Sedici figli, niente elettricità: benvenuti a casa Solovey

I giovani della numerosa famiglia Solovey (Foto: Ruslan Sukhushin)

I giovani della numerosa famiglia Solovey (Foto: Ruslan Sukhushin)

La storia di una famiglia, che ha abbandonato Mosca per vivere in una fattoria con pochi comfort, a 150 chilometri dalla capitale

Dopo la nascita del loro decimo figlio, Marina Solovey e il marito Igor hanno lasciato Mosca per andare a vivere in un piccolo villaggio. I due ex moscoviti hanno capito presto come funziona la vita in una fattoria e hanno costruito due case. Cosa ancora più importante, hanno iniziato a crescere i propri figli in un modo totalmente diverso.

Foto: Ruslan Sukhushin
Guarda la fotogallery
nella sezione Multimedia

Russia Oggi ha incontrato, a 150 chilometri da Mosca, la famiglia per cercare di capire cosa l’ha convinta ad avere così tanti figli e com’è la vita in una grande famiglia nella Russia moderna.

150 chilometri di distanza da Mosca

Siamo alle porte del villaggio Berezki che significa "giovani betulle". La foresta circostante si crogiola sotto il caldo sole estivo. Una donna sorridente, abbronzata, circondata da un branco di bambini ci incontra all’esterno di un piccolo laboratorio con pareti in mattoni. I suoi capelli raccolti sotto una babushka nera stanno diventando grigi.

Foto: Ruslan Sukhushin

L'ultimo nato della famiglia Solovey con mamma Marina (Foto: Ruslan Sukhushin)

Questo è il luogo dove il governo ha dato alla famiglia Solovey un appezzamento di terreno di poco più di mezzo acro. Dei 16 bambini Solovey, 10 adesso vivono a Berezki, gli altri sei sono in città. Il maggiore, Anton, ha 26 anni. Il più giovane, Matvej, ha meno di un anno di età. Lui e molti dei suoi fratelli sono nati qui a Berezki.

La domanda ovvia è: cos’è che ha spinto Marina e suo marito Igor, entrambi nati e cresciuti a Mosca, a lasciare la capitale russa, a stabilirsi in un villaggio e ad avere ancora più bambini così lontano da tutte le comodità della grande città?

Fuga in campagna

I Soloveys hanno deciso di trasferirsi in campagna. Il distretto della prefettura gli ha assegnato un appezzamento di terreno a Berezki, ma quest’ultimo si trovava troppo lontano dalla più vicina strada asfaltata o dai principali cavi elettrici. Costruire la strada e la posa dei cavi si è rivelato troppo costoso, quindi Igor, uno specialista di elettronica, ha creato un sistema di alimentazione autonomo che fornisce energia elettrica sufficiente solo per il frigorifero, il pc e pochi altri oggetti elettrici.

Foto: Ruslan Sukhushin

Giochi all'aria aperta per l'ultimo nato della famiglia Solovey (Foto: Ruslan Sukhushin)

I Solovey si stanno gradualmente adattando alla vita lontano dalla grande città. Sul loro terreno ora sorgono due case di legno. Sono state costruite con l'aiuto di German Sterligov, uno dei primi milionari russi che ha lasciato la città negli anni 2000 per condurre la semplice vita di paese ed essere più vicino a Dio. Sterligov ha anche dato ai Solovey la loro prima mucca.

Marina ha imparato a mungerla; la famiglia possiede anche polli e maiali. La mucca produce 15 litri di latte al giorno. I bambini usano una parte per fare la ricotta, mentre il resto viene venduto. I bambini Solovey che ora vivono a Berezki sono abituati alla vita in fattoria. Tutti sono tenuti a partecipare alle faccende domestiche a partire dall'età di sette anni. Queste includono cucinare tre pasti al giorno, lavare i piatti, prendere l'acqua dal pozzo e mantenere accesa la stufa a legna d’inverno.

"Tutti i miei figli sapevano come preparare un pasto per 10 persone o accendere il fuoco nel caminetto da quando avevano sette anni", dice Marina con orgoglio. I pasti della famiglia sono semplici: porridge a colazione, zuppa per cena; patate o spaghetti, a volte con un po’ di carne, per la cena. Tutto è ripartito equamente, ma la madre è sempre la prima a essere servita.

Una nuova educazione

Dopo essersi trasferiti a Berezki, i figli di Marina hanno smesso di andare a scuola, hanno ricevuto la loro istruzione in casa, e la sua formazione come insegnante ha aiutato molto. I bambini Solovey ricevono i loro test e i materiali per gli esami via Internet, uno dei bambini più grandi porta poi le loro risposte presso una scuola vicina per essere controllate.

Foto: Ruslan Sukhushin

Galline e mucche per la sussistenza della famiglia Solovey, in fuga dalla città (Foto: Ruslan Sukhushin)

"Io non reprimo nei bambini il loro spirito creativo, - spiega Marina. - Al contrario, cerco sempre di capire quali sono i loro interessi e i loro talenti particolari. Cerco di coltivare i loro doni naturali. A scuola si troverebbero a che fare con un ambiente troppo limitato e standardizzato e questo non mi piace”.

Marina crede fermamente che tutti i suoi figli debbano essere formati per qualche mestiere utile. Di tutti i bambini Solovey, solo il più anziano, Anton, ha un’istruzione universitaria. Altri hanno ricevuto una formazione come cuochi, parrucchieri o infermieri. Quelli che vivono nella fattoria lavorano la terra e si prendono cura delle colture.

Stepan, che ora ha 17 anni, ha imparato a guidare un bulldozer, e guadagna un po’ di soldi per la famiglia aiutando i vicini di casa a coltivare i loro appezzamenti. Adesso è Stepan l’uomo di famiglia. Igor Solovey è morto due mesi e mezzo fa. La morte del marito e del padre per Marina è ancora in lutto. Igor beveva molto prima della sua morte, ma lei non gliene fa una colpa.

"Igor ha cominciato a bere per distrarsi dalle preoccupazioni dovute al fatto di non lavorare e di non poter provvedere al sostegno della propria famiglia, - dice. - Certo, abbiamo avuto difficoltà finanziarie, ma se lui avesse avuto un lavoro, avremmo dovuto spendere tutti i suoi salari per pagare qualcun altro per fare tutto il lavoro che lui faceva a casa, come prendersi cura della casa, della fattoria, e dei bambini".

Marina è in lutto, ma c'è anche sollievo nelle sue parole. "Almeno i bambini non sono più così preoccupati perché il loro papà beve”, dice. Inoltre, il governo russo paga 400 dollari al mese per ogni bambino sotto i 18 anni per ogni famiglia che ha perso il capofamiglia.

La famiglia Solovey ha 10 figli minorenni il che gli permette, dopo la morte di Igor, di ottenere 4.000 dollari al mese di assegni familiari. Sui valori moderni e la felicità, Marina si preoccupa che i suoi figli più grandi risentano troppo dell’influenza della società moderna, che ha dimenticato i valori della famiglia.

"Le donne si sono dimenticate che la loro principale ragione d'essere è quella di essere madri, - sostiene. - Stanno prendendo una posizione troppo attiva. Forse è perché non riescono a trovare un uomo forte in grado di creare tutte le condizioni necessarie per essere madri".

Marina vuole che anche le sue figlie abbiano molti bambini. "Le mie ragazze saranno buone madri e casalinghe, ma dove trovare i mariti adatti? È difficile per loro trascorrere molto tempo in compagnia di altri giovani della loro età; queste persone sono infantili e irresponsabili. Le ragazze dovranno cercare dei mariti provenienti come loro da famiglie numerose".

"Mio marito e io abbiamo deciso che il nostro cognome, Solovey (che significa "usignolo" in russo) doveva cantare forte e chiaro", ricorda Marina. Ma lei non è pronta ad avere altri figli, e non solo a causa della morte di Igor. "Mi sento intimamente troppo esausta", ammette.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta