Tennis, obiettivo Parigi: la sfida di Maria

Maria Sharapova, dopo il trionfo di Roma, difende il titolo a Parigi (Foto: Reuters)

Maria Sharapova, dopo il trionfo di Roma, difende il titolo a Parigi (Foto: Reuters)

Dopo la vittoria conseguita agli internazionali di tennis a Roma, la 28enne Maria Sharapova si concentra sul Roland Garros

Grazie ai risultati conseguiti al torneo di Roma Maria Sharapova si è ripresa il secondo posto nel ranking Wta, sconfiggendo la romena Simona Halep. Ciò dovrebbe garantire alla Sharapova di eludere il rischio di incontrare la sua scomoda rivale di sempre, Serena Williams, alla finale del Roland Garros. Andrei Chesnokov, semifinalista del Roland Garros del 1989, ha spiegato a Rbth quali sono le peculiarità di questo sorteggio.

"La Sharapova ha delle buone chance di superare con successo la stagione sulla terra battuta. Si intuisce fin da ora che si prepara ad affrontare Parigi in splendida forma. La semifinale di Madrid e la vittoria a Roma ne sono un'indubbia conferma. Questo darà alla Sharapova la sicurezza di poter difendere il titolo. Se ai tornei americani era riuscita a giocare malgrado il trauma non guarito e il braccio fasciato, già mentre stava per sbarcare in Europa recuperava la forma di Brisbane (Maria Sharapova ha vinto a gennaio il torneo di Brisbane, Ndr) e degli Australian open. La garanzia di poter incontrare Serena solo in finale fornisce un'ulteriore sicurezza sul piano psicologico alla Sharapova. L'americana non è così abile sulla terra battuta e potrebbe essere eliminata già nelle prime fasi del torneo", assicura l'ex tennista.

 
I segreti di Maria

L'ultima volta che nel ranking si era qualificata a un posto superiore al secondo risale a tre anni fa, al tempo della sua prima vittoria al Roland Garros. Lo scorso anno Maria è riuscita a vincere per la seconda volta il French open, affrontando una delle prove più difficili della sua carriera. Per tre match consecutivi ha dovuto recuperare il deficit di un set. Dopo aver vinto il suo quinto titolo al Grande slam la Sharapova ha confessato: “Se qualche anno fa mi avessero detto che le mie vittorie al Roland Garros sarebbero state superiori a quelle degli altri slam, sarei andata a ubriacarmi”.

Riuscirà a raggiungere l’apice della forma?

Secondo l'allenatore della squadra olimpica russa, Vladimir Kamelzon, il 2015 dovrebbe essere l'anno migliore della carriera della Sharapova.

"Credo che quest'anno Maria non si limiterà solo a conquistare il titolo del Grande Slam. A giudicare dal gioco che finora ha mostrato, dovrebbe avere le carte in regola per essere la favorita a tutti i tornei. L'essenziale è che riesca a evitare i traumi e gli infortuni che l’hanno colpita all'inizio dell'anno e che impari a contrastare Serena. A Parigi Masha si troverà ad affrontare una dura prova. Dovrà difendere un mucchio di punti e nel caso dovesse incontrare Serena sarà costretta a batterla. In caso contrario si ricomincerà a parlare della sua debolezza rispetto all'avversaria americana e del suo status di eterna seconda. Non sarà facile per lei, ma dovrà spuntarla", ha spiegato a Rbth Kamelzon.

Va rilevato poi che il trionfo a Roma ha permesso a Maria di classificarsi al decimo posto nel ranking su terra rossa. La Sharapova ha attualmente conquistato 11 titoli, pari a quelli conseguiti da Serena Williams e Gabriela Sabatini. Il record assoluto appartiene a Chris Evert (con 70 titoli), mentre il secondo posto va a Steffi Graf (32). Il più importante torneo mondiale su terra rossa, il Rolland Garros, dotato di un montepremi di 25 milioni di euro, ha avuto inizio il 24 maggio e si concluderà il 7 giugno. Oltre alla Sharapova, nell’entry list per i main draw del French open ci saranno altre due tenniste russe, Ekaterina Makarova e Svetlana Kuznetsova.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta