La Russia che sfugge alle guide turistiche

Perché la vera avventura nel Paese inizia dove finiscono i sentieri battuti. L'elenco dei luoghi che più vi impressioneranno

In Russia, la vera avventura comincia dove finisce il sentiero turistico. Siti non battuti dalla massa, perché non indicati in alcuna guida, e tesori nascosti, noti solo agli abitanti del luogo: ecco la lista che Russia Oggi ha preparato per vivere il Paese da dentro.

1. Prospettiva Nevskij, il panorama da un tetto di San Pietroburgo

Gli itinerari turistici di solito seguono un percorso via terra, invece di prevedere escursioni in altezza (VIDEO). Inoltre, sareste sorpresi dallo scoprire quanto sia difficile trovare un tetto aperto a San Pietroburgo oggigiorno. La maggior parte dei tetti attualmente nega l'accesso al pubblico per ragioni di sicurezza. Gli esperti in escursioni sui tetti sostengono che, se vista da un tetto, "Piter" (come la gente del posto ha affettuosamente soprannominato San Pietroburgo) è 100 volte più interessante di quanto si possa pensare.

2. Tipi bizzarri in metropolitana



Un ragazzo augura successo a tutti. Almeno è questo ciò che recita il cartello che tiene in mano. A volte anche la fredda Russia può sorprendere con inaspettati atti di gentilezza. Questa foto è stata scattata alla fermata della metropolitana di Mosca Tsvetnoy Boulevard, ma di solito è possibile trovare questo ragazzo anche all'uscita della stazione Sadovaya di San Pietroburgo. In mano ha un cartello con una nuova frase ogni mattina: "Buongiorno", "Evviva, è Venerdì!", "Estate".

3. Stucchi e mosaici sul soffitto delle stazioni della metro di Mosca



Prendete la metropolitana di Mosca e fermatevi ad ogni stazione solo per ammirare i numerosi motivi decorativi e le varie rappresentazioni artistiche. Ogni stazione è dotata di elementi di design unici che non troverete da nessun'altra parte.

4. Un bar tranquillo a tarda notte nei pressi di Kuznetsky Most, a Mosca



Kamchatka è un piccolo bar anni Novanta, da dove è possibile andare via sazi e poco sobri pagando un conto di soli 400 rubli (circa dieci euro). Si trova su una delle strade più antiche di Mosca: Kuznetsky Most. La gente del posto li chiama “bar da strada”: “Gogol”, "Pacha", "Spirit", "Kamchatka", sono solo alcuni dei luoghi dove ci si può fermare per un drink o due lungo la strada. E dal momento che si tratta di una zona pedonale, molti di loro si trasformano d’estate in bar all'aperto.

5. Una delle tante amate dache di campagna



Questa casetta tipicamente russa, il luogo ideale per rilassarsi, si chiama "dacha". Secondo la tradizione, una dacha è una casa di campagna con un bagno e un piccolo orto. La gente viene qui per ritemprare corpo e spirito preparando deliziosi shashlik, per accendere la stufa e dondolarsi su un'amaca alla luce del sole.

Questa foto è stata scattata a Istra, a 40 chilometri da Mosca. Oltre a un suggestivo scenario naturale, a Istra si trova anche il monastero di Nuova Gerusalemme. Il monastero, la cui costruzione principale è la Cattedrale della Resurrezione, è stato realizzato nel 1656 per ordine del Patriarca Nikon.

6. Praticare Wakeboarding a Nord-Ovest di Mosca



Praticare Wakeboarding (una variante dello sci acquatico che prevede l’utilizzo di una tavola simile allo snowboard, ndr) a Serebryany Bor (la Pineta d’Argento), a Nord-Ovest di Mosca

Non una sola guida menziona la pratica del “wakeboard” sotto il ponte Zhivopisny tra le attività da non perdere in Russia. Abbiamo provato ed è così divertente! Il ponte è una costruzione unica nel suo genere. Da lontano si può notare una sfera appesa sotto l'arco del ponte.

7. Bloccati nel traffico per dodici ore al confine tra Russia e Ucraina



Ingorghi di traffico lunghi chilometri intasano d’estate la strada che conduce dalla Russia all'Ucraina. In alcuni giorni può accadere che più di cinquemila auto passino attraverso i posti di controllo. E non si tratta solo di turisti. Oggigiorno i russi provenienti dalle zone limitrofe attraversano il confine per andare a fare shopping a Kharkov. Il traffico è seccante, ma se riuscite a fare quest’esperienza sicuramente potrete definirvi veri russi.

8. Un cortile di San Pietroburgo



I cortili di San Pietroburgo sono veri e propri musei a cielo aperto: un modo insolito per comprendere appieno lo spirito e la storia della città. Fu Pietro I a disporre che tutte le case fossero costruite per far fronte alla mancanza di spazio, dando alla città il suo aspetto caratteristico. Per rendere le case più comode, la gente avrebbe cercato di utilizzare tutte le camere disponibili. E dal momento che non potevano espandersi in larghezza, avrebbero sviluppato le case in altezza, aggiungendo un piano dopo l'altro.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta