Accadde oggi: 83 anni fa l’Urss aderì alla Società delle Nazioni

AP / Len Putnam
L’organizzazione aveva lo scopo di preservare l’ordine mondiale e prevenire le guerre

La Società delle Nazioni è stata la prima organizzazione intergovernativa creata nel 1919-1920 il cui scopo era quello di preservare l’ordine mondiale. Le lingue ufficiali erano il francese, l’inglese e lo spagnolo.

Tra il 1920 e il 1946 si contarono 63 Paesi membri. Gli Stati Uniti non vi aderirono mai. La Germania, l’Italia e il Giappone furono espulsi dalla Società a causa della loro inosservanza del Trattato di Versailles.

Il 15 settembre 1934 su iniziativa della Francia, 30 Paesi membri proposero all’Unione Sovietica di aderire alla Società delle Nazioni. Mosca accettò l’offerta il 18 settembre dello stesso anno. In precedenza l’Urss aveva comunque lavorato a stretto contatto con i vari comitati della Società delle Nazioni su una vasta gamma di questioni internazionali. Il 14 dicembre 1939 l’Urss venne però espulsa per azioni “contro lo stato finlandese”.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale