Festeggiare l'8 marzo a Mosca

Al Parco Gorky di Mosca l'8 marzo 2013 le donne pattinano gratis (Foto: RIA Novosti)

Al Parco Gorky di Mosca l'8 marzo 2013 le donne pattinano gratis (Foto: RIA Novosti)

La Giornata della Donna nel 2013 cade di venerdì, così russe e russi avranno un intero week end per divertirsi. Ecco le attività nella capitale

Nel 2013, per una fortunata coincidenza, l’8 marzo cade di venerdì; questo significa che i russi avranno a disposizione tre intere giornate per festeggiare. Russia Oggi vi propone alcune attività per trascorrere questo fine settimana da veri moscoviti.

Dare l’addio all’inverno come la “ragazza con il remo”

La ragazza con il remo

Sino al 1941 nel Parco Gorky c'era una scultura, opera di Ivan Shadr, raffigurante una donna che teneva un remo nella mano destra. La statua, di dimensioni reali, poggiava su una base di bronzo che ne portava l’altezza a dodici metri. Distrutta durante la guerra, la statua  fu successivamente restaurata su iniziativa dell’Associazione degli entusiasti del canottaggio e collocata sul lungofiume Pushkin, nei pressi del ponte Novoandreyevsky

Secondo il calendario l’arrivo della primavera meteorologica cade il 1° marzo. Ma i primi di marzo a Mosca fa ancora freddo. Chi ama l’inverno e vorrebbe che si prolungasse per poter godere sino in fondo delle particolari attività legate a questa stagione può recarsi al Parco Gorky e visitare la pista artificiale di pattinaggio più grande d’Europa.  

La pista è aperta dalle dieci del mattino alle tre del pomeriggio e dalle cinque del pomeriggio alle undici di sera. L’ingresso costa tra i sette e i dieci auro e i biglietti possono essere prenotati in anticipo sul sito Internet. La pista dispone di armadietti dove lasciare le proprie cose e di numerosi bar. Inoltre, (previo deposito di quaranta euro), è possibile affittare i pattini sul posto. Si tratta di un luogo ideale per trascorrere una giornata speciale in compagnia della famiglia, delle amiche o dell’amore della propria vita, tra musica e piroette sul ghiaccio.

Foto: Ria Novosti

La statua de "La ragazza con il remo" (Foto: Ria Novosti)

In occasione della Giornata internazionale della donna, i proprietari della pista permetteranno a tutte le clienti di accedere gratuitamente alla pista. Dalle tre alle sei del pomeriggio, un noto gruppo di artisti sarà a disposizione per trasformare tutte le donne in repliche della “Ragazza con il remo”, la scultura sovietica che è simbolo del parco.

Salutare la primavera
Nel parco Perovsky, in occasione della Giornata internazionale della Donna, sarà allestito uno spettacolo speciale. Una ballerina dipingerà un quadro e un gruppo di caricaturisti sarà a disposizione per fare ritratti, il tutto sulle note di colonne sonore tratte da famosi film russi e stranieri. Il parco sarà aperto al pubblico da mezzogiorno alle tre del pomeriggio. Che scenda la pioggia o soffi il vento, ogni donna riceverà in dono un mazzo di fiori.

Vedere le donne attraverso gli occhi degli artisti
Chi preferisce uno svago di tipo culturale farà bene a dirigersi alla mostra “Femminismo: dall’avanguardia ai nostri giorni”, che sarà inaugurata l’8 marzo 2013 ai piedi del monumento dedicato al Lavoratore e alla donna kolchoz, nei pressi del VDNKh, accanto alla stazione della metropolitana.

La mostra presenta la storia del femminismo attraverso opere realizzate da artisti russi e stranieri con tecniche diverse: quadri, arti grafiche, tessuti, sculture, manifesti e persino in porcellana. La mostra resterà aperta tutti i giorni (ad eccezione del lunedì) sino al 12 maggio 2013, da mezzogiorno alle nove di sera. Il biglietto d’ingresso è di nove euro.

… o non vedere nulla, ma lasciarsi ugualmente sorprendere
Se siete stanchi di festeggiare l'occasione con una cenetta romantica, ma volete comunque onorare la tradizione, trasformate la solita cena al ristorante in un’avventura al buio. Il ristorante Al buio (V temnote), in via Oktyabrskaya, vi permetterà di gustare un pasto di qualità completamente al buio, servito da camerieri invisibili. Le condizioni vi saranno spiegate all’ingresso, dove sarete anche aiutati a scegliere tra le pietanze. Il menù “sala scura” è suddiviso in blocchi di colore, ciascuno dei quali caratterizzato da piatti particolari. Pagando un supplemento, è possibile inoltre richiedere un massaggio su un’apposita poltrona.

Se pensate che mangiare nella “sala scura” possa essere una complicazione più che un divertimento, potete chiedere di sedere invece nella “sala della luce” e cenare in modo tradizionale. Per informazioni aggiornate sulla disponibilità dei posti nella “sala scura” si può controllare il sito del ristorante. Fino al 10 marzo 2013 è prevista una grande affluenza di clienti; si consiglia quindi di prenotare in anticipo.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta