Torta Napoleon

La torta Napoleon (Foto: Russia Expo 2015)

La torta Napoleon (Foto: Russia Expo 2015)

Dal Padiglione Russia dell’Expo alla cucina di casa vostra: ecco una selezione delle migliori ricette russe presentate agli ospiti dell’Esposizione universale di Milano

Difficile trovare una vera e propria storia per la torta “Napoleon”. Un dolce simile esisteva già a inizio XIX secolo in molti paesi europei e la somiglianza con le millefoglie francesi è evidente.

La prima citazione della torta “Napoleon” è del 1912 quando, per festeggiare il 100° anniversario dalla cacciata di Napoleone dalla Russia, i pasticceri moscoviti idearono una torta “Napoleon” triangolare, per ricordare il caratteristico cappello del caduto imperatore.

Ora è presente su tutti i menù di dolci della Russia. Degno di nota è il fatto che sia diventato un dolce “casalingo”. In ogni casa ne esiste una versione differente, anche per la preparazione dell'impasto. Dunque, non esiste una ricetta classica e riconosciuta della torta “Napoleon”. Quando viene servita a tavola, diventa inevitabilmente oggetto di numerose domande da parte degli ospiti, curiosi di conoscere i dettagli della ricetta e del metodo di preparazione.

Ingredienti:

1 uovo
mezzo bicchiere d'acqua
mezzo cucchiaino di aceto
250 gr di burro
2,5 bicchieri di farina
un quarto di cucchiaino di soda
mezzo cucchiaino di sale
1 cucchiaio di Cognac

Per la crema:
200 gr di burro
1 lattina di latte condensato

Preparazione:

Sbriciolare il burro freddo e mescolarlo con la farina lasciandolo a pezzi di media grandezza.

Sbattere lievemente l'uovo con l'aggiunta di un pizzico di sale. Mescolare una piccola quantità di aceto con la soda (abbastanza per creare le bolle) e diluire con l'acqua.

Versare l'uovo sbattuto e il liquido così ottenuto nell'impasto di burro e farina. Mescolare velocemente per evitare che il burro si sciolga. L'impasto non sarà uniforme, ma continuerà a presentare il burro a pezzetti.

Dividere l'impasto in cinque parti e farne delle palle. Avvolgerle in carta stagnola e riporle in un luogo freddo.

Successivamente stendere le sfoglie fino a 3-4 mm di spessore e infornarle a 200°C fino alla doratura.

Per preparare la crema: montare il burro ammorbidito. Continuando a sbattere, versare gradualmente il latte condensato.

Coprire ogni strato di torta con la crema e sull'ultimo strato cospargere anche alcune briciole dell'impasto. Riporre al fresco per una notte.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta