Venezia, capitale della cultura russa

Foto Itar-Tass

Foto Itar-Tass

A marzo in Laguna verrà inaugurato il Centro per lo studio della Lingua e della Cultura russa. Alla cerimonia, la moglie del Presidente Medvedev, grande sostenitrice del progetto.

A Venezia le tradizioni della Federazione saranno di casa. Il Centro per lo studio della Lingua e della Cultura russa verrà infatti inaugurato nel capoluogo veneto a marzo, come ha comunicato la moglie del Presidente russo, Svetlana Medvedeva, durante l'incontro col Ministro dell'Istruzione italiano Maria Stella Gelmini, lo scorso 17 febbraio a Roma.

“Vorrei che l'apertura del Centro presso l'Università veneziana Cà Foscari venisse celebrata in modo particolare”, ha detto la signora Medvedeva. Secondo la first lady russa, “la città di Venezia, indissolubilmente legata a grandi nomi della cultura come quelli di Igor Stravinskij e Iosif Brodskij, avrà nel nuovo Centro un avamposto permanente della cultura russa”.

La moglie del Presidente russo si è detta inoltre certa che il Centro riuscirà ad aggiungere una nuova sfumatura alla già ricca tavolozza veneziana. La signora Medvedeva ha poi affermato di voler essere presente in prima persona all'inaugurazione del Centro, che è stato creato col patrocinio della Fondazione per le iniziative socio-culturali da lei presieduto.

La Fondazione, a dicembre e maggio di ogni anno, organizza, tra l’altro, una kermesse dedicata alla cultura russa nella città di Bari, il festival “La giovane cultura russa in Italia” nella regione del Lazio, mentre nel mese di settembre a Milano si svolge l'iniziativa della “Serata russa”, durante la quale si esibiscono i migliori musicisti russi e vengono presentate le creazioni dei più importanti artisti e stilisti russi.

La signora Medvedeva ha così espresso la speranza che i nuovi appuntamenti in programma per l'Anno della cultura e della lingua russa in Italia, forniranno agli italiani una valida opportunità per conoscere più da vicino le tradizioni e i maestri russi. “La geografia degli scambi culturali quest'anno interesserà quasi la totalità dei nostri due Paesi, e mi fa molto piacere che non sia limitata alle capitali, Mosca e Roma, ma che anche città come San Pietroburgo, Milano, Firenze, Bari e Venezia partecipino attivamente all'iniziativa”, ha concluso.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta