Russia, ecco l’album musicale “pubblicato” da una rete neurale

Getty Images
Hanno partecipato al progetto anche musicisti in carne e ossa. Il risultato? Un po’ spaventoso, ma bello

L’album di tre canzoni è stato intitolato “Musica non umana”. Alla sua creazione, oltre all’intelligenza artificiale di Yandex, hanno preso parte il gruppo indie alternativo “Komsomolsk”, il compositore Kuzma Bodrov e il techno DJ Nikita Zabelin.

Una rete neurale ha creato 25 linee melodiche basate sulle opere di Johann Sebastian Bach, Alfred Shnitke e Sergej Rakhmaninov. Successivamente, i musicisti in carne e ossa hanno scelto le melodie che piacevano loro di più e hanno finito di elaborarle.

Kuzma Bodrov, con la partecipazione dell’orchestra “Novaja Rossija” e del famoso direttore Jurij Bashmet, ha scritto il pezzo sinfonico “Digital Sunrise”, Nikita Zabelin ha creato la traccia ambient “Neurobirth Modular”, e il gruppo “Komsomolsk” ha scritto i testi per la melodia scelta, ed è così che è uscito il brano “My ishchem cheloveka” (“Cerchiamo l’uomo”). 

La canzone inizia con le seguenti parole:

“Зажигаются дома, отражаясь на голой груди асфальта

Я встаю на цыпочки,

Чтобы лучше разглядеть через окна запотевшие,

Где сегодня прячется человек.

Может быть, он застрял между оконных стекол и бьется,

Там жужжит, как майская муха.

Может быть, на тротуар он дождем возбужденный вылез

И, как червяк, раздавлен был слепой старухой.

Может быть, он словно почта завалился за диван.

Может быть, ему четыре – он залез к отцу на плечи.

Ну а может быть он просто мертвецки пьян,

Страшно прожил жизнь и сгорел до тла, как спичка…

Мы ищем человека

Мы ищем человека”

*** 

“Si illuminano le case, riflettendosi sul petto nudo dell’asfalto

Mi alzo in punta di piedi

Per vedere meglio attraverso le finestre appannate

Dove oggi si nasconde l’uomo

Forse è rimasto incastrato tra i vetri della finestra e sbatte

e ronza, come una mosca di maggio.

Forse è strisciato sul marciapiede

eccitato dalla pioggia

E come un verme è stato schiacciato da una vecchia cieca

Forse è come posta caduta dietro al divano

Forse ha quattro anni ed è salito sulle spalle di suo padre

O forse è solo ubriaco da morire

Ha vissuto una vita spaventosa, ed è bruciato fino alla fine, come un fiammifero…

Noi cerchiamo l’uomo

Noi cerchiamo l’uomo” 

Gli sviluppatori non avevano il compito di insegnare alla rete neurale a comporre musica “bella”, perché una programmazione del genere è impossibile, dal punto di vista della formulazione matematica, come spiega Aleksandr Krainov, capo del laboratorio di intelligenza artificiale di Yandex.

Secondo lui, la rete neurale è concepita come un assistente per il compositore, e non come un autore indipendente che prenderà il suo posto. 

La società ha anche pubblicato un video su come musicisti e rete neurale hanno collaborato per comporre la musica. 

Questo è il secondo album della rete neurale di Yandex. Nel 2016, l’algoritmo aveva scritto testi nello stile di Egor Letov (1964-2008), il fondatore della rock band russa “Grazhdanskaja oborona” (“Difesa civile”).

 

La tecnologia al servizio dellambiente: le reti neurali potranno davvero salvare la Terra? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie