Lo yacht di Stalin, nuovo museo per il parco Gorky di Mosca?

Vladimir Smirnov/TASS
La storica imbarcazione, in passato usata da vari esponenti dell’élite sovietica, subirà un grosso lavoro di restauro ed entro il 2020 potrebbe essere attraccata vicino al famoso parco della capitale

La “Maksim Gorky”, la nave di Stalin, avrà presto nuova vita. Progettata nel 1934 in un unico modello per il leader sovietico, era una delle imbarcazioni più veloci dell’epoca: poteva viaggiare infatti fino a 30 km/h, un record per le tecniche di quel periodo. A bordo di questa nave salirono vari esponenti dell’élite politica sovietica, come Beria, Molotov, Khrusciov e Brezhnev.
Famoso per le sue scalinate in marmo e le rampe in legno, questo yacht di lusso venne mandato in pensione negli anni Sessanta. Col tempo il suo prestigio svanì e la “Maksim Gorky” venne ridotta a semplice nave per il trasporto passeggeri, al fine di traghettare gli abitandi della capitale verso le spiagge della regione di Mosca. Successivamente fu adibita a ristorante.
All’inizio dell’anno l’imbarcazione è stata però acquistata al prezzo di 20 milioni di rubli (250.000 euro). Così come riporta il giornale Komsomolskaya Pravda, sarà interamente smontanta e ricostruita fino all’ultimo dettaglio. Al termine dei lavori, che si stima costeranno 50 milioni di rubli (620.000 euro circa), gli storici interni saranno interamente restaurati. Si prevede che la “Maksim Gorky” venga sistemata entro il 2020 nel famoso Parco Gorky di Mosca e che possa ospitare un museo dedicato al fiume della capitale.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie