Sochi per tipi tosti: sulle orme di Putin

Il comprensorio olimpico di Krasnaya Polyana (Foto: Itar-Tass)

Il comprensorio olimpico di Krasnaya Polyana (Foto: Itar-Tass)

I luoghi preferiti dal Presidente della Federazione nella futura capitale dei Giochi Olimpici invernali del 2014

Il Presidente russo non perde mai tempo: va a sciare, vola con le gru siberiane e ritrova antiche anfore sul fondo del mare. Nel tempo libero, poi, Vladimir Putin si reca a Sochi nella sua residenza estiva, che ha ereditato dal primo Presidente della Russia, Boris Eltsin.  

Le foto più curiose
di Vladimir Putin 

Gli abitanti del posto spiegano quali tra i luoghi preferiti di Putin vale davvero la pena visitare se si vuole fare un viaggio a Sochi in occasione delle Olimpiadi invernali del 2014.

Qualche anno fa il Presidente russo aveva dato il via a un programma di reintroduzione dei leopardi nel Caucaso Occidentale: egli aveva liberato personalmente una giovane femmina in un nuovo e più spazioso recinto. I "leopardi di Vladimir Putin" hanno avuto dei piccoli che ormai stanno per diventare adulti. Non sorprende perciò che il leopardo sia diventato uno dei portafortuna delle Olimpiadi sulla neve.

Lo speciale su Sochi 2014

I leopardi del Presidente si possono ammirare nella riserva naturale di Sochi; vero è che durante le Olimpiadi invernali potreste non avere il tempo di visitare la riserva. Vi sono però altri "luoghi putiniani" che si trovano a pochi passi dagli impianti sportivi dei Giochi invernali e sono aperti ai visitatori quasi ventiquattro ore su ventiquattro.

Foto: Itar-Tass

Nella residenza estiva del Presidente Putin (Foto: Itar-Tass)

Bocharov Ruchej

La residenza estiva del Presidente, Bocharov Ruchej, si trova nel centro della città, nel quartiere di Novyj Sochi. Se, passeggiando, vi ritrovate in ultisa Vinogradnaja, chiedete agli abitanti del posto dove si trova la dacha del Presidente: qualunque abitante di Sochi saprà indicarvi la strada.

In realtà, non potrete entrarvi, ma l'edificio si può ammirare dall'esterno. La residenza fu costruita negli anni Trenta. Un tempo trascorrevano qui le loro vacanze le massime autorità dell'Urss: Stalin, Khrusciov, Suslov. Boris Eltsin amava trascorrere il suo tempo libero sul campo da tennis. Qui soggiornarono molti ospiti di riguardo: nel 2006 vi si tenne un incontro tra Putin e Bush e più tardi ve ne fu uno tra Medvedev e la Merkel.

Krasnaya Polyana: mare,
monti e Olimpiadi

Krasnaya Polyana

Il Presidente ha particolarmente caro il villaggio di Krasnaya Polyana, situato in un punto bellissimo dell'alto corso del fiume Mzymta. Tutti sanno che Putin è uno sciatore appassionato: ogni inverno, quando cade la neve, egli ispeziona immancabilmente di persona le piste.

La casa del tè a Dagomys

A Sochi, città circondata dalle montagne, crescono alcune erbe dalle quali si ottiene il profumato tè della regione di Krasnodar. Vladimir Putin ha offerto questa bevanda agli ospiti stranieri nelle case del tè di Dagomys. Queste casette si trovano nelle colline tra i villaggi di Loo e di Dagomys, a 15 chilometri da Sochi.

Davanti a una tazza di tè il Presidente russo ha tenuto un incontro informale con l'ex cancelliere tedesco Schröder. Sono stati qui anche George Bush, Dmitri Medvedev e molti altri politici famosi. Fin dall'inizio dei lavori di costruzione, negli anni '70 del Ventesimo secolo, era stato previsto di ricevere le delegazioni straniere proprio qui, dove tutto ha un colorito così tipicamente russo: il tè, i bliny, i piroghi (fagottini di pasta di pane con un ripieno dolce o salato) e il samovar.

La stazione ferroviaria di Sochi

Foto: Itar-Tass

Davanti alla stazione ferroviaria di Sochi (Foto: Itar-Tass)

In più di un'occasione il Presidente Putin ha tenuto le sue riunioni in un vagone del treno che lo portava a Sochi. Pertanto, la prossima fermata del percorso "sulle orme del Presidente" è la stazione di Sochi, un monumento architettonico di importanza nazionale. Nel 1975 la stazione ferroviaria della città fu inserita nel Libro rosso dell'Unesco e fu riconosciuta come la più bella d'Europa.

Un week end a Sochi

L'edificio di tre piani della stazione possiede tre cortili interni e una torre di 55 metri di altezza sulla quale è installato il più grande orologio della città, che misura 5 metri di diametro. Ciascuna delle cifre sul quadrante è abbinata a un segno zodiacale o a una costellazione. Si narra che l'architetto che progettò la stazione fosse legato a una società segreta che studiava le scienze occulte su incarico del governo dell'Urss.

Il Teatro d'inverno e la sala Festivalnyj

Foto: Ria Novosti

La sala concerto Festivalnyj (Foto: Ria Novosti / Vladimir Pesnya)

Al Teatro d'inverno ogni anno si svolge il festival cinematografico internazionale "Kinotavr". Nella sala concerti Festivalnyj, Putin viene ad assistere al concerto del suo gruppo russo preferito, i Lube, e a seguire il gioco televisivo umoristico per ragazzi "KVN" (una gara di umorismo e inventiva tra squadre di studenti, che esiste ormai da oltre 50 anni e la cui popolarità in Russia non è mai diminuita).  

L'Università delle Olimpiadi

Il Presidente russo ha preso parte anche all'inaugurazione dell'Università Internazionale delle Olimpiadi, costruita nel centro di Sochi, non lontano dal porto marittimo. Vladimir Putin insieme al presidente del Comitato Olimpico Internazionale Jacques Rogge ha partecipato nel 2010 alla cerimonia solenne di posa di una capsula nelle fondamenta dell'università.

Nel mese di settembre 2013 il capo dello Stato ha già potuto visitare le confortevoli aule di lezione. Nel giorno dell'inaugurazione, durante un incontro con i docenti e gli studenti provenienti da 14 Paesi, il Presidente ha sottolineato che questa università rappresenta la principale eredità culturale dei Giochi olimpici invernali.

Nell'istituto, grazie alle conoscenze e all'esperienza maturate nelle Olimpiadi invernali, verranno formati i manager sportivi della nuova generazione, che avranno il compito di trasmettere alla gente in tutto il mondo i valori di uno stile di vita sano.   

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta