Un anno di aurora boreale

Giochi di luci in cielo durante un’aurora boreale (Foto: Lori / Legion Media)

Giochi di luci in cielo durante un’aurora boreale (Foto: Lori / Legion Media)

Nel 2015 aumenteranno questi fenomeni, che saranno particolarmente visibili da diverse regioni del paese: dall'oblast di Murmansk al circondario autonomo della Chukotka, fino alla penisola del Tajmyr

L’aurora boreale si fa sempre più frequente. Nel 2014, nelle regioni russe disposte attorno al Circolo Polare Artico, questo fenomeno si è verificato più volte del normale, e, secondo gli astronomi, tale tendenza potrebbe proseguire anche nel 2015. Gli scienziati attribuiscono il fenomeno all'incremento dell'attività solare che avviene ogni 11 anni. Questo splendido spettacolo della natura però non è così innocuo come si crede: potrebbe risultare dannoso alla salute umana e causare rallentamenti o interruzioni nelle comunicazioni radio.

 
Alla ricerca dell'aurora perfetta

Nel mese di dicembre, le aurore boreali sono comparse fino a cinque volte la settimana nel cielo sopra l'oblast di Murmansk, la regione più settentrionale della Russia occidentale. I fotografi si sono precipitati fuori città, mentre gli astronomi hanno osservato dai telescopi lo strano comportamento del cielo.

Secondo le parole degli scienziati, non è da molto tempo che il sole ha raggiunto la vetta della sua attività. L'ultimo periodo di elevata operatività è stato registrato nel 2000. Dopo aver raggiunto il suo punto più alto, l'attività solare è rapidamente calata e il campo magnetico del sole ha cominciato a ristabilirsi. In questo periodo gli astronomi hanno osservato sulla superficie del sole una grande quantità di esplosioni.

“Nella seconda metà di dicembre abbiamo registrato sul sole potenti scoppi di classe M. Forse questo indicatore non dice nulla alla gente comune, ma per fare un confronto, la bomba lanciata su Hiroshima aveva una carica di circa venti chilotoni di potenza nell'equivalente in TNT. Immaginatevi milioni di bombe scoppiare contemporaneamente. Ecco questo è quanto si è scatenato sul sole”, spiega Viktor Troshenkov, presidente della società astronomica dell'oblast di Murmansk.

Un cortocircuito nel cosmo

Ad essere precisi si parla di cifre enormi. Tuttavia, per la scala dei valori riguardanti il sole le esplosioni di classe M (o moderate) non sono le più forti. Alla fine di dicembre gli astronomi hanno fissato emissioni di energia dieci volte più forti: di classe X. Quelle che hanno disturbato le comunicazioni ad alta frequenza in Australia.

“Quando sulla superficie del sole si intersecano le linee magnetiche, avviene qualcosa di simile a un cortocircuito. Come quando a intersecare i cavi conduttori “più” e “meno” parte la scintilla. Le stesse scintille, anche se molto più potenti, si osservano sul sole”, dice il direttore dell'osservatorio “Ka-Dar”, Stanislav Korotkij.

Le scintille rafforzano il flusso del vento solare o le particelle cariche provenienti dal sole. Quando questo vento è diretto verso la Terra, l'atmosfera terrestre reagisce con tempeste e aurore polari. Nel 2015 le aurore boreali saranno spesso visibili da tutte le regioni polari della Russia: dall'oblast di Murmansk, dal circondario autonomo di Chukotka, dalla penisola del Tajmyr.

L'eccessiva attività solare potrebbe causare non solo interferenze alle comunicazioni radio sulla Terra, ma potrebbe risultare pericolosa anche per i satelliti e gli astronauti. Inoltre, le conseguenze delle esplosioni solari possono influire sugli abitanti della Terra particolarmente sensibili alle condizioni meteorologiche, oltre che sulle persone con traumi alla testa. Ciò riguarda soprattutto le persone anziane. Le persone giovani e senza particolari patologie non risentiranno di questi fenomeni. 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta