I migliori panorami di Russia

Una vista della Roccia Cherskij

Una vista della Roccia Cherskij

: Lori/Legion-Media
Innamorarsi della Russia dall'alto: ecco quali sono i luoghi dove ammirare le sconfinate distese di terra e acqua di questo enorme Paese

È tempo di vacanze. E Rbth ha selezionato per voi i cinque luoghi più interessanti da cui è possibile godere di un fantastico paesaggio naturale. Per ammirare e innamorarsi della Russia ad alta quota.

1. La Roccia Cherskij

Nella regione di Irkutsk, non lontano da Listvyanka (5.200 km a est di Mosca), si trova una montagna che porta il nome di Ivan Cherskij, esploratore della Siberia.

La Roccia Cherskij si trova a un'altitudine di 700 metri: ci si può arrivare dal Museo Bajkal a piedi camminando per 2 km o prendendo la funivia della stazione sciistica locale.

Da questo punto panoramico si gode di una magnifica vista sul lago Bajkal. Da qui si possono scorgere le cime del Khamar-Daban, le fonti dell'Angara, l'unico fiume che esce dal lago, e la Roccia Sciamanka, dove, secondo la leggenda, abita il misterioso custode del fiume. È chiaramente visibile anche l'Osservatorio Bajkal e Port Bajkal.

2. La Duna Efa

Fonte: Lori/Legion-MediaFonte: Lori/Legion-Media

Nel Parco Nazionale della "Penisola di Neringa", vicino a Kaliningrad (1.200 km a Ovest di Mosca), sono stati elaborati oltre una dozzina di itinerari a piedi. I turisti possono vedere la 'Foresta danzante', dove gli alberi sono stranamente ricurvi, i laghi, le chiese e i fari. Una di queste passeggiate parte dal villaggio “Morskoe” (42° km della Penisola di Neringa) e porta alla Duna Efa.

Questa duna deve il suo nome all'ispettore tedesco Franz Efa, che si è occupato dell'assestamento delle sabbie mobili. A causa di queste ultime, nel XVIII secolo il villaggio più vicino è stato costretto più volte a “spostarsi”. Alla fine del XIX secolo le sabbie mobili sono di nuovo diventate una minaccia. Allora Efa decise di ripristinare qui una foresta, così da fermare il movimento delle dune.

Il punto più alto della Duna Efa è a soli 64 metri, ma da qui è visibile sia il litorale del Mar Baltico, sia la Laguna dei Curi e la montagna Staroselskij, dove nel XIII secolo i crociati costruirono un forte. Se si va ancora più in alto, dalla parte superiore si potrà vedere non solo la duna, ma anche sentire "cantare" la sabbia: ogni movimento provoca un effetto acustico particolare.

3. Djakovo

Il patrimonio degli zar russi, Kolomenskoye, confinava con il villaggio di Djakovo. Sappiamo che esiste sin dai tempi antichi e nel XVII secolo crescevano qui i giardini sovrani, che davano mele, ciliegie, pere e prugne.

Solo negli anni '60 Djakovo è diventato parte di Mosca, e i suoi ultimi abitanti l'hanno abbandonato negli anni '90. Ora questi luoghi sono parte del Museo-tenuta "Kolomenskoye".

Da Djakovo si apre una vista mozzafiato sulla pianura del fiume Moskova e l'area sud orientale della capitale russa.

4. L'altura Mishennij

Fonte: Lori/Legion-MediaFonte: Lori/Legion-Media

Il punto più alto di Petropavlovsk-Kamchatsky (11.900 km a est di Mosca) è considerata l'altura Mishennij, a un'altezza di 382 metri. Qui vale la pena salire per vedere l'alba e il tramonto che con la loro luce illuminano la città, i vulcani attivi Avachinsky e Koryaksky e l'ampia baia Avachinsky. È possibile raggiungere questo punto in auto, percorrendo una strada a serpentina.

5. La roccia di Stepan Razin

Fonte: Lori/Legion MediaFonte: Lori/Legion Media

Situata sul fiume Volga, sulle rive del bacino di Volgograd, questa roccia è protagonista di varie leggende. Si narra sia stato sulla sua cima il leader della prima rivolta contadina della storia nel 1670-71, Stepan Razin, a cui deve il suo nome. Si ritiene che proprio qui egli tolse la vita a una principessa persiana, gettandola nella corrente del fiume.

Ma la storia di questa roccia non è solo connessa con Razin. Qui, ad esempio, si trovano le grotte dei Vecchi Credenti, perseguitati nella metà del 17° secolo perché si rifiutavano di accettare la riforma della Chiesa ortodossa russa.

Ora la Roccia di Stepan Razin sta a 35-40 metri sul livello del mare ed è parte del parco naturale "Scherbakovskij" (950 km a sud-est di Mosca). Da qui si apre una vista panoramica a perdita d'occhio sulla valle del fiume.

 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta