Per i viaggiatori in transito 72 ore senza visto

Il provvedimento adottato dal governo intende promuovere il turismo. Per ora viene considerato solo per Mosca, San Pietroburgo e Kazan ( Alamy / Legion Media)

Il provvedimento adottato dal governo intende promuovere il turismo. Per ora viene considerato solo per Mosca, San Pietroburgo e Kazan ( Alamy / Legion Media)

La Commissione attività legislative del governo russo ha approvato un disegno di legge volto a semplificare il regime degli ingressi nel Paese e favorire il turismo

La Commissione attività legislative del governo russo ha approvato un disegno di legge volto a semplificare il regime dei visti, che costituisce un ostacolo allo sviluppo del turismo straniero in Russia; è quanto è stato annunciato nel corso di una conferenza stampa indetta dal Consiglio dei Ministri.

In base al disegno di legge, i cittadini stranieri provenienti da una serie di Stati, inclusi in un elenco approvato dalla Federazione Russa, e in transito da aeroporti internazionali - anch’essi indicati in un elenco del governo - potranno risiedere per 72 ore nel territorio russo senza l’obbligo del visto. Così, per esempio, un cittadino straniero proveniente dalla Cina e diretto in Spagna, in transito in un aeroporto moscovita, potrà scegliere di sostare per 72 ore in Russia senza la necessità di dover disporre di un visto. In attesa del volo, il turista potrà uscire dall’aeroporto per visitare la città.

Del nuovo regime di esenzione dal visto, della validità di 72 ore, dovrebbero beneficiare i turisti in arrivo negli aeroporti di Mosca, San Pietroburgo e Kazan, città leader nell’ambito del turismo non solo russo, ma anche europeo, per numero di presenze. Tuttavia, in futuro “la prassi positiva indicata nel disegno di legge potrebbe estendersi ad altre regioni della Federazione Russa ad alto potenziale turistico”.

Il regime dei visti, insieme con l’elevato costo dei trasporti, è uno dei problemi che più ostacolano lo sviluppo del turismo straniero in Russia. Si prevede che l’applicazione del progetto di legge potrà contribuire all’incremento del flusso di turisti stranieri in transito portandolo, solo negli hub moscoviti, dal 20 al 30 per cento all’anno, con un incremento del volume di utili per i servizi turistici da 13,1 a 19,7 miliardi di rubli, e di ricavi per le strutture alberghiere da 3,6 a 5,4 miliardi di rubli.

Il Ministero della Cultura della Federazione Russa  promuove l’idea di introdurre un’altra variante per semplificare il regime dei visti per i turisti stranieri: dell’ingresso senza visto in Russia (con il diritto di permanenza nel territorio del Paese per un massimo di 10 giorni) dovrebbero beneficiare i cittadini stranieri che intendono partecipare a eventi culturali e sportivi ufficiali su larga scala. L’elenco di tali eventi, nelle intenzioni del progetto, dovrebbe essere approvato dal governo e dal Presidente. Attualmente l’idea non è ancora stata sviluppata dalle istituzioni governative.

Come arrivare senza visto

Un fine settimana a Mosca
Un fine settimana a San Pietroburgo
Un fine settimana a Kazan 

Il disegno di legge all’esame del governo indica una serie di requisiti per i cittadini stranieri che intendono sostare per 72 ore senza visto nel territorio russo.

Il passeggero dovrà essere in possesso di un documento d’identità, di un permesso di transito (in caso di necessità), di un’assicurazione medica che copra la durata della sua permanenza in Russia e di un contratto per la fornitura di servizi turistici (inclusi il soggiorno in albergo e le eventuali escursioni turistiche, nel caso in cui il turista intenda trattenersi in Russia meno di 24 ore).

Un ulteriore requisito richiesto è che il turista lasci la Russia con il volo di una compagnia russa. Per ottenere un permesso di transito di 72 ore un passeggero dovrà esibire “il biglietto di un vettore russo con un tempo confermato di partenza fino al luogo dello Stato di destinazione che non superi le 72 ore dal momento dell’arrivo del passeggero nel territorio della Federazione Russa”.

Fonti: Rbc Dailyratanews.ruamic.ru

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta