Il coraggio di Zhenya

Foto: Itar Tass

Foto: Itar Tass

I diplomati delle scuole degli orfanotrofi in Russia trovano difficile adattarsi alla vita al di fuori dell'istituto e ciascuno cerca di fare del proprio meglio da solo

Zhenya aveva otto anni quando sua nonna è morta. Suo padre non viveva con loro e quando sua madre ha ricominciato a ubriacarsi, Zhenya è stato lasciato a se stesso. Per circa un anno ha vissuto da solo, a volte a casa e a volte per strada. Così, quando gli è stato offerto un posto in un orfanotrofio ha accettato. "Non ho rimpianti. Sono diventato ciò che sono grazie a quell’istituto", dice Zhenya. Adesso ha 28 anni e, visto da fuori, nulla lascia intuire il suo passato in un orfanotrofio. Tranne forse, sottolinea lui con orgoglio, che la sua ragazza proviene "dal mondo reale" e non anche lei da un istituto per orfani. Lei ha 20 anni e sta studiando per diventare un agente di polizia, mentre Zhenya è felice "che almeno qualcuno nella nostra famiglia avrà una laurea”. Lui non ha mai finito la scuola, ma non è particolarmente infastidito da questa cosa.

Zhenya vive in un appartamento alla periferia di Mosca che gli è stato lasciato dalla nonna. Guadagna abbastanza bene lavorando come amministratore di sistema per una società di abbigliamento all'ingrosso. Ci sono circa 560.000 orfani sociali come Zhenya in Russia, cioè bambini i cui genitori biologici sono ancora in vita. Secondo il Ministero dell'Istruzione, essi costituiscono l’85 per cento di tutti gli orfani russi. Le loro storie di vita sono di solito molto simili. I genitori perdono la loro custodia, di solito perché bevono o non sono in grado di occuparsi dei figli. Spesso le donne rinunciano ai loro bambini subito dopo la loro nascita perché non sono in grado di mantenerli o non vogliono occuparsi dei figli che hanno un handicap. Tutti questi bambini alla fine finiscono in orfanotrofio. Si tratta di istituzioni chiuse che la Russia ha ereditato dall'Unione Sovietica, dove si trovavano centinaia di bambini rimasti orfani a causa di guerre o di rappresaglie politiche.

Ora ci sono circa 2.000 orfanotrofi in Russia. Quando gli orfani raggiungono i 16-17 anni fanno ritorno nel mondo esterno: circa 15.000 di loro ogni anno. Naturalmente, alcuni bambini possono essere adottati, ma ciò accade solo a pochi di loro. Nel 2012, i russi hanno adottato 6.500 bambini, solo 29 dei quali erano disabili. Detto questo, i due terzi degli orfani vive in famiglie affidatarie, senza essere stato adottato. I bambini, inoltre, spesso tornano negli orfanotrofi: nel 2012 è quello che è successo a circa 4.500 ragazzi. A partire dall'età di 18 anni gli orfani ricevono un assegno mensile di circa 25.000 rubli e lo Stato è tenuto a fornire loro un appartamento. Dal punto di vista economico, le cose non sembrano così male. Tuttavia, il problema principale consiste nel fatto che gli orfanotrofi sfornano giovani che sono totalmente impreparati per la vita reale, sottolinea Aleksandr Gezalov, 47 anni, esperto di orfani sociali nei paesi della CSI e lui stesso diplomato presso un orfanotrofio. “Per un bambino, lasciare l’istituto è come approdare sulla Luna, dove nessuno lo conosce. Ed è così che gli orfani trascorrono il resto della loro vita, come se indossassero una tuta spaziale, dal momento che nessuno si interessa a loro”, aggiunge.

Gezalov, che cerca di aiutare i diplomati dell'orfanotrofio ad adattarsi, dice che, allo stato attuale, gli orfanotrofi sono solo un terreno fertile per i gruppi criminali. “Sono in contatto con una giovane donna originaria di Izhevsk, che ha da poco lasciato l’orfanotrofio. Lei dice che la maggior parte di quelli che conosce sono diventati tossicodipendenti o sono già morti”. Zhenya si considera fortunato. “Ho molti amici fuori nel mondo esterno, spiega. Mentre quelle persone rimangono all'interno del loro solito cerchio di conoscenze. Qualche volta si sposano anche tra di loro”. Mentre si trovava ancora nell’istituto, Zhenya ha iniziato a interessarsi ai libri e al computer e gli insegnanti lo hanno incoraggiato a perseguire questi interessi. Certo, sono stati fatti degli sforzi per favorire l’adattamento dei diplomati provenienti dagli orfanotrofi. Gli sono stati assegnati posti nelle scuole professionali, anche se, di norma, non possono spingersi al di là dell’istruzione secondaria specialistica. La formazione che ricevono negli orfanotrofi non è infatti considerata sufficiente per poter entrare all’università.

Uno dei problemi, secondo Zhenya, è che il personale presente negli orfanotrofi non è in genere abbastanza qualificato. Molto spesso sono diplomati essi stessi provenienti da un orfanotrofio, che non sono riusciti ad adattarsi al "mondo reale"; il 90 per cento del personale è composto da donne. Non si può dire che gli orfanotrofi siano attualmente sotto finanziati. Nel 2012, lo Stato ha stanziato 3 miliardi di rubli solo per 42 orfanotrofi localizzati a Mosca e nella Regione di Mosca, che corrispondono a 1,5-3 milioni di rubli per bambino all'anno. E la cifra non include le donazioni degli sponsor. Il problema però è un altro: gli orfanotrofi ricevono i finanziamenti a seconda di quanti bambini hanno e non sono quindi interessati a trovare genitori affidatari o adottivi per i bambini o a reclutare personale esperto e qualificato: se i ragazzi ricevono un’istruzione migliore e più attenzione, molti di loro avranno maggiori chance di essere adottati.

Inoltre, lo Stato non ha ancora deciso come dovrebbero essere i diplomati degli orfanotrofi. Cosa devono essere in grado di fare, quali competenze devono possedere, per cosa dovrebbero essere pronti. Fino a quando queste domande rimarranno senza risposte, non ci potrà essere quella riforma coerente e mirata del sistema degli orfanotrofi di cui le autorità parlano da molto tempo. Secondo Gezalov, un diplomato proveniente da un orfanotrofio impiega circa 20-25 anni per adattarsi a livello sociale. Zhenya dice di aver ricevuto molto aiuto da parte degli insegnanti presso il centro di assistenza non commerciale Opora (in russo “supporto”) che aiuta gli orfani ad adattarsi. Lo hanno aiutato a scegliere un lavoro, a capire come vanno le cose "nel mondo reale" e come le persone interagiscono all’esterno. Secondo Gezalov, i centri di riabilitazione come Opora sono una buona cosa, ma tutto quello che fanno è colmare le lacune che ci sono nel sistema degli orfanotrofi. Egli sostiene che questi ultimi dovrebbero assumere insegnanti professionisti di prim'ordine.

Zhenya è riuscito a lasciarsi alle spalle quel circolo vizioso anche perché fino all'età di otto anni ha sperimentato la vita in una casa reale piuttosto che in un orfanotrofio. Era consapevole che in linea di principio si può scegliere, si può fare quello che si vuole, che si può provare e cercare di capire ciò che si desidera. “Ho fatto autoanalisi e mi ha aiutato ad adattarmi”, dice. Coloro che hanno trascorso tutta la loro vita in un orfanotrofio trovano estremamente difficile districarsi in questo sistema. Così, i figli delle donne che sono cresciute in un orfanotrofio finiscono anche loro in questi istituti e in questo modo il circolo vizioso continua. Il governo sta progettando di chiudere del tutto gli orfanotrofi, almeno per come sono organizzati ora. Zhenya dice che per se stesso aspira a una vita diversa: “Ho conoscenti che vivono in Thailandia. Un mio ex insegnante mi ha portato lì non molto tempo fa. Adesso entrambi abbiamo questo sogno utopico - di trasferirci lì per sempre”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta