Gorbaciov, 85 anni di storia

Mikhail Gorbaciov, ultimo segretario generale del Partito Comunista dell'Unione Sovietica dal 1985 al 1991.

Mikhail Gorbaciov, ultimo segretario generale del Partito Comunista dell'Unione Sovietica dal 1985 al 1991.

: AP
Il 2 marzo l’ultimo presidente dell’Unione Sovietica compie 85 anni. Ecco cosa dicono di lui alcuni suoi contemporanei

Il 2 marzo Mikhail Gorbaciov, primo e ultimo Presidente dell’Unione Sovietica, l’uomo simbolo della perestrojka, compie 85 anni. Rbth ha selezionato alcune citazioni sul leader sovietico, fatte da alcuni suoi contemporanei.

Hans-Dietrich Genscher, ministro tedesco degli Esteri, 1974-1992

Mikhail Gorbaciov ha aperto un nuovo futuro per tutta l’Europa. Ha formulato il concetto di una casa europea comune al termine della guerra fredda. Aveva già capito l’eredità comune dell’Europa e la responsabilità comune degli europei, nonostante fosse un periodo in cui molti occidentali erano ancora ostinatamente aggrappati agli stereotipi della guerra fredda. Quella grande nazione quale è la Russia fa parte dell’identità storica e culturale dell’Europa. Gorbaciov ne è sempre stato convinto. 

Fonte: www.gorby.ru

Aleksandr Prokhanov, autore

Gorbaciov per me è sinonimo di male. È il simbolo del collasso della mia terra. Con lui abbiamo raggiunto un tale disastro che non lo possiamo ancora digerire. È stato il collasso di una grande civiltà, di una grande scienza, di una grande cultura. E questo è stato il collasso dell’intero vettore della storia russa. 

Fonte: www.1tv.ru

Francoise Sagan, scrittore francese

Gorbaciov è l’autore della liberazione, più incredibile, più desiderata, più rischiosa. È stato colui che ha rotto le catene che per 75 anni hanno tenuto paralizzate intere generazioni. Li ha liberati velocemente senza versare nemmeno una goccia di sangue. 

Fonte: www.novayagazeta.ru

Nikita Mikhalkov, regista

Bisogna riconoscere i crimini di Gorbaciov e di Eltsin a livello di governo. Loro hanno commesso un vero crimine. Deliberatamente o no, guidati o meno da ambizioni. Ma non è questo il punto. I loro “successi” hanno determinato il collasso del nostro Paese. E questa è stata la più grande catastrofe geopolitica avvenuta in questo secolo. 

Fonte: www.interfax.ru

Bono, cantante del gruppo U2

C’è qualcosa di strano in lui. Un’energia inspiegabile. Alcuni suoi movimenti per certi versi ricordano un po’ quelli di un pugile. O forse un attaccabrighe. Ma lui è un uomo di grande intelligenza. Il suo pensiero è un judo mentale. Dopotutto, che cos’è il judo? È quando si utilizza la forza di chi ti attacca per difendere sé stessi. Gorbaciov è stato un politico capace di salvare la Russia senza trarne alcun profitto.

Fonte: www.novayagazeta.ru

Anatolij Lukyanov, presidente del parlamento sovietico, 1990-1991

Un tipico funzionario del Komsomol, incapace di decidere da solo. Sono sempre stati i funzionari o i comunisti a decidere al posto suo. Il fardello del potere pesava troppo sulle loro spalle.

Fonte: www.sobesednik.ru

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Leggi di più