Le foto delle più leggendarie macchine sovietiche ai motor show internazionali

gorkyclassic.ru
L’Urss non portava spesso le sue automobili alle fiere di settore, ma in alcuni casi lo fece e con grande successo

Bruxelles 1958

La partecipazione più ricca di soddisfazioni per l’Unione Sovietica a una mostra nel campo automobilistico fu quella all’Expo di Bruxelles del 1958. In quell’occasione la Volga Gaz-21 vinse il Gran Prix al motor show.

Bruxelles 1958

Sempre in quell’occasione venne mostrata l’ammiraglia della Fabbrica automobilistica di Gorkij (oggi Nizhnij Novgorod): la Chajka Gaz-13. Indipendentemente dal fatto che la Chajka non fosse in commercio nei Paesi capitalisti (e non ci fosse intenzione di iniziare a esportarla), alla mostra venne utilizzata per raccogliere consenso e applausi. 

Londra 1960 

A Londra nel 1960 i costruttori automobilistici sovietici stupirono gli europei con le grandi forme e il design all’americana delle auto in mostra. Rispetto ai Maggiolini e alle Mini, le Volga e le Moskvich apparivano estremamente solide e voluminose. 

Lipsia 1960 

Nella cornice della mostra di Lipsia era ben evidente come le fabbriche sovietiche presentassero le loro creature all’estero come un blocco unico. Le auto di massa Moskvich, le voluminose Volga, le lussuose Chajka e le limousine Zil erano accanto alle motociclette Ukraina e ai motorini Karpaty. 

Londra 1968 

Alla fine degli anni Sessanta l’Unione Sovietica aveva una grande necessità di valuta estera, per cui cercò di vendere sui mercati europei persino la Zaporozhets ZAZ-966. Queste piccole e rumorose utilitarie persino all’interno dell’Urss non godevano di buona fama, ma per l’export fu quantomeno pensato un nome più attraente: Yalta.

Parigi 1971 

Nel mettere in mostra la Moskvich-427 nel 1971 a Parigi, un modello che avrebbe avuto un discreto successo di vendite in Occidente, l’Urss decise di seguire le tendenze della rivoluzione sessuale europea. 

New York 1973 

Visto che l’Urss aveva acquistato la licenza per la produzione di auto Lada dalla Fiat, inizialmente il loro commercio in Europa era vietato. La Zhigulì fu portata in mostra negli Stati Uniti, dove venne presentata da ragazze in bichini di zibellino.

 

Robuste e a buon prezzo: il successo delle auto sovietiche in Occidente 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie