L’URSS degli anni ’60 raccontata in foto

Sputnik, Oleg Ivanov/TASS, Sergei Lidov/Sputnik
Dalla corsa allo spazio alle tensioni internazionali: immagini iconiche che raccontano un decennio di speranze e inquietudini

1/ L’incidente dell’U-2 (1960)

Il 1° maggio 1960, le forze di difesa aerea sovietica abbattono l’aereo da ricognizione americano U-2 nei cieli degli Urali. Il pilota Gary Powers viene fatto prigioniero e condannato per spionaggio, ma viene presto rilasciato grazie a uno scambio di prigionieri.

2/ Il primo uomo nello spazio 

Il 12 aprile 1961 il cosmonauta sovietico Yurij Gagarin, a bordo della navicella spaziale Vostok, entrò nella storia per essere stato il primo uomo a volare nello spazio. L’impresa durò 108 minuti. 

3/ La costruzione del muro di Berlino

Per impedire ai "fascisti" occidentali di entrare nella Germania dell'Est, la Repubblica Democratica Tedesca, con la benedizione di Mosca, iniziò la costruzione del famoso e infame Muro di Berlino. La prima pietra fu posta il 13 agosto 1961 e per 28 anni divise fisicamente e ideologicamente la città.

4/ Show televisivo KVN

Nel 1961 viene lanciato uno dei più popolari programmi televisivi sovietici: il KVN, (Klub vesjolykh i nakhodchivykh; “Club degli allegri e dei creativi”) 

È ancora oggi un programma molto seguito dal pubblico. 

5/ Il massacro di Novocherkassk

Il 1° giugno 1962 oltre 5.000 persone - perlopiù operai della fabbrica locale di locomotive elettriche - si radunano nella città di Novocherkassk per manifestare contro il progressivo peggioramento delle condizioni lavorative. Non riuscendo a fermare la folla che si dirige verso l’amministrazione cittadina, la polizia apre il fuoco sulla folla, uccidendo 26 persone e ferendone 87.

6/ La crisi dei missili di Cuba

Il posizionamento da parte degli USA di alcuni missili balistici in Turchia viene interpretato dai sovietici come una grande minaccia. Per tutta risposta, inviano un contingente di oltre 50.000 soldati e armi nucleari a Cuba, nuovo alleato comunista. Solo una stretta e intensa collaborazione dell’ultimo minuto fra Nikita Krusciov e John Kennedy nell'ottobre 1962 riesce ad evitare un conflitto nucleare. 

7/ La prima donna nello spazio

Il 16 giugno 1963, Valentina Tereshkova entra nella storia per essere la prima donna a volare nello spazio. Trascorre quasi tre giorni in orbita, facendo 48 giri attorno alla Terra a bordo della navicella spaziale Vostok 6. 

8/ La nascita della contro-cultura 

Durante il periodo del Disgelo, nella vita culturale e politica del paese entra una nuova generazione di Intellighenzia. Pur credendo negli ideali comunisti, questa nuova fetta della popolazione promuove attivamente una visione più liberale e anti-totalitaria. 

9/ La caduta di Krusciov

Il 14 ottobre 1964, un gruppo di alti funzionari porta alla deposizione di Nikita Krusciov, adducendo motivi di “età avanzata e cattivo stato di salute”. Ciò avviene finché il leader sovietico si trovava in vacanza in Georgia. Krusciov non oppone resistenza. La carica di nuovo segretario generale del Partito Comunista viene affidata a Leonid Brezhnev. 

10/ L’oleodotto Druzhba (dell’amicizia)

Il 15 ottobre 1964 viene inaugurato l’oleodotto più lungo del mondo. Lungo quasi 6.000 km, l’oleodotto dell’Amicizia collega la parte orientale della Russia europea alla Polonia e alla Germania. La rete, successivamente ampliata e migliorata, è attiva ancora oggi. 

11/ La prima passeggiata spaziale

Il 18 marzo 1965 il cosmonauta sovietico Aleksej Leonov entra nella storia per essere stato il primo uomo a effettuare una passeggiata nello spazio aperto. Uscito dalla navicella spaziale durante la missione Voskhod 2, è rimasto nello spazio per 12 minuti. Leonov è morto all’età di 85 anni l’11 ottobre 2019. 

12/ Il campo petrolifero di Samotlor

Nel 1965 viene scoperto in Siberia il giacimento petrolifero di Samotlor. Con una superficie di 1.752 km quadrati, si aggiudica il titolo di giacimento più grande dell’Unione Sovietica, entrando nella top 10 dei più grandi del mondo. 

13/ L’Operazione Danubio

La cosiddetta Primavera di Praga, il periodo di liberalizzazione e democratizzazione avviato nel 1968 in Cecoslovacchia, spaventa la leadership sovietica, che successivamente organizza, con le truppe del Patto di Varsavia, un’invasione nel paese. L’Operazione Danubio coinvolge più di mezzo milione di truppe e si conclude con un cambio di regime più vicino agli interessi di Mosca.

14/ La crisi sino-sovietica 

Nel 1969 l’URSS e la Cina si fronteggiano nel più grande conflitto della loro storia. Durante una guerra non dichiarata per aggiudicarsi l’isola sovietica di Damansky (Zhenbao), sul fiume Ussuri, rivendicata dai cinesi, i due schieramenti perdono centinaia di soldati. Al termine degli scontri, l’isola resta contesa fino al 1991, quando viene ufficialmente ceduta alla Cina. 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie