Come conquistare il cuore di una russa

26 maggio 2016 Vitalij Zubtsov, RBTH
Fiori sì o fiori no? E quanti? Chi deve pagare il conto al ristorante? Ecco qualche semplice ma importante consiglio per decifrare l’indole enigmatica delle fanciulle dell’est. Ed evitare ingenue sviste
Russian women survival guide
In Russia i fiori di un bouquet devono essere sempre in numero dispari. Fonte: Panthermedia / Vostock-photo

Per decifrare l’indole enigmatica di una ragazza russa non bisognerebbe tanto leggere questo breve manuale di sopravvivenza quanto Dostoevskij o Tolstoy. Ma i classici russi, com’è noto, non si sono mai distinti per la loro brevità. E spedirvi in biblioteca alla vigilia del vostro primo appuntamento con Natasha o Irina sarebbe da parte nostra a dir poco disumano. Così, se volete che al vostro primo incontro ne segua anche un secondo, per cominciare prendete confidenza con queste regole brevi sì, ma di vitale importanza.

Tutte le donne in Russia sono ragazze

Da noi non è consuetudine rivolgersi a una rappresentante del gentil sesso chiamandola “donna” (женщина, zhenschina), “bambina” (девочка, devochka) o “baby” (бейби, baby). Anche se la vostra prescelta è ben oltre la soglia dei 45, quando vi rivolgete a lei chiamatela “ragazza” (девушка, devushka). Ogni altro appellativo non solo la infastidirà, ma potrebbe essere ritenuto offensivo. 

Il conto al ristorante o al caffè

Non sono ammesse varianti: in Russia una ragazza si aspetta che siate voi a pagare il conto, anche se formalmente è stata lei a invitarvi. Persino nel caso in cui voi abbiate ordinato solo un caffè e lei un pranzo di cinque portate seguito dal dessert. Altrimenti a Mosca la ragazza in questione si convincerà di essere uscita con un taccagno. Se è beneducata, prenderà la sua borsetta e farà finta di voler dividere a metà. Ma credete, si tratta solo di una provocazione.

Scopri di più: Il segreto delle donne. Fonte: Reuters

Le borse

Con buona pace del femminismo, una ragazza russa quando va a far la spesa lascia questo concetto sicuramente a casa. Quindi se alla cassa davanti a voi ci sono due sacchetti, uno leggero e l’altro un po’ più pesante, la mossa giusta sarà prenderli entrambi. E l’ideale sarà assicurarvi che la vostra compagna non tenga in mano che la sua borsetta.

Segni d’attenzione

Le ragazze russe sono molto più sensibili a certe manifestazioni di galanteria che non quelle occidentali. E di sicuro se le aspettano da voi. Aprire a una signora la portiera dell’auto, aiutarla a indossare il cappotto, darle la precedenza all’ingresso o all’uscita di un edificio certo saranno regole convenzionali, ma sono tuttora valide. A proposito delle regole su come comportarsi all’ingresso e all’uscita: nella stragrande maggioranza dei casi va data la precedenza alla ragazza, eccetto che in ascensore: qui nella cabina dev’essere l’uomo a entrare per primo. Forse perché se la cabina dovesse essere assente, sarebbe meglio che la vittima fosse l’uomo piuttosto che la ragazza. 

Scopri di più: Se sei italiano, ti sposo! Fonte: shutterstock

Fiori

In primo luogo regalateli sempre. In secondo, in Russia i fiori di un bouquet devono essere sempre in numero dispari. Si ritiene infatti che in numero pari portino alla tomba. Benché i fiorai di oggi sostengano che un verro mazzo debba avere più di dieci fiori, non bisogna troppo arrovellarsi sulla questione. In fondo è semplice: o ne acquistate in numero dispari, o ne prendete così tanti che contarli risulterà poi impossibile.

Il ritardo

In Russia a tutte le donne è consentito arrivare in ritardo agli appuntamenti, è praticamente una legge. Se una ragazza arriva con 10-15 minuti di ritardo rispetto all’ora convenuta, comportatevi come se niente fosse. I motivi potrebbero essere di svariata natura: di ordine oggettivo, come un ingorgo o una riunione di lavoro. Soggettivi: non riusciva a decidere quali fossero le scarpe più adatte al suo cappotto. Oppure divertenti: era arrivata in orario, ma è rimasta dietro l’angolo per 20 minuti per non apparire troppo assillante, dato che sua madre le ha insegnato che una ragazza, se ha stima di se stessa, non deve mai arrivare in orario. Cercare di capire che cosa è realmente accaduto può essere inutile e persino indelicato. Sorridete e ditele che siete felici di vederla, anche se ormai è sceso il buio e avete già fatto in tempo a congelarvi.

“Va tutto bene”

Su questo punto non c’è manuale che possa aiutarvi. Gli uomini russi cercano da secoli di capire che cosa intende dire una ragazza quando pronuncia questa frase. Ma invano. Significa che davvero è a tutto a posto e che non c’è niente di cui preoccuparsi? Oppure è solo un modo di dire e dovete precipitarvi a comprare un bouquet di rose o una scatola di cioccolatini? E se la seconda è la risposta giusta, cosa l’avrà offesa? Purtroppo, per cercare di capirlo non vi resta che lanciarvi in un’infinità di ipotesi che saranno ripetutamente smentite. Non c’è altro modo. E anche così non ci sono garanzie. Non per niente esiste una delle battute preferite dagli uomini russi su questo tema è la seguente: “Ti sei offesa?”. “No”. “Da morire?”. “Sì”.

Potremmo continuare il nostro manuale all’infinito, ma questo vi priverebbe delle intense emozioni che vi darà cercare di trovare il modo giusto di comunicare con una ragazza russa. Tuttavia, se non c’è niente che possa spaventarvi e alla fine deciderete di sposarla, leggete senz’altro Tolstoj e Dostoevskij. Vi tornerà utile.

+
Metti "Mi piace" su Facebook