Mosca: così si sposta un’antica torre di 1.600 tonnellate per evitarne la demolizione (VIDEO)

Khraniteli nasledia/YouTube
Costruita alla fine dell’Ottocento, è stata spostata di cento metri grazie a un delicato lavoro ingegneristico

Negli ultimi anni, la capitale russa ha subito un profondo lifting e gradualmente stanno spuntando nuovi complessi architettonici che prendono il posto di vecchi siti considerati obsoleti. Ma spesso questi cantieri sono accompagnati da delicati lavori di conservazione del patrimonio, come è accaduto nel quartiere di Marina Roshcha, a nord della città, dove un edificio del XIX secolo è stato recentemente spostato di oltre 100 metri per evitarne la demolizione. Lo riporta il sito Khraniteli nasledia.

Costruito nel 1898-1899, diversamente da ciò che suggerirebbe la sua conformazione, è in realtà una torre dell'acqua, in passato parte della fabbrica di compressori meccanici Borets, che ha chiuso i battenti nel 2008. Realizzato in mattoni rossi e simbolo di un'epoca ormai tramontata, questo edificio, nonostante le sue 1.600 tonnellate, è stato trasferito più lontano per consentire la costruzione di un complesso residenziale e di un tecnopark.

L'operazione è stata effettuata il più lentamente possibile per evitare il rischio di incidenti. Nelle prime quattro ore, ad esempio, la vecchia torre dell'acqua è stata spostata di soli due metri.

Altri due edifici di una ex fabbrica subiranno la stessa sorte, ma saranno "fatti a pezzi" per essere riassemblati più lontano. Tutti e tre saranno poi ristrutturati e saranno adibiti a uffici, spazi culturali e museali.

L'ultima volta in cui a Mosca è stato spostato un intero edificio è stato nel 1979, quando in via Tverskaya, l'arteria principale della capitale russa, venne spostata di 47 metri la famosa casa Sytine, gioiello dell'Art Nouveau.


Leggi anche: Così in URSS si spostavano gli edifici 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie