Snowden ottiene il permesso di soggiorno

Edward Snowden a Mosca (Foto: AP)

Edward Snowden a Mosca (Foto: AP)

L’ex analista della CIA resterà nella Federazione ancora per qualche anno. L’avvocato: “Conduce uno stile di vita modesto e sta imparando il russo”. In futuro potrebbe richiedere la cittadinanza

Edward Snowden ha ottenuto il permesso di soggiorno nella Federazione Russa. A comunicarlo è il suo avvocato Anatolij Kucherena. Il visto di asilo temporaneo di Snowden – ex collaboratore dell’intelligence americano – era scaduto il 1° agosto e la domanda per il suo prolungamento era già stata consegnata.

Kucherena ha spiegato che Snowden potrebbe richiedere la cittadinanza russa in futuro. “Può anche circolare liberamente all’interno del paese e viaggiare all’estero, per un periodo non superiore ai tre mesi. Ma, conformemente a quanto prescritto dalla legge, il suo permesso di soggiorno potrebbe essere anche revocato”, ha dichiarato Kucherena. 

L’avvocato ha precisato di aver aiutato Snowden nelle pratiche per la richiesta del permesso di soggiorno. “È stata una mia iniziativa dal momento che il visto di asilo temporaneo dev’essere rinnovato allo scadere di un anno”, ha spiegato Kucherena.

Ha poi sottolineato che non si tratta affatto dello status di asilo politico. “La questione riguarda l’ottenimento di un permesso di soggiorno temporaneo nel territorio della Federazione Russa”, ha aggiunto.

Kucherena ha promesso che Edward Snowden incontrerà i media non appena le circostanze glielo consentiranno. “Sarà disponibile a incontrarvi non appena sarà possibile” ha detto. “Non vorrei parlare al suo posto, fare dichiarazioni in sua vece, risponderà alle domande che gli verrano rivolte via internet” ha detto Kucherena, promettendo che “Snowden cercherà di rispondere a tutte le domande che gli verranno poste”.

Sull’eventualità che venga presentata una formale richiesta di estradizione

 
La nuova vita di Edward Snowden

L’estradizione di Edward Snowden negli Usa non sarà possibile. “La legislazione russa vigente non consente l’estradizione. Snowden non ha commesso reati nella Federazione Russa e su di lui non pende alcun capo di imputazione, né abbiamo mai ricevuto nessuna richiesta formale di estradizione e in ogni caso non potremmo riceverne. Per assicurarlo alla giustizia occorre prima avere delle prove”, ha detto Kucherena.

L’avvocato ha osservato che contro Snowden è stata scatenata una “potente propaganda americana”. “È l’uomo più ricercato del mondo”, ha aggiunto.  Kucherena ha sottolineato che la questione della sicurezza di Snowden è prioritaria e ha comunicato che non è giunta nessuna richiesta formale di estradizione da parte degli Stati Uniti.

“Non è stata presentata nessuna richiesta conforme alle norme del diritto internazionale”, ha detto l’avvocato, rispondendo a una domanda di Itar-Tass. Kucherena ha poi menzionato una lettera spedita al Ministero della Giustizia dalla Procura generale degli Stati Uniti “corredata” di una descrizione del caso e di rassicurazioni sul fatto che “non verrà condannato alla pena di morte”.

Come vive Snowden in Russia

In Russia Snowden conduce uno stile di vita modesto e sta studiando il russo, ha detto l’avvocato. “È lui a decidere come muoversi e dove stare. Ha una discreta libertà di movimento, gira per negozi, va a teatro e visita musei”. Secondo Kucherena, Snowden si starebbe dedicando intensamente allo studio del russo.

“Ha uno stile di vita piuttosto modesto in quanto deve sempre preoccuparsi della sua sicurezza”, ha spiegato Kucherena.

A proteggere Edward Snowden in Russia è un intero apparato di sicurezza. “Non gli è stata assegnata una scorta dallo Stato. Per ottenere la scorta occorre eseguire una procedura burocratica complessa. Attualmente a proteggerlo sono delle guardie di sicurezza private”, ha detto Kucherena.

Snowden, a detta dell’avvocato, “svolge un lavoro nell’ambito della sua competenza professionale” in campo informatico. Kucherena ha raccontato che hanno discusso insieme di una sua eventuale occupazione nel settore dei diritti umani. “Gli interessa ogni aspetto di questo settore”, ha detto Kucherena. A suo avviso, Snowden riceve uno stipendio adeguato. “Quanto alle altre opportunità, come sapete, è stato costituito un fondo dove affluiscono finanziamenti da parte di privati e organizzazioni non governative”, ha spiegato Kucherena.

Ha raccontato poi che Snowden, trovandosi lontano dalla patria, ha nostalgia dei famigliari e che soprattutto il primo periodo è stato per lui piuttosto difficile.

Qui la versione originale dell'articolo

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta