Perché i detenuti sovietici si tatuavano Lenin e Stalin sul petto?

Kira Lisitskaya (Foto: Legion Media)
Alcuni di loro erano convinti che questi disegni avessero poteri salvifici…

“Per i detenuti del braccio della morte la notte è un momento spaventoso. Tutti dormono, ma dormono come animali selvatici: attenti e vigili. Il minimo rumore, ogni singolo fruscio... ed ecco che già due o tre teste si alzano ansiose, ascoltando il silenzio della notte…”.

Questo è il paragrafo iniziale di un articolo apparso su un giornale filonazista, stampato nel territorio occupato dell'Unione Sovietica nel 1943. Nell'articolo, l'autore raccontava la storia di un detenuto che era sfuggito a un plotone di esecuzione rivelando il suo petto nudo, dove erano stati tatuati i ritratti di Lenin e Stalin.

Sebbene la storia non abbia mai trovato conferme, questa teoria si è diffusa ben oltre le pagine della rivista di propaganda.

LEGGI ANCHE: I tatuaggi, forma d’arte carceraria

Tra mito e leggenda

L'origine precisa di questa storiella della prigione è sconosciuta. Quello che si sa per certo è che alcuni detenuti sovietici erano soliti tatuarsi i ritratti di Lenin e Stalin sul petto. Le teorie sul perché di questa “moda” sono molteplici; e il racconto pubblicato sul giornale controllato dai nazisti potrebbe non aver fatto altro che diffondere ulteriormente la leggenda esistente nelle carceri.

“I condannati a morte si tatuavano i ritratti di Stalin e Lenin sul petto e sulla schiena nella speranza di sfuggire alla punizione. Nessuno del plotone d'esecuzione avrebbe osato sparare contro l'immagine di [Stalin]”, dice l'autore di un popolare video su YouTube.

Propaganda sovietica, 1947. Poster russo

Considerando quanto fosse forte e pervasivo il culto della personalità di Stalin, non è troppo difficile immaginare che i membri del plotone d'esecuzione fossero sconcertati e confusi quando veniva loro ordinato di sparare all'immagine del “Padre delle Nazioni”, anche se era semplicemente tatuata sul petto di un detenuto.

Sebbene non esistano documenti che confermano che tali tatuaggi servissero come una sorta di “lasciapassare” per i condannati sovietici nel braccio della morte, è tuttavia impossibile escludere questa possibilità.

Detenuti del carcere di massima sicurezza

Anche se i tatuaggi di Lenin e Stalin non hanno risparmiato la vita ai detenuti su larga scala, potrebbero esserci stati dei singoli casi in cui hanno effettivamente aiutato ad avere salva la pelle.

Nonostante l’origine discutibile di questa leggenda, la storia dei tatuaggi “salvifici” si diffuse nelle carceri sovietiche; e molti detenuti credevano davvero nella loro protezione.

LEGGI ANCHE: A Ekaterinburg c’è un ragazzo disposto a mettere all’asta la propria pelle 

Un segno di fedeltà 

Esistono altre teorie sul motivo per cui alcuni detenuti si tatuavano i ritratti dei leader sovietici sul corpo. 

“I tatuaggi raffiguranti Stalin e Lenin sui corpi dei detenuti iniziarono a comparire subito dopo la Rivoluzione d'ottobre del 1917. In questo modo, mostravano rispetto per i discendenti della loro classe di criminali che, per la prima volta nella storia della Russia, erano riusciti a prendere il controllo del Paese. I detenuti sottolineavano la loro posizione privilegiata, la loro appartenenza all'élite al potere”, sostiene l'autore di un popolare video su YouTube.

Sia Lenin che Stalin erano stati in prigione prima che la Rivoluzione russa li portasse ai vertici della nuova società sovietica. Ciò spiega l'affiliazione che alcuni detenuti sentivano con i nuovi leader del Paese.

Una foto segnaletica del giovane Joseph Stalin

Non bisogna però dimenticare che l'epoca di Stalin fu caratterizzata da repressioni di massa e da esecuzioni senza processo. Un'altra teoria sostiene che i tatuaggi di Lenin e Stalin fossero un segno simbolico del pentimento pubblico che alcuni detenuti dimostravano, sperando in un perdono che, nella maggior parte dei casi, non arrivava mai.

LEGGI ANCHE: ​​Cercate ispirazione per un tatuaggio? Guardate questi incredibili esempi russi 

Cari lettori, 

a causa delle attuali circostanze, c’è il rischio che il nostro sito internet e i nostri account sui social network vengano limitati o bloccati. Perciò, se volete continuare a seguirci, vi invitiamo a: 

  • Iscrivervi al nostro canale Telegram
  • Iscrivervi alla nostra newsletter settimanale inserendo la vostra mail qui
  • Andare sul nostro sito internet e attivare le notifiche push quando il sistema lo richiede
  • Attivare un servizio VPN sul computer e/o telefonino per aver accesso al nostro sito se risultasse bloccato nel vostro Paese

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie