L’Italia guarda con interesse al Daghestan: si ipotizza l’apertura di un consolato a Makhachkala

Shamil Magomedov
Una delegazione del Belpaese ha incontrato alcuni rappresentanti della Repubblica. Sul tavolo, l’ipotesi di avviare collaborazioni sul piano agro-industriale, della logistica e del turismo

L’Italia valuta positivamente le prospettive di sviluppo delle relazioni economiche con il Daghestan. Ed è sua intenzione aprire un consolato in quella regione. Questo quanto emerso durante l’incontro tra una delegazione italiana e i rappresentanti della Repubblica, così come riporta l’agenzia Ria Derbent.

Durante l’incontro sono stati presi in considerazione i potenziali ambiti per avviare nuove collaborazioni: in primo luogo è stato nominato il settore agro-industriale e la fornitura di piante, la costruzione di serre e di sistemi per la conservazione, lo sviluppo della logistica, del turismo e del settore medico.

“Il nostro principale obiettivo – ha dichiarato il Console generale onorario d'Italia nel distretto del Caucaso del Nord, Pier Paolo Lodigiani –, è stabilire con precisione il potenziale e le necessità della Repubblica, stabilire i rispettivi compiti e capire quale sia la strada più vantaggiosa da intraprendere. Vogliamo che tutto ciò venga realizzato ai massimi livelli per garantire sicurezza e sostegno ai nostri businessman. Per questo tra i nostri progetti vi è anche quello di aprire un consolato a Makhachkala. Capisco perfettamente quali siano i problemi. Ma penso che, nonostante tutto, ci siano grandi prospettive per aumentare il giro d’affari tra i nostri Paesi”.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie