Fine dei giochi per i Gordon Gekko russi

Medvedev vuole trasformare Mosca in un centro della finanza internazionale.Foto di ITAR-TASS

Medvedev vuole trasformare Mosca in un centro della finanza internazionale.Foto di ITAR-TASS

L’insider trading è reato. Dopo dieci anni di consultazioni, la Duma ha infine vietato di trarre profitto in Borsa dal possesso d’informazioni privilegiate.

Gordon Gekko avrebbe amato la Russia. Mentre il sequel del film Wall Street di Oliver Stone divenuto ormai un classico sta arrivando nelle sale del Paese, la Duma ha finalmente approvato il progetto di legge che vieta l’abuso di informazioni privilegiate, le cosiddette operazioni di insider trading . Le stesse che nel film uscito nel 1987 portavano all’arresto di Gekko e del suo protetto Bud Fox. Era da più di 10 anni che le autorità russe discutevano su una delle più elementari leggi che governano i mercati azionari. Sino a oggi però, gli interessi in gioco avevano impedito di raggiungere qualunque decisione. La nuova legge rientra nel più ampio tentativo del presidente russo Dmitri Medvedev di trasformare Mosca in un centro della finanza internazionale, grazie a un’iniziativa lanciata nell’aprile del 2008 poco prima che i mercati iniziassero la loro caduta libera.

Troppe persone si sono arricchite in Russia traendo profitto da informazioni privilegiate. La nuova legge descrive chiaramente quale tipo d’informazione può essere considerata “privilegiata” e chi tra dirigenti e personale autorizzato può essere considerato insider. Quanti manipolano i prezzi rischiano un’ammenda che va dai 20mila al milione di rubli (tra i 523 e i 26mila euro) o sino a sette anni di reclusione. Multe analoghe, o il carcere da due a sei anni, sono invece previste per chi fa uso improprio o rende pubbliche delle informazioni riservate. «La nuova legge rappresenta un significativo passo avanti - commenta Kim Iskyan, uno dei direttori di Eurasia Group, società di consulenza - ma prima d’investire gli investitori vorranno vedere dei risultati duraturi che dimostrino come Mosca sia un centro finanziario affidabile».


Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta