Spazio, nove curiosità sul count down

In tutta la storia della Stazione Spaziale Internazionale nessuno si era mai trattenuto sulla Iss per più di sei mesi. Gli astronauti Mikhail Kornienko e Scott Kelly saranno i primi a trascorrere 342 giorni in orbita. Rbth racconta la vita dell’equipaggio poco prima del lancio

1. Gli equipaggi giungono sempre al cosmodromo due settimane prima dell’inizio della missione.

2. Nei 14 giorni successivi all’arrivo gli astronauti, insieme all’intero team di esperti che collabora con loro, risiede in una zona chiusa, inaccessibile, sotto speciale controllo medico. Lo scopo di tali misure è quello di proteggere gli astronauti da eventuali malattie.

3. Il programma quotidiano prevede un intenso allenamento fisico ed esercizi di addestramento con speciali apparecchiature per far lavorare gli astronauti in parziale assenza di gravità.

4. Dodici giorni prima del lancio ha luogo la cosiddetta “prova generale della navicella spaziale”. In questa fase l’equipaggio indossa la tuta spaziale e verifica il livello della propria preparazione e il comandante e gli ingegneri di bordo testano gli strumenti di guida e navigazione.

5. La navicella spaziale e le tute spaziali vengono portati a Bajkonur qualche mese prima del lancio così da poter disporre del tempo sufficiente per effettuare tutti i controlli e correggere gli eventuali difetti.

6. 24 ore prima del lancio inizia a Bajkonur il cosiddetto “giorno del silenzio”. Gli astronauti si riposano fino a sera, al momento della partenza. E sei ore prima del lancio si mettono in moto per raggiungere il cosmodromo.

7. Esattamente 2 ore e 2 minuti prima del lancio l’equipaggio sale a bordo della navicella spaziale. In quell’arco di tempo un team di psicologi supporta gli astronauti aiutandoli a rilassarsi e diffondendo della musica nell’ambiente.

8. Al lancio lavora una squadra composta da 500 persone.

9. Il volo della navicella fino alla Stazione Spaziale Internazionale dura circa 6 ore.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta