Mondiali 2018, si pensa al divieto di vendita di birra negli stadi russi

In vista divieti di alcolici negli stadi durante i Mondiali di calcio del 2018 in Russia (Foto: MIkhail Mordasov)

In vista divieti di alcolici negli stadi durante i Mondiali di calcio del 2018 in Russia (Foto: MIkhail Mordasov)

Proposta alla Duma: “È necessario coordinare la legislazione che consente la vendita al dettaglio e il consumo di bevande alcoliche nelle aree ricreative e durante lo svolgimento di eventi pubblici, con il divieto di vendita e consumo di alcool negli impianti sportivi”

Il Dipartimento giuridico della Duma di Stato russa ha criticato il disegno di legge sulla preparazione e lo svolgimento della Coppa del Mondo di Calcio del 2018. Il Ministero dello Sport ha preparato una serie di emendamenti in vista della seconda lettura di questo disegno di legge. Tuttavia, secondo le conclusioni del Dipartimento giuridico della Duma, detti emendamenti non sono del tutto conformi alla legislazione russa. Il principale punto di disaccordo è l’autorizzazione per la vendita e la pubblicità di bevande alcoliche negli stadi nel 2018.

“È necessario coordinare la legislazione che consente la vendita al dettaglio e il consumo di bevande alcoliche nelle aree ricreative e durante lo svolgimento di eventi pubblici, con il divieto di vendita e consumo di alcol negli impianti sportivi”, segnalano gli esperti del Dipartimento giuridico. “Tale divieto è contenuto nel paragrafo 16 della legge che regola la produzione e il fatturato statale di prodotti alcolici”, ricordano gli specialisti.

I rappresentanti del Ministero dello Sport ricordano a loro volta che la Russia si è impegnata con la FIFA a creare spazi pubblicitari e attività commerciali limitate in tutti gli stadi e luoghi pubblici del Campionato, così come a un raggio di 2 chilometri da queste aree. Gli esperti hanno spiegato a Izvestia che, nel caso in cui detti impegni non vengano rispettati, la FIFA potrebbe togliere alla Russia la possibilità di ospitare le competizioni calcistiche.

Il disegno di legge sulla preparazione e lo svolgimento della Coppa del Mondo del 2018 è stato presentato dinanzi alla Duma a settembre 2012. Nel novembre dello stesso anno, il disegno di legge è stato approvato in prima lettura.

La questione del ritorno alla vendita e al consumo di birra negli stadi era già stata sollevata a livello governativo. Nell'autunno 2012, il quotidiano Novosti scriveva che il Dipartimento che regola il consumo di alcool in Russia voleva consentire la vendita, negli impianti sportivi, di birra con un contenuto alcolico non superiore al 5 per cento, ma solo come parte dell’erogazione del servizio di alimentazione pubblica.

Per leggere l'articolo in versione originale cliccare qui

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta