Come la ricerca dei cani perduti ha cambiato la vita di un uomo

Anton con Anubis prima dell’incidente

Anton con Anubis prima dell’incidente

: @perecosyak / @woof_fest
Dopo che erano fuggiti, spaventati, dal luogo dove aveva avuto un incidente, il padrone ha lasciato il lavoro e vissuto in tenda per ritrovarli

Anton con Anubis prima dell’incidente. Fonte: @perecosyak / @woof_festAnton con Anubis prima dell’incidente. Fonte: @perecosyak / @woof_fest

Anton Jukin lavorava come saldatore ma non era soddisfatto della sua vita. “Sempre la solita routine: avanti e indietro da casa al lavoro; pochi soldi, e mai niente di nuovo”, ha detto al giornale Afisha.

Un giorno vide un annuncio: alcuni cuccioli avevano bisogno di una casa. Decise che questa era una possibilità per cambiare qualcosa nella sua vita. Ne prese sei, dandone quattro ai suoi amici e tenendone due per sé (Anubis e Yoda). Successivamente si mise d’accordo con un un parente che vive nella regione di Tula, non lontano da Mosca, per dargliene uno.

Ma proprio mentre Anton stava guidando con i suoi due cani verso casa del suo parente, si addormentò alla guida e andò a schiantarsi. Quando riprese conoscenza dopo l’urto, con gli occhi ancora intorpiditi, vide Anubis e Yoda che, spaventati, correvano ormai in lontananza.

 

Inizia la ricerca

Fin dal giorno successivo, Anton iniziò a cercare i suoi cani vicino a dove aveva avuto l’incidente. Ha scritto disperati post sui social network chiedendo se qualcuno li avesse visti e ha anche creato un canale su Telegram dove segnalare eventuali avvistamenti. “La gente ha cominciato ad aggiungersi al canale, erano davvero in tanti. Conoscevo appena il 10 per cento di loro”, ha detto Anton.

I volontari sono venuti in tanti e velocemente. Hanno attaccato avvisi per strada con le foto dei cani, organizzato battute di ricerca e sono persino riusciti a ottenere di trasmettere un messaggio in tv.

Gli annunci con le foto dei cani nel corso della ricerca. Fonte: @perecosyakGli annunci con le foto dei cani nel corso della ricerca. Fonte: @perecosyak

Quando ormai una settimana era passata, Anton e i suoi sostenitori ormai cominciavano a perdere la speranza. Ma all’improvviso, ha ricevuto un messaggio con una foto di uno dei suoi cani. Sono andati subito al posto indicato nel messaggio e hanno trovato Yoda che giocava con dei bambini del posto. “Yoda è impazzita di gioia, e mi è saltata addosso”, racconta Anton. Visto che aveva promesso una ricompensa per chi avesse ritrovato il cane, ha comprato ai bambini tutto quello che volevano: cioccolato, bibite, gelati…

Yoda è stata trovata abbastanza lontana dal luogo dell’incidente automobilistico, quindi il gruppo ha deciso di allargare l’area di ricerca. Durante tutto questo tempo, Anton ha deciso di rimanere in zona, dormendo in una tenda e cucinando sul falò, mentre durante il giorno girava per cercare Anubis.

Yoda subito dopo essere stata ritrovata. Fonte: @perecosyakYoda subito dopo essere stata ritrovata. Fonte: @perecosyak

Ormai l’intera regione di Tula sapeva di Anubis. Non era rimasto un angolo non perlustrato, ma non c’era alcun segno del cane.

Ma un giorno un ragazzo ha telefonato a Anton e ha detto di aver visto Anubis nel parco centrale di Tula. Era molto più lontano rispetto al punto in cui era stata ritrovata Yoda, ma i volontari di ricerca non hanno perso un solo momento e sono andati di corsa sul posto. “Ho dato un’occhiata e ho capito che era sicuramente Anubis, la folla si è radunata, molti hanno pianto”.

Il momento del ritrovamento di Anubis. Fonte: @perecosyakIl momento del ritrovamento di Anubis. Fonte: @perecosyak

 

La vita è cambiata del tutto

Questa esperienza ha cambiato Anton, che si è reso conto che, dopo aver vissuto in una tenda per cercare i suoi amati cani, si sentiva meglio, e quindi ha deciso di lasciare il lavoro che odiava tanto.

La tenda dove Anton ha vissuto durante il periodo di ricerca dei cani. Fonte: @perecosyakLa tenda dove Anton ha vissuto durante il periodo di ricerca dei cani. Fonte: @perecosyak

Mentre cercavano Anubis e Yoda, furono trovati altri due cani che si erano persi. “Adesso altre persone mi chiedono un aiuto: pubblico annunci, pianifico le ricerche e cerco di fare quanto più posso”, spiega. Vuole creare un’applicazione mobile per le persone in cerca di animali domestici perduti, mentre il canale Telegram che ha aperto è ancora in uso, grazie ai volontari, ed è un valido aiuto per le persone che continuano a cercare i loro animali domestici perduti.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale