Mondiali calcio, ancora ritardi nella ristrutturazione dello stadio Zenit

Secondo l'impresa appaltatrice, le autorità locali non avrebbero versato la somma di denaro stabilita per la prima tranche dei lavori all'impianto di San Pietroburgo, che ospiterà il campionato nel 2018

I lavori di ristrutturazione dello stadio Zenit di San Pietroburgo, che ospiterà le partite dei Mondiali di calcio del 2018, potrebbero subire nuovi ritardi a causa di una disputa tra l’impresa appaltatrice e le autorità della città russa. 

“L’amministrazione della città sta facendo di tutto per garantire la consegna dei lavori entro il termine stabilito”, ovvero entro la fine dell’anno, si legge in un comunicato diffuso dalla filiale di Transtroi, che si occupa dei lavori. 

Secondo l’impresa, le autorità locali non avrebbero ancora versato la somma di denaro stabilita per la prima tranche dei lavori. Una situazione che “sta causando una grossa tensione a causa della mancanza di liquidità”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta