Da luogo di culto a cinema in rovina: la rinascita della chiesa di Sant’Anna a San Pietroburgo

Petr Kovalev/TASS
In epoca imperiale era frequentata da parrocchiani divenuti poi famosi, come il pittore Karl Brjullov e il gioielliere di corte Carl Fabergé. Dopo la Rivoluzione fu trasformata in cinema e teatro e oggi si raccolgono fondi per restaurare le rovine lasciate da un incendio che ha distrutto l’edificio

La chiesa di Sant'Anna, o Annenkirche, è una graziosa cattedrale luterana nel cuore di San Pietroburgo. Spicca tra gli edifici di via Kirochnaya con la sua forma rotonda e le eleganti colonne bianche. 

La chiesa di Sant'Anna nel 1834 e alla fine del XIX secolo

Fin dal momento della sua apertura, nel 1779, la chiesa Annenkirche è sempre stata molto popolare fra i parrocchiani; lì si recavano anche personaggi diventati poi famosi come il pittore Karl Brjullov e il gioielliere di corte Carl Fabergé. La parrocchia della chiesa gestiva anche una scuola, un rifugio per orfani e un ospedale.

Il cinema Spartak

Così come accadde per molti altri edifici religiosi, in epoca sovietica anche la chiesa Annenkirche fu chiusa; nel 1939 fu trasformata in sala teatrale e cinematografica, conosciuta come “Spartak”, dove venivano proiettati i migliori film dell’epoca, anche provenienti dall’estero: fu l’unico cinema di Leningrado dove era possibile vedere pellicole provenienti dal mondo capitalista.

Le funzioni religiose nella chiesa ripresero dopo il crollo dell’Unione Sovietica. Ma durarono solo per un breve periodo, dal 1992 al 1997.

Nel 1998, infatti, quell’edificio per molti anni divenuto cinema, ospitò un primo concerto rock. Lo stesso parroco Evgenij Raskatov confessò di essere stato da giovane un fan della musica rock. 

Si è continuato a proiettare film fino al 2001, quando l’edificio è stato acquistato da una società privata e trasformato in un locale notturno.

L'incendio scoppiato nel 2002

Nel 2002, l'amministrazione di San Pietroburgo ha deciso di restituire la chiesa ai luterani, vincendo una causa contro i proprietari di allora. Ma solo due settimane dopo l’udienza in tribunale, la chiesa è stata avvolta da un incendio, che l’ha completamente bruciata.

Le facciate sono state restaurate nel 2010, ma all'interno tutto è rimasto com’era. Sorprendentemente, gli interni carbonizzati hanno attirato turisti e gente del posto e oggi sono molti i blogger che si mettono in fila per poter fotografare l’antica chiesa.

La chiesa sta ora raccogliendo fondi per il restauro dell'edificio attraverso i social network e il crowdfunding. E così la croce è tornata a svettare sul campanile e all’interno è stato installato un nuovo altare.

Ogni settimana, la Annenkirche ospita mostre, concerti e conferenze storiche in cambio di donazioni. Inoltre, durante le Feste, accoglie un mercatino natalizio. Le funzioni religiose si tengono in russo e in inglese.

La chiesa di Sant'Anna continua ad attirare nuovi visitatori grazie ai social network e, così come racconta il parroco, la maggior parte dei nuovi parrocchiani mette piede per la prima volta nell’edificio attratti dagli eventi e dalle iniziative che si svolgono al di fuori delle funzioni religiose.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie