Dove regnano i fantasmi: 10 luoghi da brividi che vi metteranno in contatto con l’aldilà

Legion Media
Sono tante le leggende che narrano di spiriti inquieti che si aggirano nei luoghi più inaspettati delle città russe. Da Mosca a Ryazan, state alla larga da questi posti, soprattutto nel cuore della notte...

1 Casa Kusovnikov a Mosca

Nel XIX secolo la casa al civico 17 di via Myasnitskaya, nel centro di Mosca, era abitata da una coppia molto ricca e altrettando avida: Pyotr e Sofya Kusovnikov. Estremamente sospettosi, erano soliti nascondere il denaro nei posti più svariati, nel tentativo di tenerlo lontano dalle mani della servitù. Una volta nascosero i soldi nel camino, ma il portiere finí per bruciarli accidentalmente nel tentativo di accendere il fuoco. Quando lo venne a sapere, Sofia venne colta da un infarto e morí sul colpo. Suo marito tirò le cuoia poco dopo. Da allora, sembra che il fantasma di un vecchio con la gobba e un cappotto addosso vaghi nei pressi dell’edificio. Secondo la leggenda, si tratterebbe di Pyotr Kusovnikov che piange il denaro perduto.
2 La stazione della metro Sokol

Durante la Seconda guerra mondiale, non lontano da dove oggi si trova la stazione della metro Sokol di Mosca, si trovava un cimitero dei caduti. Nel 1918 in quel luogo si tennero esecuzioni di massa di ufficiali bianchi e sacerdoti. Un fiume di sangue che, secondo la leggenda, avrebbe portato alla comparsa di fantasmi nei tunnel bui della stazione. C’è gente pronta a giurare che di prima mattina si possano incrociare figure diafane con parti del corpo ferite.
3 Il castello di San Michele a San Pietroburgo

Questo castello era una residenza reale costruita per volere dello zar Paolo I. Il 21 marzo 1801 lo zar fu ucciso da un gruppo di cospiratori. E si dice che lo spirito irrequieto dell’imperatore non riesca a lasciare il castello. È solito apparire nei corridoi dell’edificio con una candela accesa in mano.
4 La torre Znamenskaya a Yaroslavl

Durante la guerra civile in Russia (1917-1922), un gruppo di truppe bianche stava difendendo alcune posizioni nel teatro Volkovsky di Yaroslavl. Il commissario rosso al comando dell’assedio promise di risparmiare loro la vita. Ma stava mentendo. E tutti i bianchi furono giustiziati nella torre Znamenskaya. Da allora, il fantasma del commissario che non ha mantenuto la sua promessa è stato più volte avvistato nel luogo del massacro.
5 Casa Igumnov a Mosca

Questa casa al civico 43 di via Bolshaya Yakimanka è nota per essere oggi la residenza dell’ambasciatore francese. Costruita nel XIX secolo su richiesta dell’imprenditore Nikolay Igumnov, accolse l’amante di quest’ultimo. Un giorno però Igumnov trovò la donna a letto con un altro uomo. La ragazza venne cacciata, ma da allora di lei non si seppe più nulla. Secondo una leggenda, Nikolay Igumnov l’avrebbe murata viva. E durante il periodo sovietico, numerosi passanti sostengono di aver visto il fantasma di una donna che camminava vicino alle pareti.
6 La casa di Rasputin a San Pietroburgo

L’appartamento al secondo piano di via Gorokhovaya 64 a San Pietroburgo è oggi un normale edificio residenziale. Ma all’inizio del XX secolo ospitava una delle figure più controverse della storia russa: Grigory Rasputin. Sembra che ancora oggi il suo fantasma talvolta appaia in queste zone, spaventando gli abitanti.
7 La casa sul lungofiume

Questa casa situata in via Serafimovicha 2 a Mosca, nota a tutti come “la casa sul lungofiume”, è tra le più famose della capitale russa. Lì hanno vissuto scrittori, artisti, attori, atleti e generali. Ma cela una storia oscura. Durante le purghe staliniane, decine di persone che abitavano in questo edificio furono arrestate e giustiziate. Oggi nella casa si aggirano i fantasmi di quelle vittime.
8 La torre del vecchio ospedale di Ryazan

In mezzo ai grattacieli moderni di Ryazan spunta una vecchia torre: tutto ciò che rimane del vecchio ospedale locale. Di notte, dicono i residenti, si vede una figura oscura e solitaria aggirarsi nella torre. Sarebbe il fantasma di Aleksandr Smitten, che ha amministrato l’ospedale più di un secolo fa.
9 Canale Griboyedov a San Pietroburgo

Nelle nebbiose notti di marzo, vicino al canale Griboyedov di San Pietroburgo si può avvistare il fantasma di una ragazza. La giovane ha il volto bluastro a causa dell’asfissia e sul collo porta un evidente segno rosso, causato da una corda. Sarebbe la celebre rivoluzionaria Sophia Perovskaya, che assassinò lo zar Alessandro II e fu punita con l’impiccagione.
10 Il cremlino di Nizhny Novgorod

Secondo una leggenda, quando venne costruito il cremlino di Nizhny Novgorod, i costruttori non furono in grado di portare a termine la realizzazione di una delle torri, che continuava a cadere. Così decisero di realizzare un sacrificio e di costruire la torre sul sangue della prima persona che passava. Ma la sfortunata fu una donna incinta che si recava al fiume per prendere l’acqua. Da allora il fantasma pallido di una donna e del suo bambino è più volte apparso vicino a questo luogo.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond