Sulle orme degli scrittori

Le isole Solovetsky (Foto: Lori / Legion Media)

Le isole Solovetsky (Foto: Lori / Legion Media)

Dal museo di Nabokov a San Pietroburgo, alle isole Solovetsky, raccontate in “Arcipelago Gulag”. Viaggio nei luoghi che hanno visto nascere i grandi capolavori della letteratura russa

Molte persone associano la cultura russa ai nomi di scrittori come Tolstoj e Dostoevskij. La Russia ha una ricca tradizione letteraria e oggigiorno molti romanzieri russi sono dei nomi familiari. Russia Oggi ha scelto le dieci migliori destinazioni di viaggio a sfondo letterario.

Museo di Nabokov, San Pietroburgo


Foto: Lori / Legion Media

Vladimir Nabokov è nato a San Pietroburgo nel 1899 da una famiglia di intellettuali. Quest’ultima andò in esilio durante la Rivoluzione russa e trascorse gran parte della propria vita in Europa e negli Stati Uniti. Durante il soggiorno in America, Nabokov scrisse alcuni dei suoi migliori romanzi, tra cui Lolita e Fuoco pallido. La casa di San Pietroburgo, dove Nabokov è cresciuto è ora un museo (via Bolshaya Morskaya, 47) completo di foto e cimeli di famiglia, come la macchina da scrivere di Nabokov e la sua collezione di farfalle.

Sulle tracce di Solzhenitsyn nelle isole Solovetsky

Aleksandr Solzhenitsyn pubblicò il suo primo romanzo, “Una giornata di Ivan Denisovic”, nel 1962. Il libro racconta la vita di un prigioniero in un gulag sovietico, grazie al quale Solzhenitsyn ha vinto il premio Nobel. Solzhenitsyn stesso trascorse diversi anni nei campi e continuò a scrivere sul tema, il libro “Arcipelago Gulag” narra infatti dei campi di lavoro sulle isole Solovetsky a nord est di San Pietroburgo. Il tour operator, Kola Viaggi, organizza escursioni sulle isole Solovetsky che includono delle soste nei luoghi raccontati in “Arcipelago Gulag”. Per maggiori informazioni: e-mail infor@kolatravel.com.

Casa-Museo di Mikhail Bulgakov, Mosca

Mikhail Bulgakov ha iniziato la propria carriera come medico ed è diventato uno scrittore dopo la guerra civile russa. Bulgakov ha scritto celebri opere che furono vietate da Stalin. La sua opera più famosa, “Il Maestro e Margherita”, è un romanzo che racconta della visita del Diavolo a Mosca. Il libro è stato pubblicato più di 25 anni dopo la morte di Bulgakov e Stalin. Il Museo Bulgakov (via Bolshaya Sadovaya, 10) di Mosca si trova vicino agli Stagni del Patriarca, dove nel libro appare il diavolo ed è allestito nella stessa casa dove Bulgakov ha scritto il romanzo. 

Museo di Dostoevsky, Omsk


Foto: Lori / Legion Media

Fëdor Dostoevskij è il più conosciuto per i suoi libri, “I fratelli Karamazov” e “Delitto e castigo”, ed è spesso considerato uno dei migliori romanzieri del mondo. La scrittura di Dostoevskij è stata influenzata dai quattro anni trascorsi in un campo di lavoro nei pressi della città siberiana di Omsk. Oggi, il Museo di Stato Dostoevsky di Omsk (via Dostoyevskogo, 1) contiene alcuni reperti della cella in cui Dostoevskij ha vissuto durante i suoi anni in Siberia. Se siete dei fan di Dostoevskij, visitare Omsk è un must. 

Chernyshevsk, Siberia orientale

Il romanzo di Nikolai Chernyshevsky, “Che fare?”, è stato uno dei libri più letti nel tardo 19° secolo in Russia. Il romanzo si concentra su un gruppo di donne che iniziano un collettivo di cucito ed è diventato uno dei preferiti di rivoluzionari come Lenin e Stalin. Molte oscure città russe devono il loro nome ad alcuni scrittori. Il villaggio di Chernyshevsk, a circa 300 chilometri a est della città siberiana di Chita, sorge sotto una suggestiva collina e dispone di una statua di Cernysevskij. È un ottimo posto per fermarsi e sgranchirsi le gambe durante un viaggio sulla Transiberiana che attraversa tutta la Russia. Da Irkutsk, quattro treni partono per Chernyshevsk ogni notte (23-27 ore, 50-85 dollari).

Casa-museo di Maxim Gorky, Mosca

Maxim Gorky è stato un vagabondo, uno scrittore, un drammaturgo e un appassionato di marxismo che giunse a maturazione in Russia nel tardo 19° secolo. Gorky ha avuto un rapporto turbolento con Lenin, ma durante l’epoca di Stalin ha contribuito a fondare lo stile di scrittura del Realismo Socialista, il metodo di Stato approvato di composizione letteraria. Nel 1931, a Gorky fu dato un sontuoso palazzo art nouveau a Mosca, che ora contiene una piccola casa museo (via Malaya Nikitskaya, 6/2) a lui dedicata. L’ex casa dello scrittore è uno degli esempi meglio conservati di art nouveau a Mosca e attira visitatori sia per il suo significato letterario che architettonico.

Residenza di Turgenev, Spasskoe - Lutovinovo


Foto: Lori / Legion Media

Ivan Turgenev nacque nella città di Orel nel 1818. È diventato uno dei giganti della letteratura russa con Memorie di un cacciatore e Padri e figli, che molti considerano le sue opere migliori. Entrambi i libri sono spesso visti come documentari sociali che affrontano le difficoltà della servitù della gleba nella Russia del 19° secolo. Turgenev scrisse Padri e figli a Spasskoe - Lutovinovo, la sua tenuta di famiglia fuori Orel. Per prenotare una visita guidata nella casa di Turgenev, l’e-mail è spasskoye@turgenev.mkrf.ru.

Tomba di Nadezhda Mandelstam, Mosca

Le mogli di molti autori russi hanno giocato un ruolo fondamentale nel lavoro del proprio marito. Dostoevskij aveva Anna che è stata la sua stenografa, Tolstoj aveva Sophia che ha curato il suo lavoro e il poeta russo Osip Mandelstam aveva sua moglie Nadezhda. Durante le purghe staliniane, Osip è stato mandato in Siberia dove è morto nei pressi di Vladivostok. Nadezhda ha memorizzato le poesie del marito e le ha fatte pubblicare dopo la morte di Stalin. Nadezhda ha scritto anche due memorie sulla sua vita in Unione Sovietica che sono state ben accolte. Oggi, è possibile visitare la sua tomba nel cimitero di Kuncevo di Mosca. Per raggiungerlo prendete un autobus fuori dalla metropolitana Kuntsevskaya.

Residenza di Tolstoj, Jasnaja Poljana

Quando la maggior parte della gente pensa alla letteratura russa, i romanzi epici di Lev Tolstoj come “Guerra e Pace” e “Anna Karenina” sono i primi che vengono in mente. Tolstoj ha scritto ciascuno di questi libri nella tenuta di famiglia, Jasnaja Poljana, vicino alla città di Tula. Situata su una collina digradante, la casa di Tolstoj è rimasta quasi del tutto come quando lui l’ha lasciata un secolo fa. I visitatori possono visitare la casa di Tolstoj, la sua tomba, o anche fare una gita in carrozza intorno ai giardini della proprietà. Per saperne di più, e-mail tour@tolstoy.ru.

Museo Anna Achmatova, San Pietroburgo


Foto: Lori / Legion Media

Anna Achmatova è una delle poetesse russe più conosciute. Nata nel 1889, la sua carriera ha abbracciato il periodo prima e dopo la rivoluzione russa. Nella sua poesia, Achmatova ha esplorato temi come il ruolo della donna nella società. Lungi dall'essere una donna semplice, Achmatova aveva molti amanti ed era nota per indossare abiti che mettevano in risalto il suo corpo snello. Oggi, il Museo Anna Achmatova presso la Casa della Fontana (Liteiny Prospekt, 53) si trova in un appartamento di San Pietroburgo, dove Achmatova ha vissuto per quasi tre decenni, dove sono in mostra i suoi oggetti personali e dove vengono ospitate a rotazione alcune mostre d'arte.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta