Attentato in metro a San Pietroburgo, salgono a 14 le vittime

A man lays flowers during a memorial service for victims of a blast in St.Petersburg metro, at a memorial by the Kremlin walls in Moscow, Russia April 3, 2017.

A man lays flowers during a memorial service for victims of a blast in St.Petersburg metro, at a memorial by the Kremlin walls in Moscow, Russia April 3, 2017.

Reuters
Riaperta oggi la circolazione della sotterranea, chiusa ieri dopo l'esplosione. Parole di cordoglio da parte di leader russi e stranieri. Medvedev: "Questo è il nostro comune dolore". Indetti tre giorni di lutto

Fiori in memoria delle vittime dell'attentato di San Pietroburgo. Fonte: ReutersFiori in memoria delle vittime dell'attentato di San Pietroburgo. Fonte: Reuters

È salito a 14 il numero delle vittime dell’attentato di ieri nella metropolitana di San Pietroburgo. Secondo il ministro della Salute Veronika Skvortsova, 11 persone sarebbero morte immediatamente a seguito dell’esplosione, mentre altre tre avrebbero perso la vita per le ferite riportate; 49 persone, secondo Skvortsova, sarebbero ancora ricoverate in ospedale.

“Si tratta di un orrendo attentato terroristico. Coloro che lo hanno organizzato dovrebbero essere identificati e essere puniti con la pena più severa”, ha scritto su Instagram il leader ceceno Ramzan Kadyrov. Kadyrov ha parlato di “criminali”, aggiungendo che l’atteggiamento verso di loro dovrebbe essere “non solo severo, ma senza pietà”.

Candele accese in memoria delle vittime. Fonte: ReutersCandele accese in memoria delle vittime. Fonte: Reuters

Toni più pacati sono invece stati utilizzati dai politici russi, che si sono limitati a esprimere le proprie condoglianze alle famiglie delle vittime. “Questo è il nostro comune dolore”, ha detto il primo ministro russo Dmitrij Medvedev su Facebook. Mentre il governatore di San Pietroburgo Georgij Poltavchenko ha definito l’attentato di ieri “una terribile tragedia”, esortando prudenza da parte di chi vive in città.

Il Patriarca di Mosca e di tutte le Russie Kirill durante un servizio funebre per commemorare le vittime ha detto: “Si tratta di un atto di terrorismo che lancia una sfida non solo alle autorità, non solo alle forze dell’ordine e a quelli che sono chiamati a occuparsi della sicurezza dei cittadini, questo atto terroristico lancia una sfida a tutti noi, a tutto il popolo”.

L’Agenzia federale per il Turismo (Rostourism) ha lanciato un appello ai visitatori invitando alla calma. Secondo le informazioni fino ad ora disponibili, non vi erano turisti sul luogo della tragedia.

Il Presidente russo Vladimir Putin depone dei fiori vicino alla stazione della metro Tekhnologicheskij Institut, luogo della tragedia. Fonte: Kremlin.ruIl Presidente russo Vladimir Putin depone dei fiori vicino alla stazione della metro Tekhnologicheskij Institut, luogo della tragedia. Fonte: Kremlin.ru

Parole di cordoglio sono arrivate dai leader di tutto il mondo. Il ministro degli Esteri britannico, Boris Johnson, su Twitter ha detto di essere “inorridito dalla notizia dell’esplosione a San Pietroburgo”. “Il mio cordoglio va alle vittime e alle loro famiglie”, ha detto.

Il segretario generale dell’Onu António Guterres ha condannato l’esplosione, aggiungendo che i responsabili dovranno rispondere di questa tragedia.

Dopo la tragedia, la città di San Pietroburgo ha dovuto fare i conti con il traffico paralizzato e tutte le linee della metropolitana chiuse. I mezzi di trasporto pubblico di superficie ieri sono stati messi a disposizione in forma gratuita. Ma vista l’alta richiesta di mezzi, anche i singoli cittadini si sono messi a disposizione per offrire passaggi in auto pubblicando la propria disponibilità sui social network, seguita dall’hashtag #home (casa).

Nel frattempo nella Venezia del Nord sono stati indetti tre giorni di lutto e al di fuori della stazione Tekhnicheskij Institut, dove si è verificato l’attentato, sono stati posati fiori e accese candele.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale