Un enigmatico tour di Mosca per under 30

Una suggestiva immagine di Mosca dall'alto (Foto: Gettyimages/Fotobank)

Una suggestiva immagine di Mosca dall'alto (Foto: Gettyimages/Fotobank)

Visitare la capitale russa come se fosse un grande gioco: seguire indizi e chiedere informazioni fanno parte di una nuova esperienza turistica

Seguire indizi e chiedere informazioni ai moscoviti fanno parte dell’esperienza turistica con una nuova generazione di guide. Abbracciare estranei, recitare poesie e cercare graffiti che ritraggono degli uccelli non fa di solito parte di un tour della città, ma il Mosca Game Tour non è un’impresa qualunque.

Nikita Bogdanov, 25 anni, fondatore della società, ha spiegato: “Non è un normale tour, è una ricerca in cui si interagisce con il popolo russo, facendo esperienza”. Il Mosca Game Tour fa parte di un nuovo genere di tour innovativi gestiti da e per i giovani. In genere, sono a basso costo o gratuiti e danno priorità all’interazione con la gente del posto più che alle visite turistiche tradizionali.

Bogdanov ha creato il Mosca Game Tour nel 2009 per incoraggiare i turisti a esplorare le zone fuori dal centro città. Nel tour, che costa 700 rubli (meno di 20 euro), i partecipanti sono “giocatori” e affrontano degli enigmi da risolvere con degli indizi messi sotto forma di una bambola matrioshka.

I numerosi compiti includono chiedere la direzione ai passanti o provare un modo di dire russo. Lungo la strada, i giocatori si imbattono in interessanti scoperte, come ad esempio un monastero adibito a mensa o una statua costruita in stile socialista realista.

Alcune piste sono più facili da indovinare rispetto ad altre. “C’era un posto che non riuscivo proprio a trovare -, racconta Vera Baranova, 25 anni, che ha partecipato a un tour a Tsaritsyno Park a Sud-Est di Mosca. - Quando abbiamo chiesto informazioni si è scoperto che ci trovavamo già sul luogo”.

Bogdanov gestisce anche il Mosca Free Tour che offre una panoramica delle location gratuite più importanti tra Kitai Gorod e il Cremlino. In alta stagione, questa gita più tradizionale attira tra le 12 e le 40 persone al giorno, mentre il Game Tour si svolge solo una o due volte la settimana, attirando di solito tra i 5 e i 10 partecipanti. Convincere i visitatori a provare un tour non convenzionale può essere una sfida. “Il tour gratuito è più popolare perché è più comprensibile -, ha detto Bogdanov. - Mentre nel caso del Game Tour è necessario spiegare alla gente in cosa consiste”.

Il business ha iniziato a decollare quando Bogdanov ha stretto delle convenzioni con alberghi, importanti agenzie di viaggio, tra cui Tui, e aziende come Google. Quest’anno ha avuto anche il sostegno della Commissione moscovita per il turismo e l’industria alberghiera, che ha lanciato un programma denominato “Moscow Fresh” a sostegno del turismo creativo.

Oltre al Free Tour e al Game Tour, l’azienda di Bogdanov offre quotidianamente tour a pagamento su una grande varietà di temi. Il Communist Tour retrò prevede visite nei principali luoghi sovietici, tra cui il Lubjanka (ex quartier generale del Kgb), il Museo Gulag, una mensa in stile sovietico e Eliseevsky, un lussuoso negozio sulla via Tverskaya considerato il più grande punto vendita dell’Unione Sovietica (dove oggi è possibile trovare yogurt francese importato e altri lussi moderni).

I visitatori possono anche avventurarsi sotto terra nel tour della metropolitana. Quest’ultimo fa tappa in alcune delle più sfarzose fermate risalenti all’epoca stalinista, come ad esempio la fermata Komsomolskaya conosciuta per i mosaici che abbelliscono le sue pareti. Nel tentativo di fornire ai visitatori qualche informazione in più di quelle offerte dalla guida tascabile, il tour racconta fatti poco noti circa la metropolitana, come ad esempio il numero di bambini che vi sono nati.

Alexei Sotskov, 30 anni, ha deciso di  creare il Mosca Greeter, un tour in franchising che fa parte del network internazionale Greeter, dopo aver accompagnato in alcune visite informali alcuni conoscenti. “Ho un sacco di amici in Paesi stranieri e quando vengono a Mosca mostro loro posti interessanti. Così ho pensato che sarebbe stata un’ottima idea avviare un servizio turistico”, dice.

Le guide sono per lo più studenti che stanno imparando l’inglese, che conducono i visitatori nei luoghi turistici meno conosciuti, come l’ex residenza reale di Kolomenskoye, mostre ed eventi sportivi. Le guide non portano solo in giro i turisti, ma chiacchierano anche con loro. “Le guide Greeters parlano delle loro vite, delle loro famiglie, da dove vengono e dove studiano -, sottolinea Sotskov. - Le guide tradizionali danno alla gente solo le informazioni che hanno letto nei libri”.

Valentina Lebedeva, studentessa del secondo anno di Linguistica, è stata un Greeter per due mesi. “Quando la maggior parte della gente viene a Mosca visita il Cremlino e tutto il resto, ma quando torna a casa ancora non sa veramente come la gente vive qui -, spiega. - I Greeters offrono ai turisti un’occasione per farsi un’idea reale della Russia, in modo da non limitarsi a visitare le solite attrazioni turistiche”.

Per i turisti senza guida muoversi a Mosca può essere una sfida. Nel 2011 sono stati aggiunti alcuni cartelli in lingua inglese con le indicazioni sui posti di interesse storico, ma i segnali stradali e della metropolitana sono rimasti in cirillico. “Quando si viene qui è molto difficile orientarsi -, riconosce Irina Tripapina, 25 anni, organizzatrice di WowLocal. - Abbiamo deciso di compensare la mancanza di informazioni in lingua inglese con una comunità di volontari disposta ad aiutare i turisti”. Dopo aver superato i test di lingua e di conoscenza della città, i volontari di WowLocal ottengono una t-shirt e delle spillette con la scritta “Chiedi a me, sono del posto”.

“I turisti possono incontrare i volontari WowLocal in qualsiasi parte della città e in qualsiasi momento, anche di notte a Butovo”, spiega Tripapina, riferendosi alla periferia Sud di Mosca. Dal momento in cui il progetto è stato avviato nel mese di luglio 2012 sono stati reclutati circa 400 volontari, specifica Tripapina. La quale indossa ogni giorno la spilletta mentre si reca al lavoro, affermando di essere spesso fermata dagli stranieri che chiedono indicazioni (così come dai russi in cerca della metropolitana).

Di tanto in tanto arrivano alcune richieste più insolite: “Una volta un ragazzo proveniente dalla Gran Bretagna mi ha chiesto dove poteva trovare un piatto di pelmeni”, dice.

WowLocal permette alla gente locale e ai turisti di entrare in contatto con giochi di esplorazione della città e momenti di conversazione presso gli ostelli della gioventù. “Facciamo incontrare i volontari e i turisti in modo che possano interagire gli uni con gli altri”, conclude Tripapina.

I siti Internet da consultare
Mosca Game Tour
Mosca Greeter
WowLocal

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta