A Mosca per incontrare i cavalieri di una volta

Progettato il primo parco dedicato alle ricostruzioni storiche: gran festa, in Russia, per tutti gli appassionati

Le associazioni che si dedicano alla rievocazione storica sono in tutta la Russia una decina, ma raccolgono anche parecchie centinaia di aderenti. Persone disciplinateallenate, militarmente addestrate, che riescono a orientarsi magnificamente nel territorio e che sanno davvero che cosa sono una marcia forzata o uno spostamento di truppe, e non solo per sentito dire.

Foto: Itar-Tass
Guarda la foto
sulla rievocazione
della battaglia di Borodino

Non si sta parlando di reparti speciali militari, ma di gruppi che si dedicano alle ricostruzioni storiche e che nel tempo libero sanno ricreare con stupefacente realismo battaglie dei tempi andati. E ora a Mosca è stato ufficialmente assegnato a questi gruppi un intero territorio.  

Si tratta del parco tematico Zhivaja istorija (Storia viva): un territorio di 106 ettari che verrà destinato all’organizzazione di eventi di rievocazione storica. Il parco è stato inaugurato nel quartiere di Rumjantsevo, entrato di recente a far parte dell’area urbana di Mosca. Qui verranno realizzati palazzi storici e fortezze e scavati fossati, trincee e terrapieni per ricreare le gesta militari del passato; ma sono state progettate anche infrastrutture assolutamente moderne come parcheggi, alberghi, negozi, caffè e persino un parco acquatico.

L’apertura completa del parco è prevista solo nel 2018, ma nell'agosto 2013 ha già avuto luogo il primo evento: il festival “Quartiere degli strelizzi”, organizzato dalla Società russa di storia militare. Nel parco è stato ricostruito un forte degli strelizzi che verrà utilizzato anche per le prossime rievocazioni storiche. All’iniziativa hanno partecipato associazioni di storia militare di varie regioni del Paese, specializzate nella rievocazione del XVII secolo e della cosiddetta Epoca dei Torbidi. I 700 partecipanti hanno rappresentato reparti di cavalleria, fanteria e artiglieria del periodo.  

Tali rievocazioni, che fino agli anni '80 sembravano appassionare solo pochi bizzarri fanatici e amanti della storia, col tempo hanno cominciato a prendere piede sempre di più. Il numero dei club e delle associazioni di storia militare è in aumento e le autorità locali si danno da fare per promuovere questo tipo di svago per il tempo libero.

Nel museo dell'Urss:
guarda il video

“Siamo disponibili a sostenere e a promuovere qualunque nuova forma di attività culturale e sociale, - conferma Vladimir Zhidkin, direttore del Dipartimento per lo sviluppo dei nuovi territori della città di Mosca. - Il nostro dipartimento ha il compito di coordinare le proposte che arrivano dai proprietari di terreni e che riguardano la progettazione di parchi futuri, dal nuovo Disneyland russo, un parco tematico dedicato alle fiabe russe, fino alla pista permanente da sci. Il fatto è che i nuovi insediamenti abitativi sono pochi e occorrono dei centri di attrazione in cui le persone possano sia lavorare che trascorrere il tempo libero vicino a casa”.

“Grandi eventi come questi vengono organizzati dai ricostruttori storici per comunicare con la gente e gareggiare nella rievocazione più bella e più corretta, ma anche per coinvolgere nuovi aderenti nelle proprie associazioni, - spiega Alexei Novikov, fondatore del club di storia militare Shatun (Il vagabondo), che ha preso parte al festival “Quartiere degli strelizzi”. - E per realizzare tali eventi c’è davvero bisogno di avere a disposizione aree come quella del parco “Storia viva”. Per rimanere in vita, un’associazione necessita di un afflusso continuo di nuovi soci, ma molti pensano che diventare dei “ricostruttori storici” sia molto complicato e che occorra perlomeno possedere una specializzazione di tipo scientifico e una preparazione di livello atletico… Tutto ciò certo è suggestivo, ma noi siamo disponibili a formare e ad addestrare a questi standard chiunque sia interessato o lo desideri”.

Il Festival "Tempi ed Epoche"
è in questo video 

“Sarà un luogo molto interessante - aggiunge Alexei commentando il nuovo parco di Mosca - e consentirà di sviluppare un nuovo filone turistico, garantendo un calendario mensile di eventi e la possibilità di cambiare tema ogni anno. In tal modo si riuscirà ad avere una quota fissa di spettatori che potranno assistere  a rievocazioni di storia viva! La domanda è garantita dal momento che non esiste ancora nulla di simile sul territorio russo, mentre il Parco Rus kieviana, realizzato in Ucraina, riscuote molto successo. Pur essendo inferiore per dimensioni e più modesto sul piano progettuale, attrae comunque un grande numero di visitatori anche dal nostro Paese con le sue rievocazioni di storia antica e la possibilità di cimentarsi con i mestieri del passato”.

Quello della ricostruzione storica è un trend mondiale. A distinguersi per il loro approccio serio e rigoroso alla storia sono la Federazione britannica tornei cavallereschi e il club svizzero Reggimento di San Giorgio (attivo dal 1988); in Francia, nel 1985, a coordinare le prime rievocazioni napoleoniche era stato un professore di Storia e di Diritto della Sorbona. Negli Stati Uniti non ci sono club singoli, ma esiste, invece, fin dagli anni '60 un’organizzazione, la Sca  (Society of Creative Anachronism), che conta circa 40mila aderenti ed è composta da squadre che gareggiano fra loro.

In Francia, Inghilterra, Spagna, Germania, Irlanda e Svizzera, insomma, dovunque siano presenti antichi castelli, si può assistere alle rievocazioni di “gesta medievali”. E ora anche in Russia ci sarà un luogo dove la storia riprenderà a vivere sotto gli occhi di tutti. 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie