Come gli stranieri cercano i loro antenati russi

Getty Images
Sono sempre di più quelli che si rivolgono a genealogisti di professione per ritrovare le tracce della storia della loro famiglia in Russia. Ecco cosa fare e quanto costa la ricerca, se anche voi pensate di avere avi da queste parti

Il cimitero Vvedenskoe, nella parte orientale di Mosca, era il cimitero delle comunità cattoliche e protestanti ed era anche chiamato il “cimitero tedesco”. È pieno di cripte, mausolei, colonne commemorative e bellissime sculture funerarie, una delle quali si trova sulla tomba della famiglia Baudelot. Erano famosi profumieri russi di origine francese. Un foglio di carta è nascosto tra le dita della mano di una statua. Alcune delle parole sono ormai illeggibili, ma quello che rimane è: “Mi chiamo […] e il nome di mia madre è […] Baudelot, vivo in Francia […] Stiamo cercando […]”. Segue la firma e un indirizzo email.

Nel corso della sua storia, la Russia è diventata la nuova patria di persone di molte nazionalità. Francesi, tedeschi, italiani (ricordiamo i grandi architetti che hanno costruito San Pietroburgo), inglesi (meno numerosi, ma spesso in posizioni chiave) si trasferirono in Russia, e ogni professione, inclusi mercanti, medici, soldati, scienziati e scrittori, ha avuto il suo contingente di stranieri che ha lavorato e trovato l’amore qui, è rimasto, e ha contribuito a fare della Russia un grande Paese. Dopo la Rivoluzione e le guerre, molti di quelli nati da queste vecchie famiglie fuggirono e tornarono nelle terre dei loro antenati, che erano loro ormai estranee. Ma ora molti stranieri vengono in Russia alla ricerca delle proprie radici.

Un ago in un pagliaio

Le ricerche genealogiche negli archivi russi sono abbastanza complicate, anche per un madrelingua con un master in storia russa. Tale ricerca richiede la conoscenza di complicate fonti storiche, come i registri delle nascite delle chiese o i casellari centrali e gli archivi. Inoltre, le ricerche genealogiche richiedono una corrispondenza scritta costante con molti archivi regionali. Per i non russi, la parte più difficile è che la maggior parte dei dipendenti degli archivi scrive e parla solo in russo. Quindi i genealogisti che parlano fluentemente le lingue europee sono molto richiesti.

“Lavoro molto con clienti stranieri, perché conosco sette lingue, anche se non tutte benissimo,” afferma Vitalij Semenov, uno storico indipendente con oltre dieci anni di esperienza nel campo della genealogia. “La maggior parte dei miei clienti stranieri provengono dalla Francia e dal Belgio e sono discendenti dei nostri emigrati antibolscevichi”.

“Il secondo gruppo, quasi altrettanto grande, sono ebrei americani, discendenti degli ebrei dell’Ucraina, della Bielorussia e della Russia. Di solito, queste persone non parlano né leggono il russo, e nemmeno i loro genitori sanno farlo. Ma i loro genitori potrebbero avere ricordi d’infanzia dei loro nonni che ricordavano la vita in Russia, oppure potrebbero conservare un dialetto yiddish parlato dai loro antenati. E il terzo gruppo sono discendenti dei tedeschi del Volga”, spiega Semenov.

“In assoluto, non tutte le ricerche genealogiche hanno avuto buoni risultati”, dice Stanislav Dumin, eraldo capo dell’Assemblea della nobiltà russa, un’organizzazione pubblica che riunisce i discendenti delle famiglie nobiliari russe. “Un cliente svizzero cercava le sue radici russo-tedesche. Durante il regno di Caterina la Grande (1762-1796), il suo antenato si unì all’esercito russo, visse a Mosca, ottenne il titolo nobiliare ed ebbe dei figli, ma all’inizio del XIX secolo abbiamo perso ogni traccia di questa famiglia”.

Sulla tomba del nonno

Un russo di recente ha assistito a una scoperta sorprendente: nel vecchio cimitero Donskoe di Mosca, un tifoso di calcio venuto in Russia per la Coppa del Mondo ha trovato una tomba del suo antenato.

“Qui giace il mio bisnonno, zio di mia nonna materna”, ha detto Philippe Patrick, un francese proveniente dalla zona di Nizza. “Nikolaj Kozljaninov, aiutante generale, comandante del distretto militare di Kiev.” Philippe ha raccontato che lui e sua moglie erano appena stati a San Pietroburgo e avevano trovato la casa di città dei suoi antenati con una targa commemorativa. “I miei antenati hanno lasciato la Russia subito dopo la Rivoluzione”, dice Philippe.

Russi e stranieri sognano allo stesso modo di scoprire antenati legati ai grandi del passato russi, a quelli citati nella letteratura, nelle memorie illustri o nei diari. Lo considerano più importante e prestigioso che scoprire “solo” antenati ricchi o nobili.

“Ho avuto una cliente dalla Francia, che – insolitamente per i miei clienti – è scomparsa dopo aver ricevuto i risultati delle indagini sul suo antenato, un cosacco degli Urali, che una volta incontrò Lev Tolstoj, gli parlò, ed è menzionato nei suoi diari,” racconta Semenov. “Così mi sono offerto di mandarle la prova (una pagina del diario di Tolstoj), e lei ha mandato immediatamente i soldi per il lavoro svolto!”

“Un altro problema sono le persone della lista dei super ricchi di Forbes, che parlano con noi attraverso il loro personale, perché sono sempre a corto di tempo. E questi loro dipendenti ritardano il pagamento fino a quando il capo non ha letto il materiale, il che paralizza il lavoro: con gli archivi russi, infatti, devi pagare costantemente per portare avanti la ricerca. Quindi è molto meglio quando i clienti, anche i più importanti, comunicano con me di persona. E a volte, ci imbattiamo in alcune scoperte davvero affascinanti.”

Come iniziare e quanto costa

Quindi, siete sicuri di avere degli antenati in Russia e avete deciso di trovare documenti su di loro e di costruire il vostro albero genealogico. Ok! Ma da dove iniziare?

Prima di tutto, dovreste esaminare tutti i documenti personali appartenenti alla vostra famiglia, in particolare quelli vecchi, e non solo quelli in lingua russa (se li avete). In secondo luogo, e di pari importanza, dovete parlare con i vostri parenti, specialmente quelli più anziani, del loro passato. Chiedete loro se ricordano i nomi dei parenti e dei luoghi in cui hanno vissuto. È meglio registrare tutte le conversazioni. Aggiungete nomi completi, date di nascita e professioni a ogni colloquio. Scannerizzate tutte le vecchie foto, ma solo se siete sicuri di chi raffigurano.

In terzo luogo, è il momento di assumere un genealogista russo. Per controllare che siano davvero in gamba, chiedete informazioni sulla loro ultima ricerca, compresi i libri che hanno scritto o ai quali hanno lavorato.

E infine, il costo. La ricerca più semplice della linea paterna di una famiglia (solo uomini) dovrebbe costare circa 70.000 rubli (1.000 euro), ma se siete pronti a spendere di più, i prezzi per una ricerca approfondita partono da circa 1.500 euro. Di solito ci vogliono circa sei mesi per ottenere i primi risultati.

Inoltre, ricordate che la ricerca richiede pagamenti piccoli, ma costanti: se un genealogista fa bene il suo lavoro è obbligato a ricontrollare tutti i dati, il che può essere costoso. Ma qua si fa la storia, ragazzi! Almeno quella della vostra famiglia.

Le cinque più grandi invenzioni realizzate da stranieri in Russia 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie