Inaugurata a Pordenone statua di Gagarin

Il mezzobusto di Gagarin allestito a Pordenone

Il mezzobusto di Gagarin allestito a Pordenone

Ekaterina Soboleva
Il mezzobusto dedicato al cosmonauta sovietico e donato dalla fondazione di beneficenza “Dialogo delle culture” è stato allestito nel cortile dell’Istituto Tecnico Industriale Kennedy

Si è svolta ieri mattina, nel cortile dell’Istituto Tecnico Industriale Kennedy di Pordenone, una commovente cerimonia di inaugurazione del busto in bronzo di Yuri Gagarin, donato alla città dalla Fondazione internazionale di beneficenza “Dialogo delle culture – il mondo unito” (Mosca) di Ruslan Bayramov. La cerimonia, presenziata al più alto livello, ha visto la partecipazione del sindaco di Pordenone e del presidente della Provincia di Pordenone Claudio Pedrotti, del console onorario della Federazione Russa a Udine Carlo Andrea Dall’Ava, dell’assessore del Comune di Pordenone con deleghe agli asili, alle scuole materne, all’istruzione, alla formazione e all’università Ines Flavia Rubino, e del presidente della fondazione internazionale di beneficenza “Dialogo delle culture – il mondo unito” Ruslan Bayramov. Era presente anche il direttore del Centro russo di scienza e cultura di Roma Oleg Ossipov, il presidente del Centro per lo sviluppo transnazionale tra l’Italia e Russia in FVG ed anche il “motore organizzativo” dell’evento, Elena Tukshumskaya, nonchè la padrona di casa: il dirigente scolastico dell’Istituto Kennedy Antonietta Zancan insieme a numerosi allievi.

La nostalgia cosmica di Gagarin

“È un'iniziativa di grande rilevanza simbolica per la nostra città”, ha detto in apertura il sindaco, augurando agli allievi presenti che questo evento contribuisca ad ampliare il loro modo di pensare.

“La Russia è molto più vicina a noi di tanti altri paesi europei”, ha affermato il console onorario della Federazione a Udine Dall’Ava, per il quale “l’inaugurazione del monumento a Yuri Gagarin nella città di Pordenone è la conferma della solidità dei rapporti tra Friuli Venezia Giulia e la Russia”.

Oleg Ossipov, rappresentante dell’istituto culturale russo in Italia, ha preso spunto da questa occasione per invitare nel nome di Gagarin tutti presenti a scoprire personalmente la Russia e le tante novità e le bellezze che la Federazione russa propone. Ha concluso la cerimonia ufficiale dell’inaugurazione del monumento la padrone di casa, la preside dell’Istituto Kennedy, Zancan che ha i invitato i giovani ad avere soprattutto coraggio e prendere per questo esempio da Gagarin.

Il donatore del busto, Ruslan Bayramov, è anche fondatore del nuovo grande parco-museo ETHNOMIR situato a 100 chilometri da Mosca. Bayramov ha parlato della fondazione “Dialogo delle culture”, precisando che sono ad oggi 21 le città del mondo, tra cui Berlino, Huston, Praga, Pordenone ed altre ancora, nelle quali sono presenti i busti di Gagarin. “La pace nel mondo dipende da ognuno di noi”, ha sottolineato Bayramov, spiegando che la missione che la fondazione si propone di compiere con queste iniziative è unire culturalmente i popoli per la giustizia e la pace, nel rispetto e nella promozione delle particolarità e diversità dei vari popoli.

Il cibo è spaziale  

Dopo il taglio del nastro del busto di Yuri Gagarin da parte dell’autorità presenti, la cerimonia è proseguita con il collegamento in diretta con il centro di addestramento dei cosmonauti di Yuri Gagarin a Zvezdnij Gorodok. Così ha preso la parola il cosmonauta russo Roman Romanenko, che si è intrattenuto con gli studenti. Alla domanda si cosa si provi quando per la prima volta si va nello spazio ha risposto: “Un momento indimenticabile per me, nella Stazione Internazionale Spaziale, è stato la sensazione dell’assenza di gravità. Solo lì ho percepito che finalmente mi trovavo nello spazio”. E alla domanda su cosa debba studiare chi aspira a diventare cosmonauta, Romanenko ha risposto che prima di tutto bisogna essere sempre in grande forma fisica e avere un ottima salute; “lo studio, come ovviamente quello della matematica e fisica, si può approfondire anche dopo, continuando gli studi all’università”.

Nella galleria dell’Istituto si poteva anche visitare la mostra delle riproduzione delle foto di epoca di Yuri Gagarin, offerta dal Centro russo di scienza e cultura di Roma.

Il busto di bronzo di Yuri Gagarin, eseguito dallo scultore moscovita Alexey Leonov, pesa 50 chili ed è alto di 50 centimetri. Grazie al sostegno della IMEL Spa di Codroipo e della “Friulana Marmi”, è stato realizzato anche il basamento composto da un blocco unico di pietra piasentina dalla cave del Friuli di complessivi 500 chili.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Leggi di più