parte Nord-occidentale della piazza della cattedrale venne completata dalla Chiesa della Presentazione della Vergine, costruita nel 1820 in uno stile arcaicizzante.

Nella parte orientale della città, vicino a un'antica fortezza di terra, si erge la grande Chiesa della Resurrezione, costruita in roccia calcarea alla fine del XVII secolo ma con uno stile che ricorda le cattedrali russe di due secoli prima. Vicino c'è la Chiesa della Trinità, iniziata nel 1790 e completata nel 1802 in un insolito stile neo-bizantino.

La parte occidentale di Kargopol contiene un altro gruppo di edifici sacri, tra cui la Chiesa dell'Annunciazione, completata nel 1692. Anch'essa è in pietra e ha una struttura imponente, con alte finestre incorniciate da elaborati dettagli ornamentali. Accanto ad essa c'è invece il candido cubo della Chiesa settecentesca di San Nicola, alla quale mancano quattro delle sue cinque cupole originarie. Queste erano le chiese che delimitavano il Mercato Vecchio, ulteriormente valorizzato dalla lirica bellezza della Chiesa della Natività della Vergine, completata nel 1680 ( al momento attuale, una delle due chiese ortodosse funzionanti della città). Nell'estremità occidentale della città, leggermente soprelvata, si innalza la chiesa di costruzione più tarda che sia sopravvissuta a Kargopol: quella dei Santi Zosima e Savvatij, portata a termine nel 1819, in occasione di una visita dello zar Alesandro I.

Come altre antiche città russe che restarono fuori dai circuiti ferroviari, Kargopol sprofondò in un profondo torpore a cavallo del XX secolo. Nonostante la distruzione e gli atti di vandalismo di cui furono vittima molte sue chiese in epoca sovietica, Kargopol è riuscita a mantenere come pochi altri luoghi l'aura aggraziata del suo passato.

Informazioni per chi viaggia

La strada più comune per raggiungere Kargopol è quella del treno Mosca-Arkhangelsk, che ferma a Niadoma, 90 chilometri a Est di Kargopol. Dalla stazione di Niadoma è possibile noleggiare un'auto privata. Kargopol ha un piccolo albergo che è stato rinnovato di recente. Le stanze, alcune delle quali col bagno privato, sono pulite, e il ristorante dell'albergo (aperto solo in estate) è di livello accettabile. E' possibile organizzare anche soggiorni in case o appartamenti. Per informazioni su musei e visite guidate si può contattare il Museo di Arte e Storia di Kargopol (tel.: 8-818-41-21-496).

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta