R1, il nuovo tram russo che sfida il futuro

Design avveniristico e tecnologie rivoluzionarie. L’ultramoderno mezzo di trasporto su rotaia, ideato e realizzato in Russia, è stato presentato a Ekaterinburg. E si è già conquistato il soprannome di “bat-tram”

Il tram dovrebbero comparire prima a Ekaterinburg, poi a Omsk, Mosca, infine all’estero (Foto: ufficio stampa)

Di fronte al pubblico di Ekaterinburg è stato mostrato per la prima volta il modello di tram moderno Russia One, ideato e realizzato in Russia. Il futuristico tram che ricorda un poco i Decepticon dei Transformers e un poco la Morte Nera di Guerre Stellari ha scatenato un’ondata di discussioni sui social network russi.

Gli ospiti dell’annuale fiera dell’esposizione industriale Innoprom, che si svolge a Ekaterinburg (1.400 km ad est di Mosca) hanno ribattezzato l’innovativo tram Russia One (R1), “iPhone su rotaie”. Il veicolo è stato progettato e realizzato dalla ditta meccanica dei trasporti degli Urali (che rientra nella corporazione scientifico-produttiva “Uralvagonzavod”) in collaborazione con l’ufficio tecnico-progettuale “Atom”.

L’ultramoderno tram silenzioso, dalla forma insolita assomiglia piuttosto a un enorme cristallo nero o a un treno ad alta velocità di un film di fantascienza piuttosto che a un mezzo di trasporto pubblico. I produttori chiamano la loro creatura “il primo tram business cla. Ss del mondo”.

“Il nostro obiettivo era quello di cambiare l’atteggiamento degli abitanti rispetto al concetto di 'trasporto pubblico' in un qualcosa di più positivo. Vogliamo definire insomma un nuovo livello di trasporto pubblico nel paese e nel mondo. Noi concorriamo con giganti come Alstom, Bombardier, Siemens”, ha raccontato a RBTH il designer del “tram spaziale” Aleksej Maslov.

Foto: Darya Kezina

Il collaudo del nuovo tram russo inizierà a febbraio del 2015 mentre la produzione su larga scala è prevista verso l’inizio del 2016. I primi super-tram dovrebbero comparire prima a Ekaterinburg, poi a Omsk, Mosca, infine all’estero.

Sotto il cofano

Il nome ufficiale della macchina è “nuovo tram a tre sezioni con pianale ribassato R1”. Esso è dotato di Wi-Fi, GPS, sistema di navigazione satellitare, videocamere (al posto degli specchietti retrovisori) e condizionatori. Nel tram sono installate lampade speciali che permettono di variare la luminosità a seconda delle condizioni climatiche della città.

 
Medvedev alla presentazione
del nuovo tram russo
Guarda la foto del giorno 

Le maniglie del tram sono state create in rame con proprietà mediche tali da impedire la diffusione dei batteri, mentre il sistema integrato di lampade al quarzo per la pulizia dell’abitacolo disinfetta durante la notte tutte le superfici, abbassando così il rischio di trasmissione di malattie infettive tra i passeggeri.

Russia One è il primo tram a pianale ribassato interamente prodotto in Russia. Gli ingegneri si sono trovati davanti al non facile compito di creare da zero un tram che rispettasse gli standard di poduzione internazionali. R1 è realizzato con materiali quasi esclusivamente russi, il corpo ”a specchio” è coperto da pannelli di vetro composito (produzione Mosavtosteklo) di altissima qualità. Tra i componenti esteri ci sono solamente i meccanismi di sicurezza di apertura delle porte e la “fisarmonica” che unisce i vagoni.

Foto: Darya Kezina

Come ha spiegato a RBTH il direttore della produzione della ditta Uraltransmaš (ditta meccanica di trasporti degli Urali), Nikolaj Kirnos, l’unicità della sua costuzione sta nel fatto che ogni ruota è dotata di un suo motore. Questo distingue R1 dai comuni tram che montano invece un motore per coppia di ruote. R1 può proseguire la corsa persino in caso di rottura di uno dei carrelli.

Per velocità, il nuovo tram è paragonabile al treno elettrico locale e può essere utilizzato per i collegamenti tra città vicine: è in grado infatti di percorrere fino a 50km con gli accumulatori. Il design modulare della carrozzeria permette di cambiare la configurazione interna dell’abitacolo in accordo alle caretteristiche del percorso, diminuendo o aumentando il numero dei posti a sedere.

Sullo schermo a sensore nella cabina vengono visualizzate le immagini delle videocamere all’interno dell’abitacolo e fuori. La cabina si trova in posizione sopraelevata rispetto ai binari, ampliando così l’angolo di visibilità dell’autista del 15%. Questo permette di evitare una delle situazioni a rischio più comuni, quando cioè un pedone entra nel “punto cieco” inferiore dell’autista raggirando dal davanti il tram in sosta alla fermata. Inoltre “il tram intelligente” vale quasi il doppio rispetto ai suoi analoghi europei (un milione di euro contro i due milioni di euro per un tram a tre sezioni di marca Pesa). Il componente più caro di R1 sono le carrozze che costituiscono un terzo del costo complessivo, si è lasciato scappare lo stesso produttore del nuovo tram Uraltransmaš.

Le reazioni dai social network

Le prime immagini del tram hanno provocato una reazione forte e fondamentalmente positiva nei social network russi. “Dagli amplificatori risuona la marcia imperiale (Darth Vader's theme)“, “In pieno stile Darth Vader“, scrivono gli utenti nei commenti sotto le fotografie.

A qualcuno il design del tram ha fatto ricordare i Java di Guerre Stellari. Altri utenti invece considerano che il tram potrebbe essere perfetto per Batman e lo hanno così ribattezzato bat-tram.

Un utente ha espresso il suo scetticismo in merito al fatto che il design del tram si possa adattare con successo ai paesaggi russi (dove di primavera e autunno le strade sono parecchio sporche) e come prova ha pubblicato un'immagine ritoccata di R1 per le strade di Ekaterinburg piene di pozzanghere e neve disciolta. 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta