San Pietroburgo, dal tramonto al... tramonto

No-stop è la vita notturna a San Pietroburgo (Foto: PhotoXPress)

No-stop è la vita notturna a San Pietroburgo (Foto: PhotoXPress)

Divertimento e musica a non finire nella capitale del Nord: la mappa dei club protagonisti della movida notturna

Non è un caso che San Pietroburgo sia chiamata la capitale culturale della Russia e la finestra sull’Europa; il discorso però non riguarda soltanto la letteratura, l’architettura e la musica, ma anche la vita notturna.

È proprio in questa città che venne aperto il primo rock club, da cui sono usciti i più importanti gruppi rock del Paese. I primi rave party si sono svolti qui. In questa piccola rassegna aiutiamo i turisti stranieri a orientarsi nella movida dei locali di San Pietroburgo.

Underground russo alla moda

Griboedov
Il club “Griboedov” si può considerare a buon diritto il locale di San Pietroburgo più conosciuto oltre i confini della città. Nessun altro club può vantare una storia così ricca come il longevo “Griboedov”, attivo dal 1996. Il luogo leggendario dell’underground pietroburghese, situato in un ex rifugio antiaereo è ora un centro culturale dove si tengono mostre, concerti, esibizioni di dj, session musicali da programma o improvvisate, lezioni, banchetti. Ogni giorno ci sono concerti di gruppi locali indipendenti e serate con musica molto diversa, dal funk al soul al rock o l’indie. Al primo piano, aggiunto sopra il rifugio antiaereo, c’è il ristorante.

Via Voronezhskaja, 2A (m. Ligovskij prospekt)
L’ingresso è libero, il prezzo del biglietto per i concerti varia dai 10 ai 20 euro

Canti in compagnia

Purga
Questo locale è una perla della città da quasi dieci anni. Il segreto del suo successo sta nell’ingegnoso concept, perché qui ogni giorno si festeggia il Capodanno! Tenendo conto che in Russia la notte di San Silvestro è la festa principale che spesso si celebra per un’intera settimana con tutte le conseguenze del caso, non è difficile immaginarsi il baccanale quotidiano che si scatena al Purga. Un must assoluto per i turisti. Se dopo aver festeggiato il Capodanno al Purga non avete ancora esaurito le forze, spostatevi coraggiosamente al Purga-2 dove ogni giorno si celebra un matrimonio e dove potrete cimentarvi nel ruolo di sposo o sposa.

Fontanka 11
Ingresso libero, la cena costa dai 15 ai 30 euro

Hit degli anni Ottanta

XXXX

Il primo bar “XXXX” aprì a San Pietroburgo nel 2005, adesso è una catena di nove locali. Si può dire che il “XXXX” sia per un pubblico vasto ed eterogeneo il più famoso marchio tra i locali notturni della città. Come dicono i proprietari, il loro scopo principale è assicurare ai loro clienti, sopra i trenta, del puro divertimento senza particolari fronzoli. Se siete curiosi di vedere come si divertono i manager, gli uomini d’affari e le loro fidanzate, andate dritti al “XXXX”. Spesso ci sono dei concerti di interpreti russi famosi. Il format musicale è più o meno lo stesso, le hit degli ultimi 30 anni che passano in radio.

3a Sovetskaja, 34

via Zvenigorodskaja, 9/11

Pirogovskaja naberezhnaja, 5/2 (albergo “Sankt-Peterburg”)

Ingresso libero, prezzo della cena: fino a 40 euro

}

Indie rock

Dom byta
Se vi ritenete degli hipster o perlomeno sapete chi sono e vi stanno simpatici allora il “Dom byta” fa per voi. Questo locale, uno dei più alla moda e di successo di San Pietroburgo degli ultimi anni, è stato aperto dal proprietario del più importante club di Mosca, il “Soljanka”. Di giorno “Dom byta” funziona come bar e bisogna ammettere che non è affatto male, mentre il venerdì e il sabato sera (a volte anche negli altri giorni feriali) si trasforma in un club. Spesso passano di qui gli artisti del momento; si sono già esibiti tra gli altri Nikolas Jaar, Joakim, Move D, Todd Terje. I prezzi sono più alti della media, ma del tutto accettabili: 4-5 euro per una birra, 7 per un cocktail. Il gusto dell’arredamento – dai mobili alle stoviglie – punta allo stile classico sovietico.

Via Razezzhaja, 12 (m. Vladimirskaja)

All’ingresso (libero) può esserci il face control. Una cena per due costa 40 euro

Techno

Jesus
Aperto circa un anno fa, il club “Jesus” è già diventato una delle mete più interessanti del percorso tra i locali di San Pietroburgo. Il “Jesus” è destinato agli amanti della musica techno e house, di cui questa città è sempre stata ottimamente fornita. Due piste da ballo, due bar, uno spazio espositivo. Qui si esibiscono i veterani della scena pietroburghese, gli indimenticabili dei primi club degli anni Novanta e i giovani dj più quotati. Fuori c’è un severo ma onesto face control e vige il dress code. Dentro ci sono musicisti, personaggi mediatici e facce simpatiche, giovani e meno giovani.

Ligovskij prospekt, 50/13. M. Ploshad Vosstanija

Ingresso libero; prezzo della cena per due: 50 euro

Techno

Don't Panic
Per gli amanti della techno vale anche la pena dare un’occhiata a un posto relativamente nuovo, il “Don’t Panic”, che gli esperti hanno già battezzato “berlinese” per l’arredamento minimalista, la musica dura e l’atmosfera undergorund. I proprietari assicurano che l’impianto acustico del club ha una potenza pari al suono di un caccia che vola a 50 metri sopra la testa.

Ligovskij prospekt, 50 edificio 16

Face control e dress code all’ingresso. Un boccale di birra costa 3 euro

}

Negli ultimi anni la via Dumskaja di San Pietroburgo è diventata il fulcro dei locali della capitale del Nord, una parvenza in miniatura delle celebri Ramblas barcellonesi. Se a un tratto vi accorgete di non aver i soldi per il taxi o semplicemente non avete voglia di andare da qualche parte, potete sempre passare una bella notte sulla Dumskaja, peregrinando da un club-bar all’altro. Ecco un paio dei locali più interessanti, secondo noi, della via.

Karaoke

Poison
Il repertorio del Poison include più di 2.000 canzoni, dagli ABBA e Johnny Cash ai Talking Heads e ai New Order. Le canzoni si ordinano senza pagare. Il pubblico è costituito da giovani simpatici, stranieri e molte ragazze. I prezzi sono più che contenuti, ci sono molto spesso delle offerte.

Via Lomonosova 2

Ingresso libero, i long drinks costano circa 5 euro, gli shot e la birra 3 euro

Alcohol-trash

Fidel
Il Fidel è uno dei più antichi locali sulla Dumskaja e si è già trasformato in leggenda. Qui è sempre buio, c’è poco spazio e ci si diverte moltissimo. Boheme artistica, studenti, personaggi cittadini alla moda, stranieri sono i frequentatori del club. Balli sfrenati e nuove conoscenze assicurate. Al cinquantacinquesimo minuto di ogni ora un bicchierino di grappa al mirtillo costa 1 euro. Anche i prezzi delle altre consumazioni non incidono molto nelle tasche nemmeno del cliente più squattrinato. 

Via Dumskaja, 9

Ingresso libero, il prezzo di un boccale di birra è di 2 euro, ma è meglio bere il liquore

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta