Passeggiando nella Città Galleggiante

Foto: Lori / Legion Media

Foto: Lori / Legion Media

Kronstadt, sul Mar Baltico, è un luogo che nasconde mille segreti. E tutto inizia dalla strategia militare di Pietro il Grande

Kronstadt è una città situata sull’Isola Kotlin nel Golfo di Finlandia. Nel 1703, nella parte meridionale dell'isola, Pietro il Grande ordinò la costruzione di una fortezza per proteggere le vie di accesso a San Pietroburgo dalla Marina svedese. Il forte fu costruito durante il periodo invernale utilizzando una tecnica speciale. Proprio in cima alla baia di ghiaccio, furono costruite piccole cabine di legno, che vennero poi riempite con pesanti massi. Sotto il loro peso, queste costruzioni affondarono sul fondo. Così furono gettate le basi del primo edificio della città di Kronstadt, la fortezza Kronshlot.

Questa fortezza è stata completata nel maggio 1704. Gli svedesi, che veleggiavano qui in occasione dell’apertura della stagione di navigazione, rimasero molto sorpresi vedendo questa nuova isola, che sembrava essere apparsa dal nulla. Dopo Kronshlot, le opere di costruzione e di sviluppo della città sono continuate. Pietro il Grande ha anche considerato di spostare la capitale russa sull’isola Kotlin, il che mostra la grande attrazione del sovrano verso l'acqua. Questa idea utopica è fallita, ma molte delle fantasie di questo autocrate barocco sono ancora in piedi in attesa di essere messe a punto. Kronstadt per molti aspetti è simile a San Pietroburgo; qui troviamo la stessa rete rigorosa di strade e anche in questo caso a dominare sono gli edifici classici. Tuttavia, molte cose in questa città sono uniche, in quanto presenti solo a Kronstad. Quest’ultima è molto diversa dagli altri sobborghi di San Pietroburgo.

Peterhof, Pushkin, Pavlovsk, Gatchina sono state costruite come luoghi di svago e divertimento per la famiglia reale. Kronstadt, al contrario, è stata costruita “per un motivo serio”. Per lungo tempo, la città è stata la principale base militare della Flotta del Baltico. I marinai e le loro famiglie ancora costituiscono una parte significativa della popolazione di Kronstadt. Navi da guerra ancora ormeggiano presso i moli della città. Su quest’ultima ancora domina lo spirito da accampamento militare. Andando a Kronstadt, si può godere della vista dei luoghi più famosi di San Pietroburgo. L'aria fresca del mare, l'architettura modesta e le romantiche fortezze aiutano a spostarsi dalla luminosità delle fontane di Peterhof, dai mosaici colorati della Chiesa del Salvatore sul Sangue Versato e dal bagliore della nuovissima Amber Room. Passeggiando Raggiungere l'isola è più conveniente dalla stazione della metropolitana Chornaya Rechka. A Kronstadt, possono essere presi numerosi autobus e taxi direttamente da quest’ultima.

Passeggiando in città, ha senso procedere in due direzioni. La prima passeggiata sarà dedicata direttamente alla città, mentre la seconda ai suoi dintorni e alle visite alle fortezze. Il posto migliore da dove iniziare a esplorare la città è la Cattedrale navale di Kronstadt. La cupola d'oro di questa chiesa può essere vista da quasi qualsiasi punto a Kronstadt, mentre le sue dimensioni non sono inferiori a quelle della Basilica di Santa Sofia a Istanbul. Trovarla non è affatto difficile. Recentemente questa cattedrale restaurata è diventata la prima attrazione turistica di Kronstadt. Costruita nel 1913 dall'architetto Vasily Kosyakov in stile neo - bizantino, questa cattedrale rappresenta esplicitamente la grandezza della Flotta del Baltico. Nella zona di ancoraggio, oltre alla Cattedrale navale, è stato conservato un pezzo di ponte in ghisa. Al posto dei ciottoli, la piazza è pavimentata con sbarre di metallo – una tecnologia chic che risale alla metà del 19° secolo, che può essere trovata solo a Kronstadt.

Attraverso questo ponte, si può camminare verso il canale di bypass. Questo canale circonda il vasto territorio dell'Ammiragliato, un complesso di edifici e opere di ingegneria perlopiù costruite nel 18° secolo. Situato lungo il canale si trova l'ampio Parco di Caterina. Il canale sfocia in un piccolo porto, inspiegabilmente chiamato il Lago Italiano. Progettato secondo le idee di Pietro, il porto rappresentava un posto comodo per l'ormeggio delle navi mercantili. L'imponente edificio che si trova di fronte al porto è il Palazzo Italiano, costruito da un collaboratore di Pietro, Menshikov. Il vecchio splendore del palazzo non è stato conservato; l'edificio ha preso fuoco diverse volte e le sue funzioni sono state cambiate molte volte. Ora il palazzo funge da residenza per gli ufficiali militari. Presso il Lago Italiano, alla punta del molo, si erge un faro dalla notevole architettura. Da lontano, il faro si presenta come un obelisco bianco in pietra bianca. A un esame più attento, però, si scopre che il faro è rivestito in pannelli di legno, che non ne rovinano in nessun modo l’aspetto.

La passeggiata dovrebbe continuare verso il Parco Petrovsky, che si trova poco più in basso lungo la costa. Sulla strada per il parco, prestate attenzione al ponte levatoio a sollevamento verticale posto sul Canale di Pietro il Grande. Vale la pena fermarsi presso questo ponte perché si affaccia su una delle principali attrazioni di Kronstadt - il bacino Petrovsky. Questo bacino è stato costruito durante il regno di Pietro, con la partecipazione attiva del sovrano stesso. Era necessario per effettuare le riparazioni delle navi. La nave entra nel bacino, dopo che il livello dell’acqua, attraverso un sistema di dispositivi bloccanti, viene abbassato all’interno di una piscina speciale. Questo sistema di blocco è particolarmente notevole - con il suo aiuto, il bacino può essere completamente svuotato nel giro di poche ore, cosa che lascia un’impressione indelebile sugli stranieri in visita. Svuotare dall'acqua bacini occidentali simili richiedeva invece settimane.

Sorprendentemente, anche i marinai negli anni Ottanta hanno utilizzato questo bacino per i loro scopi. È stato utilizzato per effettuare riparazioni alle piccole navi da guerra. Ora si trova in stato di abbandono, così come l'intero territorio dell'Ammiragliato. Una volta giunti finalmente nel parco, andate a vedere la statua di Pietro I, opera dello scultore Jacques Theodore-Napoleon, fatta su ordine di Nicola I e installata nel 1841. Da questo monumento, potete recarvi presso il molo in granito di Petrovsky, inaugurato nel 1882.

La gastronomia di Kronstadt non è troppo raffinata e questo implica che la città risponde ancora soprattutto alle esigenze della popolazione locale. Le principali istituzioni sono concentrate nel centro a pochi passi dalla Cattedrale navale. Per assaggiare il cibo cinese, potete andare al "Leone d'Or " in Prospect Lenina, 45. Dove si possono mangiare orecchie di maiale, ananas arrosto e zuppa fatta con ventricoli di pollo - in generale, nulla di insolito. Il costo medio per un pasto è di 1.000 rubli (21 euro, 28 dollari). Un po' più lontano, al numero 57 della Prospect Lenina, c'è un altro locale accettabile, il Mario Restaurant. Il menu è un miscuglio di cucina italiana e giapponese. L'interno è luminoso grazie ai soffitti a volta. Il costo medio è di 500-1500 rubli (10-31 euro, 14-42 dollari).

Se non si ha urgenza di mangiare, ma si vuole piuttosto provare un’esperienza avventurosa, vale la pena visitare la Austeriya in via Sovietskaya, 43. Questo luogo nel centro di Kronstadt coniuga la nobiltà degli interni della Casa degli Ufficiali con assurde luci al neon e piante di plastica. Si tratta di un luogo autentico; pallidi gruppi di persone di Kronstadt vengono qui per rilassarsi. Il menu è focalizzato sui principali piatti russi - pelmeni, solyanka, borscht. Anche se l'ambiente è barbaro, qui cucinano comunque bene. Il costo medio è di 500-1500 rubli (10-31 euro, 14-42 dollari).

Ma è possibile anche affrontare altri itinerari. Il primo percorso via terra riguarda l'ispezione della punta occidentale dell'isola. Potete prendere un taxi per la Fortezza Schantz. Quest’ultima è stata costruita nel 1706 e successivamente ricostruita e riorganizzata diverse volte. Nel 1930, i cannoni militari sono stati rimossi e nel forte è stato posto un posto di comando. Ora il forte è vuoto e gli abitanti di Kronstadt organizzano pic-nic e barbecue di spiedini presso i suoi bastioni erbosi. Dopo aver superato la Fortezza Schantz, vi ritroverete su una striscia di terra paludosa mentre procedete per diversi chilometri verso il Golfo di Finlandia. Nel 2012, questa parte dell'isola è stata trasformata in una riserva naturale. Gli ambientalisti sono stati attratti dai boschi di ontani, dai luoghi di nidificazione e dalle soste di numerosi uccelli migratori lungo il percorso Mar Bianco - Mar Baltico. Attraverso l'isola passa la strada nord di Kronstadt che conduce alla fortezza Rif. La strada è una lunga passeggiata triste sopra paludi e acquitrini.

Fin dall’inizio del molo Petrovsky, barche turistiche offrono gite sul Golfo di Finlandia. Questi viaggi sono relativamente poco costosi - circa 400 rubli (8,2 euro, 11 dollari) a persona. Se possibile, è meglio recarsi al molo alle 3:30 del pomeriggio (15:30) o alle 5:30 del pomeriggio (17:30) poiché è a quest’ora che la nave Repeerbahn parte dal molo. La barca è stata costruita nel 1950 ad Amburgo e così chiamata in onore del famoso quartiere a luci rosse della città. A differenza delle barche rumorose che solcano il fiume Neva, questa nave ispira rispetto per il ritmico funzionamento dei suoi motori e per i suoi calmi movimenti. L’itinerario standard include la fortezza di Kronshlot, la fortezza di Pietro I, la fortezza di Alessandro I, la fortezza Milutin e l’ultima, la fortezza di Konstantine. Si può sbarcare solo presso la fortezza di Alessandro I, mentre tutte le altre possono essere viste solo dalla nave.

La fortezza di Alessandro I è forse la più famosa fortezza presente nelle acque del Golfo di Finlandia. La struttura cilindrica in granito il cui colore spazia dal nero al fuliggine occupa interamente una piccola isola artificiale. La fortezza fu costruita nella metà del 19° secolo e per 50 anni è stata utilizzata come struttura militare. Dal 1896, la fortezza è diventata la sede del Laboratorio sulla Peste e da qui il forte ha preso il suo secondo nome. Negli anni Duemila, rumorosi party chiamati Fort Dance si sono svolti presso la fortezza e forse un giorno questa pratica tornerà in voga. Il punto finale della passeggiata è la fortezza di Konstantine recentemente trasformata in un centro turistico. Qui offrono una vasta gamma di servizi ed è possibile trovare anche un piccolo hotel, un ristorante e un museo.

Come arrivare: 

Il modo più comodo per raggiungere Kronstadt è dalla stazione della metropolitana Chornaya Rechka. Di fronte alla stazione, in via Savushkina, fermano i minibus K- 405. Il viaggio costa 65 rubli (1,4 euro, 1,8 dollari). Nella direzione contraria, si può fare lo stesso percorso dalla fermata dell'autobus in Prospect Lenina, 16. Come punto di riferimento, potete utilizzare l'edificio a corte, un edificio classico con porticato, che ricorda lo stile di San Pietroburgo.

Inoltre, potete utilizzare il comodo servizio offerto da: http://spb.rusavtobus.ru/ru/. I taxi freelance, diffusi in Russia, non sono autorizzati a Kronstadt, quindi bisogna chiamare un taxi regolare. Componendo il numero, non dimenticate di indicare prima il codice per San Pietroburgo – 812. Un viaggio dal molo Petrovsky alla fortezza Schantz costa non più di 300 rubli (6 euro, 8 dollari). Contatti telefonici: 311-9090; 925-5199; 311-1155 La fortezza di Konstantine è un esempio avanzato per gli standard di Kronstadt - ha anche un sito web in inglesehttp://forthotel.ru/en/. Qui è possibile visionare gli orari di partenza delle navi turistiche, il costo degli alloggi e altri servizi. Tuttavia, il sito non menziona uno dei principali servizi disponibili presso la fortezza - potete negoziare con i marinai locali e organizzare un viaggio su una piccola barca, per esplorare fortezze che non sono accessibili alle barche più grandi.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta