Fiori e amatriciana, la Russia vicina ai terremotati

L'abbraccio della disperazione davanti alle macerie del terremoto.

L'abbraccio della disperazione davanti alle macerie del terremoto.

: EPA
Mazzi di garofani e biglietti di condoglianze per le vittime del sisma davanti all’Ambasciata italiana a Mosca. E la modella russa Natalia Vodyanova lancia la raccolta fondi “Mangia per l’Italia”, per portare la “pasta solidale” nei menu dei ristoranti della Federazione

Dei garofani rossi. Le bandiere a mezz’asta. E poi un biglietto: “Portiamo le nostre profonde condoglianze al popolo italiano”. Sono i segni della solidarietà russa apparsi a Villa Berg. Mazzi di margherite e crisantemi lasciati davanti alla sede dell’Ambasciata d’Italia a Mosca in segno di lutto e vicinanza. Un gesto di affetto a 48 ore dal sisma che ha distrutto interi paesi del Centro Italia e causato 268 morti. “Ringraziamo le autorità e tutti i cittadini russi che hanno offerto assistenza ed espresso solidarietà in questo momento molto difficile”, dicono da Denezhnij Pereulok, sede dell’Ambasciata.

E mentre nel cuore della Penisola le scosse non si placano (quasi mille quelle registrate in due giorni) e ci si prepara ai funerali di Stato, la Russia non resta indifferente alla catastrofe.


Mazzi di fiori e un biglietto con la scritta "Portiamo le nostre profonde condoglianze al popolo italiano" lasciati davanti alla sede dell'Ambasciata d'Italia a Mosca. Fonte: Ambasciata d'Italia a Mosca

Sulla scia dell’iniziativa “amatriciana solidale”, lanciata in Italia da Slow Food per le zone terremotate e che prevede una donazione di due euro per ogni piatto ordinato nei ristoranti di tutto il mondo, in Russia la supermodella Natalia Vodyanova annuncia l’analogo progetto di solidarietà “Mangia per l’Italia”, organizzato con la sua startup di raccolta fondi “Elbi”.

“Amatrice, una piccola città di 16mila abitanti, è tra i luoghi più colpiti dal sisma ed è famosa in tutto il mondo per la sua eccezionale pasta all'amatriciana - ha scritto Vodyanova sul suo profilo Instagram -. È per questo che su ‘Elbi’ stiamo (letteralmente) cucinando una grande campagna chiamata ‘Mangia per l’Italia’”. Con questa iniziativa Vodyanova invita chef e ristoratori a inserire la pasta all’amatriciana nei menu dei ristoranti russi. I proventi delle vendite, ha spiegato, saranno inviati a Save The Children, alla Croce Rossa e ad altre organizzazioni che stanno lavorando sul luogo della catastrofe.

Fonte: account Instagram di Natalia VodyanovaFonte: account Instagram di Natalia Vodyanova

La modella ha fatto sapere che tra i primi ad aver aderito all’iniziativa della "pasta solidale" c’è lo chef inglese Jamie Oliver e altri 700 cuochi che lavorano insieme a lui.

“Da ieri la pasta all'amatriciana è presente nei menu di ristoranti inglesi e di altri Paesi d’Europa”, ha detto la supermodella, rivolgendosi poi ai propri connazionali e invitandoli a “preparare in casa propria una pasta all’amatriciana, mangiarla insieme alla propria famiglia, ricordando come si può essere felici a stare tutti insieme”.

Ti potrebbero interessare anche: 

Terremoto devasta il Centro Italia, la Russia offre il proprio aiuto

Terremoto in Italia, Zakharova: "Nessun russo tra le vittime"

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta