Così il carro armato di Stalin fece fuori la Germania nazista

Uno dei carri armati più potenti della Seconda guerra mondiale, l'IS-2 ebbe un tale successo che non solo distrusse i nazisti, ma prestò servizio negli eserciti sovietico e russo per altri 50 anni

Quando, all'inizio del 1943, i tedeschi schierarono in massa il nuovo carro armato pesante Tiger sul fronte orientale, i sovietici si resero conto di avere grossi problemi. Il T-34 e il KV-1S non sarebbero stati in grado di affrontarli senza avvicinarsi pericolosamente. L’Armata Rossa si rese quindi conto di aver disperatamente bisogno di un nuovo carro armato in grado di combattere questi mostri nazisti a lungo raggio.

Tiger I

L'IS-1 (dalle iniziali di Iosif Stalin) fu sviluppato in fretta e furia e inviato in battaglia nell'agosto del 1943. Armato con un cannone da 85 mm, sarebbe stato in grado di fronteggiare il Tiger. Si trattava tuttavia di una soluzione temporanea: c'era bisogno di qualcosa di più potente.

Carro armato IS-1

Il carro armato più corazzato e più letale degli Alleati della Seconda guerra mondiale, l’IS-2, si unì ai ranghi dell'Armata Rossa il 31 ottobre 1943. Il suo cannone da 122 mm poteva trasformare il nemico in cenere a una distanza di 1,5-2 km. L'armatura del Tiger poteva tranquillamente essere annientata a una distanza di 1 km.

L'IS-2 era l'unico carro armato della coalizione anti-Hitler in grado di resistere in qualche modo al fuoco del cannone tedesco Flak 18/36/36/37/41, una delle migliori armi antiaeree e anticarro della Seconda guerra mondiale. Qualsiasi altro carro armato sovietico, britannico o americano, avrebbe fornito all'equipaggio una protezione pari a zero contro queste armi.

L'IS-2 divenne una vera e propria spina nel fianco per i tedeschi. Per colpire questo potente carro armato sovietico, il Tiger doveva avvicinarsi a una distanza non inferiore agli 800 metri, che riduceva significativamente le sue possibilità di vittoria. Per questo motivo, il comando della Wehrmacht ordinò ai suoi carri armati di evitare i duelli con l'IS-2.   

"Il carro armato Iosif Stalin che abbiamo incontrato nel 1944 era uguale al Tiger ma era decisamente migliore in termini di modello (come il T-34)", scrisse il comandante tedesco di carri armati Otto Carius nelle sue memorie “Tigers in the Mud”.

Lo stesso Iosif Stalin era molto soddisfatto del suo carro armato "marchiato". Dopo aver esaminato l'IS-2, avrebbe detto: "Con questo carro armato porremo fine alla guerra".

L'IS-2 non venne progettato solo per fermare il Tiger: nel 1944, l'Armata Rossa lasciò le vaste pianure dell'Unione Sovietica ed entrò in numerose città fortificate d'Europa, dove i suoi carri armati diedero prova di grandi abilità.

I carri armati IS-2 avanzarono rapidamente lungo le strette strade, distruggendo le fortificazioni nemiche e le barricate. Entrando nelle piazze centrali, saltavano fuori gruppi di mitraglieri, cecchini e lanciafiamme sovietici d'assalto per prendere posizioni difensive. In questo modo, fu il carro armato IS-2 ad aprire per la prima volta il fuoco sul Reichstag a Berlino.

Prima della fine della guerra, furono costruiti in totale 3.395 carri armati IS-2. Tuttavia, questi carri armati prestarono servizio ben oltre il 1945. Modernizzati, rimasero nei ranghi dell'esercito sovietico (e più tardi russo) fino al 1995, e furono usati anche dagli eserciti di Cecoslovacchia, Polonia, Cina, Vietnam e Corea del Nord. Anche all'inizio degli anni 2000, furono utilizzati nella difesa costiera cubana.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie