Spazio, la Russia manderà in orbita due satelliti a sfera di altissima precisione

Getty Images
Saranno in grado di prevenire i disastri naturali sulla Terra, monitorare il campo gravitazionale del nostro pianeta e controllare la tecnologia russa in orbita

La Russia si sta preparando a inviare in orbita due sfere di vetro: satelliti che realizzeranno studi di alta precisione. Questi satelliti saranno in grado di prevenire i disastri naturali sulla Terra, monitorare il campo gravitazionale del nostro pianeta e controllare la tecnologia russa in orbita.
Il lancio è previsto per ottobre 2018 ed è gestito dalla filiale di Roskosmos “Sistemi Preciznogo Priborostroeniya”, un’azienda specializzata in lenti multistrato ad alta precisione che saranno utilizzate per la creazione di queste sfere di vetro.
Al giorno d’oggi sono solamente due i Paesi, a parte la Russia, capaci di produrre questo tipo di satelliti: Usa e Francia.
In totale sono stati fabbricati tre satelliti di forma sferica: due di essi saranno mandati in orbita, il terzo invece sarà installato sulla Terra come trasmettitore.
A differenza delle tecnologie precedenti, questi nuovi satelliti russi avranno una precisione al millimetro. “Ciò presuppone dei risultati record, visto che gli altri sistemi sono molto meno precisi”, ha spiegato al giornale Izvestia il direttore di SPP, Yurij Roy.
Questi satelliti con lenti ad alta precisione saranno in grado non solo di misurare il campo gravitazionale della Terra, ma anche di aumentare la precisione di GLONASS o misurare i movimenti tellurici delle placche situate nel sottosuolo.
Il primo satellite in vetro, chiamato BLITS, fu lanciato nel 2009. Ha orbitato a 800 km dal nostro pianta fino al 2013, prima di rompersi. Le nuove sfere di vetro saranno in grado di raggiungere un’orbita due volte più lontana delle precedenti.

Volete conoscere la scoperte scientifiche russe che aprono le porte dell’umanità al futuro? Scopritele qui 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond