Scoprire Sochi passeggiando

Uno scorcio del lungomare di Sochi (Foto: Lori / Legion Media)

Uno scorcio del lungomare di Sochi (Foto: Lori / Legion Media)

Come occupare il tempo tra una gara e l'altra? Magari con una camminata attraverso i parchi e le piazze caratteristiche della città. Ecco la guida di Russia Oggi

E tra una gara e l'altra? Come e dove trascorrere il tempo libero a Sochi durante i Giochi Olimpici? I luoghi da visitare sono molti. Così come quelli dove passeggiare per godere dei panorami della città olimpica. Ecco la guida di Russia Oggi.

Situato nel quartiere storico di Sochi, il Parco Riviera (Sochi, ul. Yegorova, 1) è un luogo dove residenti e turisti si riversano nel tempo libero. Grazie alla presenza di numerose attrattive per grandi e piccini, è possibile trascorrere un’intera giornata all’interno del parco senza nemmeno notare lo scorrere del tempo: campi da sport, ristorantini, bar, bistrot, una sala degli specchi e persino il più grande delfinario di tutta la Russia. E se gli innamorati si danno appuntamento presso la “panchina dell’amore”, la “panchina della pace” è stata pensata per chi, dopo aver bisticciato, intende fare pace senza dilungarsi in troppe spiegazioni. Il suo design infatti fa sì che coloro che vi si siedono finiscano inevitabilmente per ritrovarsi uno accanto all’altro. Una passeggiata lungo il viale degli artisti consente di ammirare - e, per chi lo desidera, acquistare - opere di artisti locali, come rappresentazioni del mare e dei paesaggi del Caucaso.

Sochi, porte aperte agli stranieri

Il Parco Dendrariy (Dendrarium, Sochi, Kurortniy Prospekt 74) è considerato uno dei gioielli di Sochi, e vanta una collezione di piante rare ed esotiche di fama mondiale che comprende oltre duemila esemplari provenienti da ogni angolo della Terra. Qui in primavera fioriscono i ciliegi - e in autunno maturano le banane. Tra i sentieri si aggirano degli struzzi, mentre nei pressi del laghetto si possono avvistare pellicani e castori. Una funicolare conduce a una postazione panoramica dalla quale si può ammirare una veduta di tutta la città. La “Dendrariy-GId”, un’app gratuita per Android e iOS, è stata ideata in vista delle Olimpiadi e consente ai visitatori del Dendrarium di accedere a qualsiasi informazione relativa alle piante e gli animali del parco. Basta leggere con il telefonino gli appositi codici QR.

Poi il lungomareLa passeggiata si estende dal porto al circo, passando di fronte a bistrò dai prezzi contenuti. Da quasi ogni negozio si sente uscire della musica: jazz, rock ‘n’ roll, e, soprattutto, canzoni e ballate romantiche tratte dal repertorio russo.

Nella fabbrica delle medaglie di Sochi
Guarda la nostra fotogallery 

Gli amanti delle passeggiate possono dirigersi verso il Terrainkur, detto anche “percorso della salute”. L’itinerario, che è lungo cinque chilometri e si snoda dal Matsesty allo stadio Centrale, fu realizzato in epoca sovietica a scopo salutare e terapeutico. Il suo effetto benefico è dovuto, oltre che ai numerosi pendii, anche alla flora e alla fauna circostanti: lungo il sentiero crescono infatti una moltitudine di fiori selvatici, cespugli di more, alberi di noce, palme e magnolie, i cui effluvi si mescolano alla brezza marina (il Terrainkur si snoda quasi interamente lungo la costa). Per percorrerlo dall’inizio alla fine senza fretta occorrono circa due ore.  

Lo speciale su Sochi 2014

Anche il porto può fornire l’occasione per una visita interessante. Qui, oltre ad ammirare da vicino gli yacht ormeggiati lungo il molo, si possono scattare foto della famosa Rotonda: un padiglione che si affaccia sul Mar Nero. Naturalmente, però, la principale attrattiva del complesso è rappresentata dal porto stesso: un imponente omaggio all’architettura federale, costruito in epoca sovietica e noto soprattutto per la sua torre - alta settanta metri, sormontata da una guglia e decorata da personificazioni delle stagioni e dei quattro angoli della Terra.  

Al primo livello della torre si trova “Bosco”: un negozio che vende il merchandising ufficiale delle Olimpiadi. All’estremità orientale del porto sorge invece “Chaika”: uno dei più famosi ristoranti della città. 

Una visita alla zona portuale non può dirsi completa senza una sosta nella piccola piazza, abbellita dalla presenza di un cedro dell’Himalaya, diverse palme, un roseto e una bellissima fontana. Nel porto è possibile procurarsi i biglietti per accedere agli edifici del complesso o prenotare un’escursione a bordo di un catamarano o sulla “Kometa”. A prescindere da cosa decidiate di fare, potrete godere di suggestive vedute della città e, in inverno, delle cime innevate dei monti del Caucaso.

Il complesso del sanatorio Ordzhonikidze, uno dei più antichi di Sochi, è raro (per questa zona) esempio di architettura gotica e di architettura rinascimentale italiana. Il maestoso edificio, spesso definito “un palazzo di stile stalinista neoclassico”, contiene affreschi e stucchi ed è circondato da negozietti, fontane, Terrainkurs e piante subtropicali sempreverdi. Benché il sanatorio sia attualmente chiuso per ristrutturazione, visitarlo è una vera delizia.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta