Ecco perché i sette luoghi turistici russi più visitati… hanno deluso i visitatori stranieri

Legion Media; Russia Beyond
Siamo andati a spulciare le recensioni su TripAdvisor per cercare di capire di cosa si lamentano di più i viaggiatori

Questo 2020 di pandemia e frontiere chiuse è stato un anno molto particolare per il turismo, ma a cose normali Mosca e San Pietroburgo sono le città russe più visitate, e i turisti stranieri, insieme a quelli russi, devono trascorrere ore in fila per i biglietti o prenotare costose visite guidate. Alcuni hanno condiviso in rete alcune lamentele dopo aver visitato queste famose attrazioni.

1 / Cremlino, Mosca: “Ancora adesso non so che cosa stessi ammirando”

L’antico Cremlino di mattoni rossi sulla Piazza Rossa è il biglietto da visita non solo di Mosca, ma dell’intera Russia. E anche all’interno del Cremlino ci sono un sacco di cose molto interessanti, ma riuscire a entrarci spesso è un vero grattacapo.

LEGGI ANCHE: Cosa c’è all’interno del Cremlino di Mosca? 

E poi quando sei dentro, rischi di non capirci niente. “Non era come un museo con tour o informazioni su ciò che stai vedendo. Andate con una guida altrimenti dovrete cercare tutto su Google!”, scrive Choosewthing dalla Florida, Stati Uniti, nel giugno 2018. “Sono deluso dal fatto che non so ancora adesso che cosa stessi ammirando”.

Un turista di Williamstown, Australia, con il nome utente RanCam1333 concorda: “Molto difficile trovare dove acquistare il biglietto per il Cremlino. Le file poi sono estremamente lunghe. Le persone restano in attesa anche  2 ore e mezzo per i biglietti per l’Armeria i cui biglietti sono venduti a una sola cassa”.

2 / Incrociatore Aurora, San Pietroburgo: “Agli stranieri fanno pagare un extra, ma poi tutto è scritto in russo”

Il simbolo della Rivoluzione del 1917, l’incrociatore “Aurora” ancorato sul lungofiume Petrogradskaja, è uno dei musei “da non perdere” di San Pietroburgo. Tuttavia, i turisti stranieri spesso si lamentano di dover pagare un biglietto più salato dei russi.

“Fanno pagare agli stranieri duecento rubli in più (circa 2,20 euro in più), e poi quasi tutto all’interno del museo navale è scritto solo in russo”, osserva rattristato kukikcz da Praga, Repubblica Ceca nel 2017. “All’interno ci sono solo pochi spazi accessibili con mostre, ma non si possono visitare né la sala macchine né le cabine dell’equipaggio, ecc., Quindi puoi finire il tour in 10-20 minuti al massimo.”

“Siamo stati davvero entusiasti di questo incontro con la storia”, scrive FrederickWentworth, arrivato da Rouen, in Francia, nell’aprile 2019. “Peccato però che tutti i cartelli con le spiegazioni fossero in russo”.

3 / Museo dell’Ermitage, San Pietroburgo: “Una disposizione delle opere antiquata”

Uno dei musei più grandi e famosi al mondo è spesso la principale meta dei turisti che visitano San Pietroburgo. E alcuni visitatori non sono soddisfatti dell’organizzazione del tour.

“Questo museo è un labirinto sconcertante. Di solito sono orgogliosa della mia capacità di leggere le mappe, ma quella del museo era troppo anche per me, e dopo 20 minuti di visita mi sembrava che non avrei mai più trovato la via d’uscita”, scrive Beatrix T da Brno, Repubblica Ceca nel luglio 2019.

LEGGI ANCHE: L’Ermitage raccontato da Toni Servillo: il tour esclusivo tra le sale del museo 

“La disposizione del museo è terribilmente antiquata”, osserva un turista di Zagabria, Croazia, con il nome utente davorpu, che è stato lì nel 2019. “Ci sono così tanti corridoi paralleli che ti costringono a tornare indietro attraverso le stanze che hai già visitato. È assolutamente impossibile non perdere tutte le sezioni del museo a causa di qualche porta o corridoio saltato. Volevo trovare l’oro degli sciti, ma ho dovuto arrendermi perché mi facevano male le gambe”.

4 / Parco Olimpico, Sochi: “Sembra una città fantasma”

Questo parco, come gran parte delle infrastrutture nella località turistica di Sochi, sul Mar Nero, è stato costruito appositamente per le Olimpiadi invernali del 2014. E al termine dei giochi, il Parco Olimpico è stato trasformato in una nuova attrazione cittadina con attività all’aperto. I turisti, tuttavia, hanno notato che è piuttosto vuoto.

Jack F da Rotterdam, Paesi Bassi, ha scritto nel 2016 che “si aspettava qualcosa di più”. “Siamo arrivati in quella che sembrava una città fantasma, con solo poche persone in giro.” Alla fine, ha lasciato il parco per godersi il tramonto su una spiaggia vicina.

LEGGI ANCHE: La guida ai luoghi più belli di Sochi, la perla russa sul Mar Nero 

5 / Cremlino di Kazan: “Piuttosto deludente per essere un sito Unesco”

Una delle fortezze più antiche della Russia fu fondata nel X secolo, ma la maggior parte degli edifici conservati qui furono costruiti nel XVI-XVII secolo. Il Cremlino di Kazan è stato incluso nella lista del patrimonio mondiale dell’Unesco nel 2000 e attira molti turisti ogni anno. Ma alcuni si aspettavano di più.

“Le mura e la vista del Cremlino mentre ci si avvicina sono interessanti”, scriveva Radu S, turista proveniente dall’Italia nel giugno 2018. “All’interno ci sono alcuni piccoli musei, alcuni edifici statali e pochi caffè. Niente terrazze o ristoranti. La solita moschea e la solita chiesa che trovi ovunque”.

LEGGI ANCHE: Guida fotografica ai dieci luoghi più belli di Kazan, la capitale del Tatarstan 

6 / Isola della riserva di Kizhi, Carelia: “Poche sorprese”

Molti turisti visitano la Carelia appositamente per vedere questo museo all’aperto di architettura in legno sull’isola di Kizhi. Il viaggio dura circa 1,5 ore in barca da Petrozavodsk. Edifici unici sono stati raccolti qui da tutta la Russia, principalmente dal Nord. E a molti turisti non piace che questi edifici debbano essere costantemente restaurati.

LEGGI ANCHE: I dieci posti più belli della Carelia 

“Non sono rimasto impressionato dalle strutture dell’isola di Kizhi”, scrive un pensionato canadese di Vancouver, che era lì a luglio 2017, aggiungendo che la Chiesa della Trasfigurazione e la Chiesa dell’Intercessione, simboli dell’isola di Kizhi, erano chiuse “per lavori di ristrutturazione in corso”. E secondo lui, “gli altri edifici di questo museo a cielo aperto riservano poche sorprese”.

7 / Gran Palazzo di Peterhof, San Pietroburgo: “No stop, no photo”

La residenza estiva di Pietro il Grande fu costruita all’inizio del XVIII secolo su esempio della francese Versailles. Parchi, fontane e palazzi dovrebbero stupire gli ospiti. Ma non tutti restano a bocca aperta.

“Una volta entrati, siamo stati rimproverati continuamente dalle matrone di guardia, che gridavano all’infinito ‘no stop, no photo’”, dice Cynthia T da Washington, Usa, che ha visitato il luogo nel settembre 2019. “Eravamo ammucchiati nella folla, a volte incapaci di vedere e sempre incapaci di apprezzare veramente l’imponenza degli interni. È stata una colossale perdita di tempo e denaro”.


Aspettative vs realtà: come sono davvero i principali luoghi turistici russi? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie