Covid, entro metà maggio il parere delle autorità russe sulla ripresa dei voli aerei

Pixabay
Fra i paesi interessati c’è anche l’Italia. Ma tutto dipenderà dall’andamento della curva epidemiologica

Entro l’11 maggio, le autorità russe (Rospotrebnadzor, Rosaviatsiya e il Ministero degli Esteri) daranno il loro parere sulla possibilità di riprendere i collegamenti aerei con diversi paesi esteri, tra cui l’Europa. Lo si apprende da un documento prodotto da Tatiana Golikova, a capo dell’unità di crisi schierata nella lotta al Covid. Il documento è stato reso pubblico attraverso un canale Telegram e la sua autenticità è stata confermata da una fonte del giornale RBK. 

La fonte di RBK precisa che i passi successivi potranno essere adottati solo dopo un’attenta valutazione della situazione epidemiologica.

Per quanto riguarda l'Europa, i paesi interessati sono Austria, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Malta, Polonia e Portogallo. Oltre ai paesi del Vecchio Continente, si stanno prendendo in considerazione anche i collegamenti aerei con Israele, Repubblica Dominicana, Tunisia, Marocco e Messico.

La richiesta di valutare la possibilità di riprendere i voli proviene dal settore dell'aviazione, ha spiegato un'altra fonte del giornale, precisando però che al momento è prematuro parlare di una riapertura certa dei collegamenti.



Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie