Meno Tv e più moto per gli studenti russi

Una manifestazione sportiva in Piazza Rossa (Foto: PhotoXPress)

Una manifestazione sportiva in Piazza Rossa (Foto: PhotoXPress)

Le autorità del Paese si dimostrano preoccupate per la salute delle giovani generazioni, sempre più sedentarie, e decidono di promuovere più sport nelle scuole come ai tempi dell'Urss

I bambini e gli adolescenti russi si dedicano sempre meno all’esercizio fisico. Conducono uno stile di vita sedentario e trascorrono gran parte del loro tempo libero davanti alla Tv o al computer”, ha avvertito Vladimir Putin nel corso di una riunione sulla promozione dello sport tra i giovani.

Secondo il Presidente, in Russia, due terzi dei bambini, all’età di 14 anni, soffrono già di malattie croniche, e la metà degli studenti presentano disturbi marcati nello sviluppo dell’apparato muscolo-scheletrico.

Per contrastare questa tendenza negativa, vanno rivisti gli approcci all’educazione fisica, in modo che diventi un sistema completo, efficace e moderno, ha detto il Presidente russo.

Che cos'è il Gto

Il programma di valutazione fisica “Gotov k Trudu i Oborone - Pronto al lavoro e alla difesa” (Gto) era stato introdotto nel 1931 per “migliorare il livello di preparazione e prontezza fisica del popolo sovietico, in particolare quello delle giovani generazioni ...”. Il programma di preparazione atletica era destinato alle organizzazioni educative, sportive e professionali dell’Unione Sovietica, e riguardava la popolazione di età compresa tra i 10 e i 60 anni. Includeva esercizi ginnici, la corsa (su brevi e medie distanze), il salto (in lungo o in alto), il lancio (del disco, del giavellotto, del peso, ecc.), il nuoto, lo sci e il tiro (solo per gli uomini). Il superamento dei test previsti dal programma era premiato con dei distintivi speciali. A seconda del livello, una volta superate le prove, ai più bravi veniva assegnato un distintivo d’oro o d’argento Gto. Per ricevere il distintivo d’oro Gto, un giovane di 25 anni doveva, per esempio, effettuare una corsa di cento metri in 13 secondi e nuotare 100 metri in un minuto e mezzo

È possibile, a tal fine, ricorrere all’esperienza sovietica, in particolare, al cosiddetto programma di valutazione fisica Gto (“Gotov k Trudu i Oborone - Pronto al lavoro e alla difesa”), che, secondo Putin, grande appassionato di sambo e judo, “costituiva a suo tempo uno standard per l’educazione fisica”.

Le scuole russe hanno appoggiato l’idea di introdurre una serie di parametri obbligatori di valutazione fisica degli studenti. Secondo il direttore di una scuola di Mosca, Pavel Karpov, “è normale che lo Stato voglia contribuire alla corretta formazione dei propri futuri cittadini”, e l’educazione fisica non ha mai fatto male a nessuno. “Da quello che ho capito, il Gto è un programma che prevede una serie di norme, e non vedo nulla di male in tutto ciò”, ha dichiarato il direttore al quotidiano online Gazeta.ru. “Nell’educazione fisica ci dovrebbero essere degli indicatori precisi, facilmente identificabili, che permettano di fissare un livello determinato. Il Gto consentirebbe di unificare questo livello”.

I politici sono d’accordo con gli insegnanti. “Dal punto di vista della salute della nazione, si tratta di un’ottima idea”, ha dichiarato all’agenzia di stampa Ria Novosti, il capo del comitato della Duma di Stato per l’Istruzione, Aleksandr Degtjarev.

“È una promessa per la società. Lo sport è alla base di uno stile di vita sano che permette di raggiungere standard internazionali di successo”, riporta Ria Novosti citando le parole del campione Vjaceslav Fetisov, membro del Consiglio della Federazione (la Camera Alta del Parlamento).

Secondo il senatore, praticare uno sport sin dalla giovane età fa sì che i ragazzi, arrivati ai 12 anni, sviluppino una tenace avversione all’alcool e alle droghe. “Abbiamo bisogno di una nazione sana, solo così possiamo costruire un’economia altrettanto sana e raggiungere i migliori risultati”, ha detto Fetisov.

Nello sviluppo di un sistema di standard sportivi per i giovani sarà necessario prendere in considerazione innanzitutto lo stato di salute del bambino. “Non dobbiamo stabilire dei requisiti troppo elevati per evitare casi di infarto. Ma dobbiamo elaborare un sistema di parametri di riferimento”, ha dichiarato Putin.

Secondo il garante per l’infanzia a Mosca Evgenij Bunimovich, la salute fisica e lo sviluppo dei bambini sono una questione molto importante, a cui le scuole russe non rivolgono praticamente nessun tipo d’attenzione. “Tutti i bambini sono diversi, anche a livello di sviluppo fisico all’interno della stessa fascia d’età; molti nascono già con grandi problemi -, riconosce Bunimovich. - Pertanto, se stiamo parlando dello sviluppo fisico di ciascun bambino, è importante che venga definito per lui un livello che possa cercare di superare. L’unico mio timore è che alla fine venga, come al solito, imposto un unico standard per tutti, e mi dovrò battere perché ciò non avvenga”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta